Le inondazioni in Pakistan hanno colpito 33 milioni di persone nel peggior disastro degli ultimi dieci anni, afferma un ministro

Da metà giugno, 937 persone sono morte a causa di piogge torrenziali e inondazioni in tutto il paese dell’Asia meridionale, secondo la National Disaster Management Authority (NDMA) del paese.

Il ministro per i cambiamenti climatici Sherry Rehman ha definito le inondazioni “senza precedenti” e “la peggiore catastrofe umanitaria di questo decennio”.

“Il Pakistan sta attraversando il suo ottavo ciclo di monsoni, mentre il paese di solito sperimenta solo da tre a quattro cicli di pioggia”, ha affermato Fazlur Rahman. “Le percentuali di torrent torrent sono orribili.”

Ha evidenziato in particolare l’impatto sul sud del Paese, aggiungendo che sono in corso i “massimi” soccorsi.

Ha detto che l’NDMA, l’esercito pakistano e l’Autorità regionale per la gestione dei disastri stavano lavorando per aiutare le persone colpite, ma c’era un “urgente” bisogno di riparo e soccorso a causa del numero crescente di senzatetto e famiglie senza fissa dimora.

Ha aggiunto che la provincia meridionale del Sindh, gravemente colpita dalle inondazioni, ha richiesto un milione di tende, mentre la vicina provincia del Belucistan – in gran parte tagliata fuori da elettricità, gas e internet – ha chiesto 100.000 tende.

“La priorità del Pakistan al momento è questa catastrofe umanitaria di proporzioni epiche indotta dal clima”, ha affermato Rehman, esortando la comunità internazionale a fornire assistenza date le risorse “limitate” del Pakistan.

I residenti si rifugiano in un campo improvvisato nel distretto di Rajanpur, nella provincia pakistana del Punjab, il 24 agosto.

Venerdì, il primo ministro pakistano Sharif ha informato i diplomatici internazionali sulla crisi, osservando che il suo paese – in prima linea di fronte ai cambiamenti climatici nonostante la sua impronta di carbonio relativamente ridotta – dovrebbe concentrare la sua riabilitazione verso una maggiore resilienza di fronte ai cambiamenti climatici.

READ  I paesi del G7 hanno annunciato il divieto dell'oro alla Russia all'inizio del vertice alla luce della guerra

30 milioni di persone sono state colpite, ha dichiarato separatamente a Reuters il ministro della Pianificazione e dello Sviluppo Ahsan Iqbal, una cifra che rappresenterebbe circa il 15% della popolazione del Paese dell’Asia meridionale.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha dichiarato giovedì in un aggiornamento che le piogge monsoniche hanno colpito quasi 3 milioni di persone in Pakistan, di cui 184.000 sono state sfollate nei campi di soccorso in tutto il paese.

Più di 900 persone uccise dalle piogge monsoniche e dalle inondazioni in Pakistan, inclusi 326 bambini

Gli sforzi di finanziamento e ricostruzione saranno una sfida per il Pakistan a corto di liquidità, che deve tagliare le spese per garantire che il FMI accetti di rilasciare i fondi di salvataggio tanto necessari.

Nelle ultime 24 ore, 150 chilometri (circa 93 miglia) di strade sono stati danneggiati in tutto il paese e più di 82.000 case sono state parzialmente o completamente danneggiate, ha affermato in un rapporto la National Disaster Management Administration.

Da metà giugno, quando è iniziato il monsone, più di 3.000 chilometri (1.864 miglia) di strade, 130 ponti e 495.000 case sono stati danneggiati, secondo l’ultimo rapporto sulla situazione dell’NDMA, e le cifre fanno eco nel rapporto dell’OHCA.

‘La pioggia non ha mai smesso’

La stragrande maggioranza di questo danno è nel legame.

“Fratello, da tre mesi non smette di piovere… Viviamo in risciò con i nostri figli perché il tetto della nostra casa di fango perde”, ha detto a Reuters TV una donna che ha chiesto di non essere nominata a Hyderabad nel Sindh. Provincia. La seconda città più grande.

Le forze dell'esercito distribuiscono cibo e rifornimenti agli sfollati in un campo di soccorso nel distretto di Jamshoro, nel Pakistan meridionale, il 24 agosto.

“Dove andiamo? Le grondaie traboccano e il nostro cortile è pieno di liquami. Le nostre case e i vicoli si sono trasformati in un bidone della spazzatura galleggiante”, ha detto, seduta con tre dei suoi figli su un risciò.

READ  L'attrice Ai Weiwei mette in guardia contro l'arroganza in tempi "complicati".

L’OCHA ha anche avvertito che sono stati emessi avvisi di inondazioni, flussi di fiumi e smottamenti in diverse aree del Pakistan e che nei prossimi due giorni sono previste forti piogge anche nella maggior parte del Paese.

Rahman ha affermato che le precipitazioni nella provincia del Sindh sono aumentate del 784% questo mese rispetto alla media di agosto, con 23 aree dichiarate colpite.

Il vicino Belucistan è stata una delle aree più colpite, con il capoluogo di provincia, Quetta, in gran parte tagliato fuori da elettricità, gas e Internet.

Rahman ha aggiunto che le precipitazioni sono aumentate di quasi il 500% nella provincia, portando alla sospensione dei servizi di elettricità e gas nella maggior parte dei distretti di Quetta da giovedì mattina, secondo l’autorità provinciale di gestione dei disastri.

Gravi interruzioni dei servizi cellulari, Internet e di rete fissa della città hanno causato problemi alle operazioni di soccorso, che hanno spinto il governo del Belucistan a richiedere l’assistenza dell’esercito pakistano nelle operazioni di soccorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.