Le forti piogge uccidono dozzine nel sud della Cina mentre il cambiamento climatico amplifica le stagioni delle inondazioni

Nelle ultime settimane, piogge torrenziali hanno causato gravi inondazioni e smottamenti in vaste zone della Cina meridionale, danneggiando case, raccolti e strade.

E le frane hanno ucciso sette persone nella provincia del Guangxi giovedì, ha riferito l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua. Il rapporto afferma che una persona è ancora scomparsa.

Nella provincia di Hunan, 10 persone sono state uccise questo mese e tre sono ancora disperse, con 286.000 persone evacuate e un totale di 1,79 milioni di residenti colpiti, hanno detto i funzionari in una conferenza stampa mercoledì.

Più di 2.700 case sono crollate o gravemente danneggiate e 96.160 ettari di raccolti sono stati distrutti: pesanti perdite per una provincia che funge da importante centro di produzione di riso in Cina. Le perdite economiche dirette sono stimate in oltre 4 miliardi di yuan ($ 600 milioni), secondo i funzionari.

Alla fine del mese scorso, inondazioni e smottamenti hanno ucciso otto persone nella provincia costiera del Fujian, cinque nella provincia sudoccidentale dello Yunnan e due bambini travolti da piogge torrenziali nella provincia del Guangxi.

Le autorità cinesi sono in allerta per la stagione delle inondazioni di quest’anno, iniziata questo mese, dopo che 398 persone sono morte nel paese inondazioni devastanti A causa delle precipitazioni senza precedenti nella provincia centrale di Henan la scorsa estate.

Le inondazioni estive si verificano regolarmente in Cina, soprattutto nelle aree agricole densamente popolate lungo il fiume Yangtze e i suoi affluenti. Ma gli scienziati avvertono da anni che la crisi climatica amplificherà le condizioni meteorologiche estreme, rendendole più mortali e frequenti.

Il riscaldamento globale ha già intensificato l’intensità degli eventi di precipitazioni estreme nella regione dell’Asia orientale, che comprende la Cina meridionale. L’intensità e la frequenza degli eventi di pioggia estrema dovrebbero aumentare con il riscaldamento globale, secondo l’ultima scienza dell’Intergovernmental Panel on Climate Change. Anche il numero di potenti cicloni tropicali è aumentato.

L’Henan, che tradizionalmente non era un’area soggetta a inondazioni regolari, ha sperimentato ciò che le autorità hanno chiamato a Precipitazioni “una volta ogni mille anni” In alcune stazioni meteorologiche lo scorso luglio.
Il capoluogo di provincia, Zhengzhou, responsabile della maggior parte del bilancio delle vittime, non è stato impreparato alle inondazioni. I funzionari della città non hanno risposto ai cinque allarmi rossi consecutivi per forti piogge, che avrebbero dovuto indurre le autorità a fermare gli assembramenti e sospendere le lezioni e le attività. L’acqua di inondazione scorre nei tunnel della metropolitana cittadina, Centinaia di passeggeri sono rimasti intrappolati e 12 di loro sono stati uccisi.

La tragedia ha travolto la nazione, sollevando interrogativi sulla preparazione delle città cinesi alle intemperie.

In vista della stagione delle inondazioni di quest’anno, le autorità cinesi hanno avvertito di un gran numero di “eventi meteorologici estremi” che dovrebbero colpire il paese. È probabile che forti piogge torrenziali cadano nelle parti meridionali e sud-occidentali del paese, così come nel Tibet meridionale, Secondo il China National Climate Center.
Ad aprile, lo hanno affermato il Ministero per l’edilizia abitativa, lo sviluppo urbano e rurale e la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma Città cinesi Per imparare dal disastro di Zhengzhou e fare del proprio meglio per prevenire le inondazioni urbane in vista del “grave impatto di eventi meteorologici estremi” di quest’anno.
READ  La polizia di Londra indaga sulle accuse di denaro in cambio d'onore legate all'organizzazione benefica del principe Carlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.