Le inondazioni in Cina provocano almeno 12 morti, migliaia di evacuati

Inondazioni improvvise nel sud-ovest e nord-ovest Cina I media ufficiali hanno riferito che almeno dozzine di persone sono state uccise e altre migliaia sono rimaste ferite.

Almeno sei persone sono rimaste uccise e altre 12 sono disperse dopo che forti piogge hanno innescato inondazioni improvvise nella provincia sudoccidentale del Sichuan, ha riferito domenica l’agenzia di stampa statale CGTN.

A partire da sabato, circa 1.300 persone erano state evacuate, afferma il rapporto.

Nel frattempo, la State Broadcasting Corporation (CCTV) ha affermato che altri sei morti sono stati segnalati nella città di Longnan, nella provincia nord-occidentale del Gansu, e tremila persone sono state evacuate. Nel corso di un giorno e mezzo le precipitazioni sono state in media di 98,9 mm nelle zone più colpite, quasi il doppio della media di luglio.

La pioggia arriva in mezzo a un’ondata di caldo in alcune parti del paese, tra cui la provincia orientale dello Zhejiang e la città di Shanghai, con temperature che sono salite a 42 gradi Celsius (107,6 Fahrenheit) la scorsa settimana.

Le ondate di caldo dovrebbero tornare questa settimana in molte parti della Cina, fino alla fine di agosto, ha affermato un meteorologo. Temperature da 39°C a 42°C (da 102,2°F a 107,6°F) sono previste nella regione meridionale dopo il 20 luglio, comprese le province di Jiangxi, Zhejiang e Fujian.

Sul suo sito web, il meteorologo ha affermato che il caldo estremo sarebbe durato “per un lungo periodo” di 40 giorni, rispetto ai soliti 30 giorni.

Gli esperti affermano che eventi meteorologici così estremi stanno diventando più probabili a causa del cambiamento climatico. L’aria più calda può immagazzinare più acqua, provocando esplosioni di nubi più grandi quando viene rilasciata.

L’alluvione si aggiunge in parte ai problemi economici causati Azione rigorosa contro il COVID-19 Limitare i viaggi e interrompere le catene di approvvigionamento.

Un'auto si trova accanto a una sezione di un ponte che è stato spazzato via dalle acque alluvionali a Qingyang, nel nord-ovest della Cina
Sabato, un’auto si trova accanto a una sezione di un ponte spazzato via dalle acque alluvionali su un fiume a Qingyang, nella provincia di Gansu, nella Cina nord-occidentale. Foto: A.P

La Cina non è l’unico paese che soffre di maltempo. Vigili del fuoco in Portogallo, Spagna, Francia, Grecia e Marocco Combattere gli incendi boschivi che imperversa su decine di migliaia di ettari come questa settimana L’ondata di caldo continua a portare temperature estreme Ha causato centinaia di morti in tutta l’Europa sudoccidentale.

La seconda ondata di caldo estivo – le temperature hanno raggiunto i 47 °C (116 °F). Portogallo E 45 gradi Celsius in Spagna hanno causato incendi che hanno costretto migliaia di persone a evacuare.

nel Regno Unito , Primo allarme rosso in assoluto per caldo eccezionale È entrato in vigore, con temperature che dovrebbero raggiungere i 41 gradi Celsius (105,8 Fahrenheit) nei prossimi due giorni, battendo i record di caldo del paese.

In Germania, un calo del livello dell’acqua del fiume Reno a causa della siccità ha interrotto la catena di approvvigionamento delle merci del Paese. Le ondate di caldo hanno colpito anche il sud degli Stati Uniti.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto

READ  Mariupol: il capo dell'esercito ucraino afferma che le persone rischiano la vita ogni volta che lasciano il rifugio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.