Le azioni statunitensi scendono mentre i prezzi del petrolio scendono e le azioni cinesi scendono

Le azioni statunitensi sono crollate, i prezzi del petrolio sono crollati e le azioni cinesi hanno subito il peggior sell-off in più di due anni, poiché Pechino si è attenuta alla sua strategia Covid-free mentre affrontava casi in aumento nelle principali città.

L’S&P 500 è sceso dello 0,8% nella sessione pomeridiana di lunedì. L’indice Nasdaq Composite incentrato sulla tecnologia ha recentemente guadagnato meno dello 0,1%, mentre il Dow Jones Industrial Average ha perso lo 0,6%, ovvero circa 200 punti. Venerdì, Dow ha pubblicato il suo sito web La peggiore variazione percentuale per un giorno Da ottobre 2020, è in calo di quasi 1.000 punti.

Twitter

Le azioni hanno aggiunto circa il 4%. La società di social media è in trattative avanzate per vendersi

Elon Musk

E Può completare l’affare lunedìhanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

Gli investitori sono preoccupati per questo politiche rigorose La Cina ha un posto dove combattere il Covid-19 che interromperà ulteriormente le catene di approvvigionamento globali. Le continue interruzioni della produzione e della circolazione delle merci dall’inizio della pandemia hanno contribuito al raggiungimento di un livello di inflazione negli Stati Uniti Quattro decenni di altezza. È probabile che i nuovi blocchi in Cina e la guerra della Russia contro l’Ucraina facciano salire i prezzi.

“Molte catene di approvvigionamento sono direttamente interessate dalla Cina”, ha affermato Brian Price, responsabile della gestione degli investimenti presso Commonwealth Financial Network. “Più a lungo sono online, maggiore è l’impatto dell’inflazione in tutto il mondo”.

Lunedì, lo Shanghai Composite e il CSI 300 sono scesi rispettivamente del 5,1% e del 4,9%. Eccoli Il più grande calo percentuale in un giorno Per entrambi i benchmark da febbraio 2020, nei primi giorni della pandemia.

READ  L'iconica lana Zelensky è stata venduta per £ 90.000 alla raccolta fondi in Ucraina

Lo yuan offshore è sceso di circa l’1% per essere scambiato a circa 6,59 per dollaro. Questo è stato il minimo da novembre 2020, secondo FactSet. Questo ritiro è stato costruito sulle vendite della scorsa settimana che hanno posto fine a mesi di relativa stabilità.

Con Shanghai ancora in blocco nel mezzo della più grande epidemia di Covid-19 in Cina, i residenti si rivolgono ai social media per sfogarsi sulla carenza di cibo o stanno negoziando con i vicini. L’ansia e la fame spingono molti a mettere in discussione la strategia antiepidemica di Pechino. Foto: Chinatopix tramite AP

“Il problema con l’inflazione è che può diventare radicata e vediamo che l’inflazione diventa molto piatta”, ha affermato Sebastian Mackay, gestore di fondi multi-asset di Invesco. “Quello che stiamo vedendo è una combinazione tra la guerra in Ucraina e la chiusura in Cina che causano problemi di approvvigionamento”.

Anche i movimenti limitati in Cina potrebbero drenare la domanda di petrolio. Il greggio Brent, il benchmark internazionale del petrolio, è sceso del 5,6% a 100,20 dollari al barile. Nonostante il calo, i prezzi del petrolio rimangono vicini ai livelli storicamente elevati a causa dei timori di turbolenze nei mercati energetici a causa dell’invasione russa dell’Ucraina.

I titoli energetici sono scesi del 5,5%, superando i ribassisti dell’indice S&P 500. Azioni

Schlumberger

diminuito del 9,5%

Halliburton

è diminuito dell’8,1% e

APAE

Apache Corp.

Il titolo della capogruppo è sceso del 7,7%.

In altre notizie aziendali, condividi

Coca Cola

Recentemente è stato aumentato dello 0,3%. Lo ha detto la società Registrato vendite più alte Per l’ultimo trimestre con domanda continua di fronte all’aumento dei prezzi.

Microdispositivi avanzati

È aumentato del 2,4% dopo che un analista Raymond James ha aggiornato la sua valutazione delle azioni del produttore di chip.

idromassaggio I guadagni saranno riportati dopo la chiusura del mercato.

L’elevata inflazione ha indotto la Federal Reserve ad aumentare gli sforzi per combatterla. La scorsa settimana, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha indicato che la banca centrale è pronta per questo Inasprire la politica monetaria più rapidamente Ha indicato che probabilmente aumenterà i tassi di interesse di mezzo punto percentuale nella riunione di maggio.

Gli investitori sembrano valutare se sia ancora possibile un rally più ampio, ha affermato Price. “Questo ha spaventato alcuni investitori”, ha detto.

I gestori di denaro temono che forti aumenti dei tassi di interesse federali possano rallentare la crescita economica o addirittura spingere l’economia in recessione. Il signor Mackay ha affermato che ciò potrebbe portare a una situazione in cui la Fed dovrebbe aumentare i tassi di interesse a breve termine ma tagliarli a lungo termine.

Il Cboe Volatility Index – il cosiddetto indicatore della paura di Wall Street, noto anche come VIX – è salito a 30,40, vicino al livello più alto da metà marzo.

Il rendimento del Treasury decennale di riferimento è sceso lunedì al 2,789% dal 2,905% di venerdì, poiché gli investitori hanno cercato asset più sicuri da detenere. Rendimenti e prezzi si muovono in modo inverso. L’indice del dollaro del Wall Street Journal, che misura il dollaro rispetto a un paniere di valute, è salito dello 0,6%.

Il Dow Jones Industrial Average venerdì ha registrato la peggiore variazione percentuale di un giorno da ottobre 2020.


foto:

Brendan McDermid/Reuters

I futures sull’oro sono scesi dell’1,7% a $ 1.901,00 l’oncia. Sebbene l’oro sia stato storicamente visto come una copertura contro l’inflazione, non paga alcun rendimento, il che lo rende meno attraente dei titoli di stato in un momento in cui i tassi di interesse stanno aumentando. Il costo di acquisto dell’oro, denominato in dollari, è anche più costoso per gli investitori stranieri quando il dollaro è in aumento.

BitcoinLa più grande criptovaluta al mondo per capitalizzazione di mercato, è scesa dell’1,8% del suo valore in dollari alle 17:00 ET di domenica per essere scambiata a $ 38815,22 lunedì. Le criptovalute possono muoversi in linea con il sentimento più ampio del mercato, con gli investitori che acquistano gli asset più rischiosi e volatili quando il sentimento è forte e vendono quando il più debole.

In mare aperto, l’indice Stoxx Europe 600 ha chiuso in ribasso dell’1,8%. Il Kospi della Corea del Sud è sceso dell’1,8% e il Nikkei 225 del Giappone è sceso dell’1,9%.

Come funzionano le grandi aziende?

Scrivi a Caitlin Ostroff a [email protected] e Justin Baer a [email protected]

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.