Le borse asiatiche prolungano la loro sconfitta globale, lo yen sale dopo gli accenni di intervento

Un listino elettronico del prezzo delle azioni è esposto all’interno di una sala conferenze a Tokyo, in Giappone, il 1° novembre 2021. REUTERS/Issei Kato

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • https://tmsnrt.rs/2zpUAr4
  • Nikkei in calo del 2,3%, futures S&P 500 piatti
  • Il dollaro è sceso dello 0,6% rispetto allo yen alla notizia di un controllo sui tassi di interesse da parte della Bank of Japan
  • L’indicatore di rendimento degli Stati Uniti a 2 anni è un nuovo massimo di 15 anni a 3,8040%.
  • La curva dei rendimenti negli Stati Uniti rimane profondamente invertita

SYDNEY (Reuters) – I titoli asiatici sono scesi mercoledì mentre i dati statunitensi hanno deluso le speranze di un picco immediato dell’inflazione, anche se il dollaro ha fermato il suo forte rally contro lo yen giapponese mentre il Giappone ha dato il suo segnale più forte ma non è stato soddisfatto dei forti cali della valuta. .

I dati di martedì hanno mostrato che l’indice principale dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentato dello 0,1% su base mensile, rispetto alle aspettative di un calo dello 0,1%. In particolare, l’inflazione core, che escludeva la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, è raddoppiata allo 0,6%. Leggi di più

Wall Street ha visto il suo calo più grande in due anni, il dollaro rifugio ha registrato il suo più grande balzo dall’inizio del 2020 e i rendimenti dei Treasury a due anni, che sono aumentati vertiginosamente quando i trader si aspettavano un aumento dei tassi dei fondi Fed, sono balzati al massimo di 15 anni. .

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

READ  Tesla citato in giudizio da ex dipendenti per "licenziamenti di massa"

La traiettoria delle azioni è destinata a colpire i mercati europei, con i futures Euro Stoxx 50 a livello regionale, i futures tedeschi DAX e i futures FTSE in calo di oltre lo 0,7%.

In Asia, l’indice MSCI delle azioni dell’Asia Pacifica al di fuori del Giappone (MIAPJ0000PUS.) Mercoledì è sceso del 2,2%, trascinato al ribasso da un calo del 2,4% nell’Australia ricca di risorse (.AXJO)un calo del 2,5% nell’indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) E un calo dell’1,5% nelle classifiche cinesi (.CSI300).

Indice Nikkei del Giappone (.N225) È diminuito del 2,6%.

Dopo una massiccia vendita di azioni durante la notte, sia i contratti future S&P 500 che Nasdaq sono aumentati dello 0,2%.

“I mercati hanno reagito violentemente a quello che considero un modesto fallimento nel CPI statunitense”, ha affermato Scott Rundell, chief investment officer di Mutual Limited.

“I future sono stabili, quindi potremmo vedere un gatto morto rimbalzare stasera.”

I mercati finanziari hanno ora valutato l’intero aumento dei tassi di almeno 75 punti base alla conclusione della riunione politica della Fed della prossima settimana, con una probabilità del 38% di un aumento considerevole e un punto percentuale completo dell’obiettivo dei fondi Fed rivisto, secondo FedWatch del CME Attrezzo.

Il giorno prima, la probabilità di un aumento di 100 punti base era zero.

“I tassi del dollaro USA sono ora valutati al tasso sui fondi federali al 4,25% entro la fine del 2022 (75 punti base, 75 punti base, 25 punti base per i restanti tre incontri)”, ha affermato Eugene Liu, amministratore delegato, stratega dei tassi presso Deutsche Bank.

“Sebbene la crescita resiliente e il rallentamento dell’inflazione potrebbero portare a un contesto di rischio migliore, l’economia statunitense sembra ora molto calda. Senza segni visibili di un mercato del lavoro in rallentamento e l’inflazione ancora un problema, sembra che una svolta al ribasso dalla volontà della Fed essere ritardato ancora una volta”.

READ  Il calo dei mercati cinesi porta alla fuga di capitali e al sostegno statale

La forza del dollaro USA ha messo sotto pressione lo yen giapponese sensibile ai tassi di interesse vicino al minimo di 24 anni di 149,96 yen prima di rinunciare ad alcuni guadagni alla notizia che la Banca del Giappone ha condotto un controllo dei tassi di interesse in chiara disponibilità all’intervento valutario. Leggi di più

È raro essere coinvolti nell’acquisto dello yen. L’ultima volta che il Giappone è intervenuto per sostenere la sua valuta è stato nel 1998, quando la crisi finanziaria asiatica ha causato una svendita dello yen e rapidi afflussi di capitali.

All’inizio di oggi, il ministro delle finanze giapponese Shunichi Suzuki ha affermato che l’intervento valutario è tra le opzioni che il governo potrebbe prendere in considerazione. Leggi di più

Il dollaro è ora in bilico a 143,7 yen, in calo dello 0,6% per la giornata.

Molti trader sono rimasti scettici sull’imminente intervento, ma il balzo dello yen ha segnalato un aumento della tensione. La tempistica della mossa della BoJ suggerisce anche che 145 per dollaro sarà un livello importante per i mercati e le autorità.

Venerdì il rendimento dei Treasury USA a due anni è salito al nuovo massimo degli ultimi 15 anni del 3,8040%, prima di tornare al 3,7629% e il divario della curva con i rendimenti dei titoli di riferimento a 10 anni si è ampliato a circa 34 punti base, rispetto a soli 16 punti base. punti. Da una settimana.

Un’inversione della curva dei rendimenti viene generalmente trattata come un avviso di recessione.

Il rendimento del Buono del Tesoro decennale si è attestato al 3,4178%.

READ  Cramer dice che il mercato azionario è insolitamente fragile, quindi usa gli anticipi per raccogliere denaro

Venerdì il prezzo del petrolio è sceso. Il prezzo del greggio statunitense è sceso dello 0,6% a 86,82 dollari al barile e il greggio Brent è sceso con un margine simile a 92,65 dollari.

L’oro era un po’ più alto. L’oro spot veniva scambiato a $ 1.703,02 l’oncia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalato da Stella Keogh; Montaggio di Stephen Coates e Anna Nicholas Da Costa e Sam Holmes

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.