“Le aspettative di inflazione non valgono la carta su cui sono scritte”: si tratta della reazione della Bank of Canada all’inflazione, ma è la stessa negli Stati Uniti e ovunque

“Perché l’attuale ciclo di inasprimento è diverso da tutto ciò che abbiamo osservato in passato.”

di Lupo Richter per Via del lupo.

Quando l’IPC canadese di maggio è stato rilasciato due giorni fa, era – “come previsto”, credo – molto peggiore del previsto, e ancora una volta ha superato di gran lunga le aspettative di inflazione della Bank of Canada. Secondo gli economisti scontenti di Banca nazionale canadeseL’inflazione CPI è di 1,5 punti percentuali al di sopra della previsione CPI della Bank of Canada, superando tali previsioni ad ogni passo lungo la strada. Hanno scritto in una nota che maggio è stato “il più grande errore fino ad oggi nel sottovalutare sistematicamente l’inflazione”.

Quindi, se il rapporto sull’IPC di maggio non suona un campanello d’allarme nella sala del consiglio [of the Bank of Canada]Qualcuno dovrebbe controllare il loro battito collettivo”.

Secondo Statistics Canada, l’IPC principale del Canada è aumentato del 7,7% a maggio rispetto a un anno fa, il peggior tasso di inflazione dal 1983:

La Bank of Canada ha già alzato i tassi di interesse di 125 punti base all’1,50%. Nella sua riunione più recente, ha incluso un linguaggio da falco per aumenti più grandi e più grandi del previsto, come l’aumento di 75 punti base alla riunione di luglio. Anche la Bank of Canada ha intrapreso un QT e il suo bilancio si era ridotto da marzo 2021. Ma gli aumenti dei tassi e il linguaggio da falco sui futuri aumenti dei tassi si basavano sulle previsioni di inflazione della Bank of Canada che erano una “stima sistematica dell’inflazione” . Quindi il ciclo di aumento dei tassi diventerà interessante.

READ  Asta di Warren Buffett: qualcuno ha pagato $ 19 milioni per un pranzo a base di bistecca

Su base mensile, l’IPC è balzato di un sorprendente 1,4% a maggio rispetto ad aprile, non destagionalizzato. e all’1,1% destagionalizzato. Come previsto, direi, questi raduni hanno completamente deluso le aspettative.

I tassi CPI annuali per marzo, aprile e maggio sono aumentati a un tasso annuo del 12,5%.

Gli incrementi caldi di mese in mese si sono verificati su tutta la linea, non solo in alcuni articoli relativi alle materie prime. La Bank of Canada ha fornito ragioni più che sufficienti per premere il grilletto a 75 punti base nella riunione del 13 luglio.

“Le previsioni di inflazione non valgono la carta su cui hanno scritto”.

Le previsioni di inflazione pubblicate dalla Bank of Canada in ciascuna delle sue precedenti riunioni risalenti all’aprile 2021 sono rappresentate con colori diversi nel grafico sottostante dal Financial Markets Store della National Bank of Canada. La linea rossa è il tasso CPI effettivo per ogni trimestre. Le stime della Bank of Canada a ogni riunione iniziano con l’attuale tasso CPI.

Pertanto, nella riunione di aprile 2021 (in azzurro, prima riga dal basso), quando l’inflazione ha iniziato a salire, la Bank of Canada ha stimato che l’IPC avrebbe raggiunto il picco di poco meno del 3% entro la metà del 2021 per poi scendere al 2% entro la metà del 2021. marzo 2022, ah ah ah.

Quindi, nella riunione di luglio 2021, la Bank of Canada ha previsto che l’inflazione avrebbe raggiunto il 3,8% entro il terzo trimestre del 2021, per poi scendere a circa il 3% ora, ahahah, e al 2% entro il terzo trimestre.

Il grafico sopra mostra quanto siano ridicole queste aspettative di inflazione e come questo jolly inflazionistico stia peggiorando, anche se i prezzi delle materie prime iniziano a scendere.

READ  Le azioni Dewa salgono a Dubai nella più grande offerta pubblica iniziale in Medio Oriente dai tempi di Aramco

“Per gli osservatori della Bank of Canada che cercano di confrontare la traiettoria dell’inflazione odierna con i precedenti periodi di stretta monetaria, arrendetevi. Semplicemente non c’è confronto nell’era dei tassi obiettivo overnight (a partire dalla metà degli anni ’90). Ecco perché l’attuale inasprimento ciclo è diverso da qualsiasi cosa abbiamo osservato in passato”, hanno affermato Warren Lovely della National Bank of Canada e Taylor Schleich nelle loro note.

“Nonostante l’aggressività delle azioni che la BoC ha intrapreso in passato, è tempo di girare le viti più strettamente”, hanno detto.

“Un aumento del tasso di 75 punti base il 13 luglio non risolverà il problema dell’inflazione in Canada, non con i mercati del lavoro in contrazione come sono. Dati sui posti vacanti a parte, i dati sui posti di lavoro vacanti sono chiaramente preoccupanti e la grave carenza di manodopera del Canada non sarà affrontata rapidamente anche se dal ripresa di una sana crescita demografica. [through immigration]Scrissero.

Cosparsi di un forte spirito di ipertrofia, hanno aggiunto:

Per riassumere: abbiamo un’inflazione fuori controllo. Inviare più soldi alle famiglie come hanno fatto (o intendono fare alcuni governi) è come aggiungere benzina (che di per sé è molto costosa) a un incendio.

L’inflazione richiede una risposta forte da parte della Bank of Canada, compreso un aumento di 75 punti base in tre settimane.

Gli straordinari aumenti dei tassi hanno fatto poco per controllare i prezzi (finora) ma hanno ribaltato i mercati immobiliari. I consumatori sono tenuti d’occhio e i rischi di recessione sono aumentati.

“In effetti, con dati sull’inflazione come questo, garantire un ‘atterraggio morbido’ potrebbe essere come il filo della cruna di un ago. Non abbiamo rinunciato del tutto alla speranza, ma il rapporto CPI di oggi dovrebbe risvegliare anche i più entusiasti tra noi”.

La Fed è stata anche ridicolmente lontana dalle sue previsioni di inflazione in ogni fase, ed è ora frustrata dal suo uso “temporaneo” e transitorio”. il rifiuto di aumentare i tassi di interesse dall’inizio del 2021, il loro rifiuto di porre fine al quantitative easing e di avviare contemporaneamente il QT – sono stati guidati da questa assurda sottovalutazione dell’inflazione. Ma ora hanno il memo.

READ  I funzionari avvertono di interruzioni di corrente quest'estate a causa del caldo e del maltempo

È un’interessante svolta degli eventi che gli economisti delle principali banche in Canada e negli Stati Uniti e in tutto il mondo stiano esortando le loro banche centrali a reprimere l’inflazione aumentando i tassi di interesse sempre più forte poiché questa inflazione minaccia di sfuggire al controllo, e quindi l’economia il danno sarà Il risultato finanziario dell’iperinflazione è enorme.

I mercati azionari e obbligazionari hanno già risposto in modo deciso a questo scenario di inasprimento e in Canada i mercati immobiliari hanno già “capovolto” e le banche centrali stanno appena iniziando a stringere, nulla di ciò che le banche centrali hanno fatto negli ultimi decenni può essere paragonato a ciò che viene poi, se la recessione fa parte di un accordo per controllare questa iperinflazione, così sia.

Ti piace leggere WOLF STREET e vuoi supportarlo? Usa gli ad blocker – capisco perfettamente il motivo – ma vorresti supportare il sito? Puoi donare. Lo apprezzo molto. Clicca su un boccale di birra e tè freddo per imparare a farlo:

Vuoi essere avvisato via email quando WOLF STREET pubblica un nuovo articolo? Registrati qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.