Le azioni statunitensi salgono poiché l’indagine indica un calo delle aspettative di inflazione

Venerdì le azioni statunitensi sono aumentate, chiudendo una settimana deludente, poiché i dati forti sulle vendite al dettaglio e un sondaggio che suggerisce le aspettative di inflazione hanno attenuato le preoccupazioni sulle prospettive economiche.

L’indice azionario S&P 500 ha chiuso la giornata in rialzo dell’1,9%, ma è ancora in calo di quasi l’1% per la settimana. Il Nasdaq Composite incentrato sulla tecnologia è in aumento dell’1,8%, ma in calo dell’1,6% per la settimana.

L’indice azionario europeo Stoxx 600 ha chiuso in rialzo dell’1,8%.

Il benchmark internazionale del greggio Brent, che giovedì è sceso ai livelli visti l’ultima volta prima dell’invasione russa dell’Ucraina, ha guadagnato il 2,1% attestandosi a 101,16 dollari al barile. C’è stata poca reazione nei rapporti del tardo pomeriggio al discorso del presidente degli Stati Uniti Joe Biden durante Il suo viaggio in Arabia Saudita.

I dati di venerdì hanno mostrato che le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono aumentate dell’1% su base mensile a giugno, superando le aspettative degli economisti per un aumento dello 0,8%. Separatamente, l’Università del Michigan sta osservando da vicino Indice di fiducia dei consumatori Ha osservato che le aspettative di inflazione a medio termine sono scese al minimo di un anno del 2,8%.

Il dibattito ha attanagliato i mercati negli ultimi mesi sul fatto che l’economia statunitense sia abbastanza forte da resistere ai forti aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve in risposta alla grave inflazione, dopo che i sondaggi economici negativi hanno gettato un’ombra sulle prospettive. L’S&P è sceso di oltre il 19% per l’anno.

“Il consumatore sta ancora spendendo soldi, è ancora fiducioso, c’è ancora una domanda repressa”, ha affermato Ron Temple, capo delle azioni statunitensi di Lazard.

Tuttavia, ha avvertito che ciò potrebbe confermare l’intenzione della banca centrale statunitense di inasprire la politica monetaria, poiché i dati sulle vendite al dettaglio hanno mostrato che “gli aumenti dei tassi di interesse finora non hanno avuto alcun effetto” in termini di raffreddamento della domanda.

READ  I prezzi del gas stanno scendendo - un po'

I mercati dei futures della Fed tendono ad aumentare il tasso chiave sui suoi fondi a circa il 3,5% entro febbraio, da un intervallo dell’1,5% all’1,75% attuale. I prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati a un tasso annuo inaspettatamente veloce del 9,1% a giugno.

Il debole rapporto sul PIL cinese ha anche suscitato qualche rialzo venerdì, alimentando la speculazione che Pechino lo farà SCATENATE CENTO MILIARDI DI DOLLARI di ulteriori fondi di stimolo per rilanciare la crescita.

La seconda economia più grande del mondo è cresciuta dello 0,4% su base annua nei tre mesi fino alla fine di giugno, meno dell’1,2% previsto dagli economisti e in calo rispetto al 4,8% registrato nel primo trimestre.

Pensiamo che questi tipi di numeri diventeranno più forti [the Chinese government’s] “Siamo determinati a guidare più stimoli per il resto dell’anno e questo conta anche a livello globale”, ha affermato Hani Reda, gestore di fondi multi-asset di Bain Bridge Investments.

L’Hang Seng di Hong Kong è sceso del 2,2% venerdì, ma è sceso del 6,6% per la settimana nel suo più grande calo settimanale da marzo 2020.

Nei mercati del Tesoro USA, il rendimento del titolo del Tesoro decennale di riferimento è sceso di 0,03 punti percentuali al 2,93%. Tale rendimento, che sostiene i prezzi del debito in tutto il mondo, è sceso da circa il 3,5% di un mese fa, poiché i timori di recessione hanno alimentato la domanda di strumenti di debito pubblico a basso rischio. I rendimenti obbligazionari scendono con l’aumento dei prezzi.

Il rendimento dei Treasury a due anni è stato scambiato al 3,12% nel cosiddetto modello di curva dei rendimenti invertita che storicamente ha preceduto le recessioni.

READ  Powell ha deciso di aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale

Nonostante sia sceso dello 0,4% venerdì, l’indice del dollaro, che misura il biglietto verde contro altri sei, ha registrato la sua terza settimana consecutiva di guadagni poiché lo spettro di una crescente recessione ha spinto gli investitori verso asset rifugio.

L’euro è salito dello 0,6% a $ 1.008, dopo Sceso a meno di 1 dollaro all’inizio di questa settimana per la prima volta in 20 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.