L’economia russa si contrae bruscamente mentre la guerra e le sanzioni continuano

L’economia russa ha subito una forte contrazione nel secondo trimestre quando il paese ha subito il peso delle conseguenze economiche della sua guerra in Ucraina, in quella che gli esperti ritengono sia l’inizio di una recessione durata anni.

L’agenzia di statistica russa ha dichiarato, venerdì, che l’economia si è ridotta del 4% da aprile a giugno rispetto all’anno precedente. Questo è il primo rapporto trimestrale sul PIL a cogliere appieno il cambiamento nell’economia dall’invasione dell’Ucraina a febbraio. È stata una forte inversione di tendenza rispetto al primo trimestre, quando l’economia è cresciuta del 3,5%.

Le sanzioni occidentali, che hanno privato la Russia di circa la metà dei suoi 600 miliardi di dollari di scorte di emergenza di valuta estera e oro, hanno fortemente limitato i rapporti con le banche russe e interrotto l’accesso alla tecnologia statunitense, spingendo centinaia di importanti società occidentali a ritirarsi dal paese. .

Ma anche con l’esaurimento delle importazioni in Russia e la sospensione delle transazioni finanziarie, Costringere il paese al default sul suo debito esteroL’economia russa si è dimostrata più resiliente di quanto inizialmente previsto da alcuni economisti e il calo del PIL riportato venerdì non è stato così grave come alcuni si aspettavano, in parte perché le casse del paese sono state inondate di entrate energetiche con l’impennata dei prezzi globali.

Nonostante ciò, gli analisti affermano che le perdite economiche aumenteranno notevolmente man mano che i paesi occidentali si allontanano sempre più dal petrolio e dal gas russi, due importanti fonti di entrate delle esportazioni.

“Abbiamo pensato che sarebbe stato un tuffo profondo quest’anno, e poi anche all’estero”, ha affermato Laura Solanko, consulente senior presso l’Istituto per l’economia in transizione della Banca di Finlandia, dell’economia russa. Invece, c’è stata una recessione economica più moderata, ma che continuerà nel prossimo anno, mettendo l’economia in una recessione di due anni meno profonda, ha affermato.

READ  La Commissione afferma che l'Ucraina dovrebbe diventare un candidato per l'adesione all'UE

La Russia, che aveva un’economia di 1,5 trilioni di dollari prima dell’inizio della guerra, si è mossa rapidamente nei giorni successivi all’invasione per mitigare l’impatto delle sanzioni. Banca centrale Più del doppio del tasso di interesse al 20 per cento, ha fortemente limitato il flusso di denaro fuori dal paese, ha chiuso la negoziazione di azioni alla Borsa di Mosca e ha allentato i regolamenti sulle banche fino a quando i prestiti non si sono fermati. Il governo ha anche aumentato la spesa sociale a sostegno delle famiglie e i prestiti alle imprese colpite dalle sanzioni.

Le misure hanno mitigato parte dell’impatto delle sanzioni. e come il rublo è rimbalzato, Le finanze russe hanno beneficiato degli alti prezzi del petrolio.

“La Russia ha resistito allo shock delle sanzioni iniziali” “Finora è stato relativamente resistente”, ha affermato Dmitriy Dolgin, capo economista che si occupa della Russia presso la banca olandese ING. Ma ha osservato che a meno che la Russia non riesca a diversificare il proprio commercio e finanziamento, l’economia sarà più debole nel lungo periodo.

L’agenzia di statistica ha affermato che il commercio al dettaglio è diminuito di circa il 10%, mentre l’attività commerciale all’ingrosso è diminuita del 15%.

I dati pubblicati venerdì sono in linea con altri rapporti provenienti dalla Russia, ha affermato Michael S. Bernstam, ricercatore presso la Hoover Institution della Stanford University. Anche lui si aspetta che l’economia si deteriori nella seconda metà di quest’anno, e poi di nuovo nel 2023.

Mentre la guerra si trascina, molti paesi e aziende cercheranno di porre fine permanentemente ai legami con la Russia e le sue attività locali. Le aziende lotteranno per ottenere parti per macchine di fabbricazione occidentale e il software avrà bisogno di aggiornamenti. Le aziende russe dovranno riorganizzare le loro catene di approvvigionamento man mano che le importazioni si riducono.

READ  I contatti con le forze ucraine sono andati perduti in mezzo a "pesanti combattimenti" nell'acciaieria di Mariupol, afferma il sindaco

Le prospettive per l’industria energetica russa, centrale per l’economia del Paese, si stanno deteriorando. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno già vietato le importazioni di petrolio dalla Russia e la produzione petrolifera del paese diminuirà ulteriormente all’inizio del prossimo anno, quando entrerà in vigore il pieno impatto del divieto di importazione dell’UE. La Russia dovrà trovare clienti per circa 2,3 milioni di barili di petrolio greggio e prodotti petroliferi al giorno, che è circa il 20 per cento della sua produzione media nel 2022, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia.

Finora, paesi come l’India, la Cina e la Turchia hanno assorbito parte del commercio perso dall’Europa e dagli Stati Uniti, ma non è chiaro quanti nuovi acquirenti possano essere trovati.

Anche la dipendenza dal gas naturale russo è stata ridotta. Nell’ultima settimana di giugno, le importazioni totali di gas dell’UE dalla Russia sono diminuite del 65% rispetto all’anno precedente, secondo Rapporto della Banca centrale europea. Alcuni di questi cali sono stati imposti all’Europa perché la Russia ha interrotto le sue forniture di gas. Ma i paesi europei hanno intensificato i loro sforzi per trovare fonti alternative e, ad esempio, stanno sviluppando rapidamente infrastrutture per ulteriori importazioni di gas naturale liquefatto.

L’economia soffrirà per “l’esaurimento delle scorte di investimenti e importazioni, l’applicazione dell’embargo petrolifero dell’UE, l’aumento della pressione finanziaria sulle famiglie e la loro maggiore dipendenza dallo stato”, mentre la capacità della banca centrale e del governo di fornire contanti è limitata, secondo ING Dolgin ha scritto.

Subito dopo l’invasione dell’Ucraina, l’inflazione in Russia è aumentata vertiginosamente mentre le famiglie si affrettavano a cercare i beni che si aspettavano sarebbero diventati scarsi. A luglio, l’inflazione ha superato più di 15 per cento, Secondo la Banca centrale russa. Tuttavia, ci sono già segnali di rallentamento dell’inflazione, e di conseguenza La banca centrale ha ridotto i tassi di interesse all’8%.inferiore rispetto a prima della guerra.

READ  Le ultime notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina: un attacco a Kharkiv con l'intensificarsi dell'invasione, vicino a Kiev

Il mese scorso, la banca ha affermato che l’attività imprenditoriale non è rallentata quanto previsto, ma che il contesto economico “rimane difficile e continua a limitare in modo significativo l’attività economica”.

La banca prevedeva che l’economia si sarebbe ridotta del 4-6% quest’anno, molto meno di quanto inizialmente previsto subito dopo l’inizio della guerra. Questa cifra del 6 percento corrisponde anche all’ultima Un aggiornamento dal Fondo monetario internazionale.

La banca centrale ha dichiarato venerdì che l’economia subirà una contrazione più profonda il prossimo anno e non tornerà alla crescita fino al 2025. La banca prevedeva che il tasso di inflazione sarebbe compreso tra il 12 e il 15% entro la fine dell’anno.

Nei prossimi mesi, i problemi della catena di approvvigionamento presenteranno sfide, poiché le aziende vincolate dalle sanzioni cercheranno di spostare le loro catene di approvvigionamento per ricostituire le scorte di prodotti finiti e grezzi.

“Non credo che l’economia russa stia andando bene in questo momento”, ha detto la signora Solanko. Ma l’idea che le sanzioni e un’uscita aziendale dalla Russia avrebbero causato un rapido collasso dell’economia non era affatto realistica. “Le economie non svaniscono”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.