Le previsioni sulle vendite di auto negli Stati Uniti per il primo trimestre del 2022 sembrano cupe a causa di chip e inflazione

Le nuove Jeep sono in mostra presso uno showroom di una concessionaria di automobili il 5 ottobre 2021 a New York City.

Spencer Platt | Getty Images

È probabile che le case automobilistiche riportino forti cali delle vendite per marzo e il primo trimestre, affermano gli analisti del settore, poiché la continua carenza di nuovi veicoli lascia agli acquirenti di automobili poche opzioni, spesso molto costose.

Previsioni di vendita di auto negli Stati Uniti da Cox AutomotiveE il EdmundsE il JD Power / LMC Automotive Supponiamo che le vendite del primo trimestre di auto, furgoni e SUV siano state probabilmente inferiori a 3,3 milioni, in calo di oltre il 14% rispetto a Primo trimestre 2021.

Per alcune case automobilistiche, i cali potrebbero essere anche peggiori. Si aspetta Edmunds motori generaliE il HondaE il aprileE il Volkswagen Per riportare le vendite anno su anno in calo di oltre il 20% per il primo trimestre, con roccaforte Va solo un po’ meglio.

Ma quando le vendite scendono, i prezzi aumentano: Gli analisti di TrueCar hanno detto Il prezzo medio di vendita di un’auto nuova negli Stati Uniti è aumentato del 15,4% a marzo rispetto a un anno fa, a quasi $ 43.500.

Le preoccupazioni dei consumatori sull’inflazione, compresi i prezzi più elevati di benzina e auto, hanno probabilmente giocato un ruolo nel previsto calo delle vendite per il trimestre, che include un calo previsto di almeno il 24% a marzo. Ma il fattore più grande è la mancanza di fornitura di auto nuove in mezzo La carenza globale di chip semiconduttori.

“I prezzi elevati del gas sono stati elevati per le preoccupazioni dei consumatori a marzo, ma è stata la carenza di scorte che alla fine ha ridotto le vendite di auto nuove nel primo trimestre”, ha affermato Jessica Caldwell, direttore esecutivo delle statistiche di Edmunds.

READ  I migliori talenti si licenziano mentre il laboratorio cerca di tenere il passo con la concorrenza

Edmunds prevede che le vendite di auto nel primo trimestre siano diminuite del 15,2% su base annua. La società ha dichiarato che le scorte sono ancora molto scarse, con solo 20 giorni di fornitura per i veicoli a gas e 21 giorni per i veicoli elettrici. Le case automobilistiche in genere mirano ad avere abbastanza veicoli in stock per durare dai 60 ai 70 giorni.

Caldwell ha osservato che le case automobilistiche sono ancora alle prese con interruzioni della catena di approvvigionamento legate al Covid e ora potrebbero dover affrontare ulteriori sfide di approvvigionamento sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.

Charlie Chesborough, capo economista di Cox Automotive, ha osservato che le vendite di auto negli Stati Uniti sono tradizionalmente aumentate a marzo con l’arrivo del clima primaverile nella maggior parte degli Stati Uniti. Pensa che la domanda dei consumatori sarà probabilmente forte in questo momento, se solo le case automobilistiche avessero più auto da vendere.

“Bassa disoccupazione, tassi di interesse relativamente bassi: le condizioni sono mature per un aumento delle vendite”, ha affermato Chesborough. Ma, ha detto, fino a quando le case automobilistiche non potranno aumentare il numero di veicoli in molte concessionarie, le vendite rimarranno deboli.

“Non commettere errori, questo mercato è bloccato in allerta bassa”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.