Le azioni europee sono rimbalzate poiché il movimento dei tassi di interesse in Cina ha aiutato il sentimento

LONDRA (Reuters) – Le azioni sono rimbalzate venerdì dopo che la Cina ha tagliato un parametro chiave di prestito per sostenere la sua economia, anche se un indicatore dei titoli globali è rimasto fissato per la sua serie di perdite settimanali più lunga in assoluto tra i timori degli investitori sul rallentamento della crescita e sull’aumento dell’inflazione.

Venerdì mattina la Cina ha ridotto di 15 punti base il tasso di interesse base del prestito (LPR) a cinque anni, che influenza i prezzi dei mutui, un calo più marcato del previsto, poiché le autorità cercano di mitigare l’impatto di un rallentamento economico. Ho lasciato LPR invariato per un anno. Leggi di più

Sono le 0833 GMT, Stokes 600 paneuropeo (.stoxx) Era in rialzo dell’1,2% ed era pronto per il suo primo guadagno giornaliero su tre.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Indice azionario mondiale MSCI (.MIWD00000PUS.), che misura le azioni di 50 paesi, è in rialzo dello 0,5%, ma questa settimana era ancora in calo dell’1% e si stava dirigendo verso il suo settimo calo settimanale consecutivo, la serie di sconfitte più lunga da quando è iniziata nel 2001. Sarà anche la più lunga, inclusi i test di ritorno. I dati risalgono al gennaio 1988.

“Ovviamente gli investitori stanno cercando di negoziare, perché alcuni titoli sembrano molto economici in questo momento”, ha affermato Nathan Sweeney, vicepresidente delle informazioni di Marlboro Investment Management.

Ha aggiunto che il taglio cinese LPR “mostra che non tutte le banche centrali stanno cercando di creare un ambiente in cui il mercato vende a prezzi più bassi”.

READ  Il PIL del primo trimestre ha superato le aspettative di crescita del 4,8% a/a

I guadagni in Europa e in Asia sono arrivati ​​dopo che il rally è svanito giovedì a Wall Street, lasciando il Dow Jones Industrial Average. (.DJI) L’indice S&P 500 è in calo dello 0,75%. (.SPX) L’indice Nasdaq Composite è in calo dello 0,58% (diciannovesimo) dello 0,26%.

I rendimenti obbligazionari dell’Eurozona sono aumentati dopo due giorni di forte calo, poiché il sentimento di rischio è migliorato dopo che la Cina ha tagliato i tassi di interesse.

Il rendimento del titolo di Stato tedesco a 10 anni è aumentato di 3 punti base allo 0,969%, ben al di sotto del massimo di otto anni della scorsa settimana dell’1,189%.

I mercati monetari stanno ora scontando 38 punti base di inasprimento da parte della Banca centrale europea entro la riunione di luglio. Ciò indica che l’aumento di 25 punti base è completamente scontato e che i mercati stanno fissando una probabilità del 52% circa di un movimento aggiuntivo di 25 punti base.

Il rendimento dell’obbligazione decennale statunitense è stato del 2,860%, in aumento di mezzo punto base rispetto alla chiusura di giovedì, e in calo rispetto al massimo del 2,873% di venerdì. Il rendimento a due anni è salito di 2 punti a 2,631% rispetto alla chiusura degli Stati Uniti a 2,611%.

Nei mercati valutari, le mosse sono state relativamente modeste con pochi cambiamenti nel dollaro, ma si stanno ancora dirigendo verso la sua settimana peggiore dall’inizio di febbraio, dopo un rally del 10% per 14 settimane.

L’indice del dollaro, che misura la valuta rispetto ai sei principali concorrenti, si è attestato a 102,91.

I prezzi dell’oro sono stati più solidi e si stanno dirigendo verso il loro primo aumento settimanale da metà aprile, quando il dollaro si è indebolito. L’oro spot è salito dello 0,1% a 1.844 dollari l’oncia, dopo essere salito dell’1,4% al massimo di una settimana giovedì.

READ  Azioni della prossima settimana: la più grande minaccia per l'economia globale di cui nessuno parla

I prezzi del petrolio sono diminuiti poiché gli investitori temevano che la debole crescita economica globale e l’inasprimento della politica monetaria della banca centrale potessero limitare la ripresa della domanda di carburante. Leggi di più

I future sul greggio Brent di luglio sono scesi di 31 centesimi, o 0,28 percento, a 111,73 dollari al barile, mentre il greggio US West Texas Intermediate di giugno è sceso di 56 centesimi, o 0,5 percento, a 111,65 dollari l’ultimo giorno del mese.

Il prezzo del bitcoin era piatto a $ 30295. Il rivale più piccolo Ether è aumentato dello 0,6% a $ 2.030.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Samuel Indyk a Londra e Andrew Galbraith a Shanghai; Montaggio di John Stonestreet

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.