Lavrov avverte del “reale” pericolo della terza guerra mondiale

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato lunedì che i colloqui di pace con l’Ucraina continueranno, avvertendo che c’è un “reale” pericolo di una terza guerra mondiale.

Parlando alle agenzie di stampa russe, ha criticato l’approccio di Kiev ai colloqui, aggiungendo: “Le buone intenzioni hanno i loro limiti. Ma se non è la reciprocità, questo non aiuta nel processo negoziale.

Ma continuiamo ad avviare trattative con il team precedentemente autorizzato [Ukrainian President Volodymyr] Zelensky, e questi contatti continueranno”.

Lavrov ha accusato l’ex attore Zelensky di “fingere” di negoziare. “È un buon attore”, ha detto. Ma, ha aggiunto, “Se osservi attentamente ciò che dice e leggi attentamente, troverai migliaia di incongruenze”.

Date le attuali tensioni, Lavrov ha affermato che il rischio della terza guerra mondiale era “reale”.

“Il pericolo è grave, è reale e non puoi sottovalutarlo”, ha detto Lavrov all’agenzia di stampa Interfax.

Sul conflitto in Ucraina, si è detto fiducioso che “tutto finirà, ovviamente, con la firma di un accordo.

“Ma i parametri di questo accordo saranno determinati dallo stato dei combattimenti che scoppieranno nel momento in cui l’accordo diventerà realtà”, ha aggiunto.

Raccontiamo una storia critica

Israele è ora un attore di primo piano sulla scena mondiale più di quanto le sue dimensioni suggeriscano. In qualità di corrispondente diplomatico del Times of Israel, sono ben consapevole che la sicurezza, la strategia e gli interessi nazionali di Israele sono sempre sotto controllo e hanno gravi ripercussioni.

READ  Biden sostiene l'Ucraina in un discorso di Varsavia: "Siamo con voi"

Ci vogliono equilibrio, determinazione e conoscenza per trasmettere accuratamente la storia di Israele e vengo a lavorare ogni giorno con l’obiettivo di farlo pienamente.

Supporto finanziario da lettori come te Mi è permesso viaggiare per vedere sia la guerra (sono appena tornato da un reportage in Ucraina) sia la firma di accordi storici. Il Times of Israel è riuscito a rimanere il luogo in cui i lettori di tutto il mondo si rivolgono per notizie accurate sulle relazioni di Israele con il mondo.

Se per voi è importante che la copertura indipendente e basata sui fatti del ruolo di Israele nel mondo esista e prosperi, vi esorto a sostenere il nostro lavoro. Ti unirai alla comunità di Times of Israel oggi?

Grazie,

Lazzaro Bermangiornalista diplomatico

Sì, darò

Sì, darò

sei già un membro? Accedi per non visualizzare più questo messaggio

Sei un lettore professionista

Ecco perché abbiamo avviato The Times of Israel dieci anni fa, per fornire ai lettori più esigenti come te una copertura imperdibile di Israele e del mondo ebraico.

Finora abbiamo una richiesta. A differenza di altre testate giornalistiche, non abbiamo messo in atto un paywall. Ma poiché il giornalismo che facciamo è costoso, invitiamo i lettori per i quali The Times of Israel è diventato importante a sostenere il nostro lavoro unendosi a Società dei tempi di Israele.

Per un minimo di $ 6 al mese, puoi aiutare a sostenere il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel Annunci gratuiticosì come l’accesso CONTENUTI ESCLUSIVI Disponibile solo per i membri della comunità del Times of Israel.

READ  Falliscono le evacuazioni della Croce Rossa a Mariupol

Grazie,
David Horowitz, editore fondatore di The Times of Israel

Unisciti alla nostra comunità

Unisciti alla nostra comunità

sei già un membro? Accedi per non visualizzare più questo messaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.