Lavrov afferma che gli obiettivi della Russia in Ucraina ora vanno oltre la regione del Donbass

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov cammina dopo un incontro bilaterale alla riunione dei ministri degli esteri del G20 a Nusa Dua, Bali, Indonesia, l’8 luglio 2022. REUTERS/Willy Kurniawan/Pool

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

LONDRA (Reuters) – Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato mercoledì che le “missioni” militari di Mosca in Ucraina ora vanno oltre la regione orientale del Donbass, nella più chiara ammissione che gli obiettivi della guerra si siano ampliati negli ultimi cinque mesi.

In un’intervista con l’agenzia di stampa ufficiale RIA Novosti, Lavrov ha affermato che le realtà geografiche sono cambiate da quando i negoziatori russi e ucraini hanno tenuto colloqui di pace in Turchia a fine marzo che non hanno prodotto alcun progresso.

A quel tempo, ha detto, l’attenzione era concentrata sulle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk (DPR e LPR), due sedicenti entità separate nell’Ucraina orientale da cui la Russia diceva che mirava a espellere le forze governative ucraine.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Ora la geografia è diversa, è lontana non solo dalla Repubblica Democratica del Congo e dalla LPR, ma anche da Kherson, Zaporizhia e un certo numero di altre regioni”, ha detto, riferendosi ad aree al di fuori del Donbass che erano interamente o parzialmente catturato dalle forze russe.

“Questo processo continua in modo logico e persistente”, ha affermato, aggiungendo che la Russia potrebbe aver bisogno di compiere ulteriori progressi.

Se l’Occidente, motivato da “rabbia impotente” o dal desiderio di aggravare ulteriormente la situazione, continua a pompare l’Ucraina con armi a lungo raggio come i sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS) di fabbricazione statunitense, le missioni geografiche continueranno. Oltre la linea attuale “, ha affermato Lavrov.

READ  Il capo di stato maggiore Kamala Harris si dirige verso l'uscita

Ha affermato che la Russia non può consentire al presidente ucraino Volodymyr Zelensky “o al suo sostituto” di minacciare il suo territorio, il territorio della Repubblica Democratica del Congo e l’LPR con regimi a lungo termine – un riferimento occasionale e senza alcuna prova alla possibilità che il Il leader ucraino potrebbe non rimanere al potere.

Il ministro degli Esteri è la figura più schietta degli obiettivi di guerra della Russia in termini di territorio, quasi cinque mesi dopo che il presidente Vladimir Putin ha lanciato la sua invasione negando che la Russia intendesse occupare il suo vicino.

Putin ha poi affermato che il suo obiettivo era disarmare e “disarmare” l’Ucraina – una dichiarazione che Kiev e l’Occidente hanno respinto come pretesto per una guerra espansionistica in stile imperiale.

Dopo essere stato sconfitto in un primo tentativo di conquistare la capitale ucraina, Kiev, il 25 marzo il ministero della Difesa russo ha dichiarato che la prima fase della sua “operazione militare speciale” era stata completata e che ora si sarebbe concentrata sul “raggiungere l’obiettivo principale, che è la liberazione del Donbass”.

Quasi quattro mesi dopo, ha acquisito Luhansk, una delle due regioni che compongono il Donbass, ma è ancora lontana dal catturare tutte le altre regioni, Donetsk. Nelle ultime settimane ha intensificato i suoi attacchi missilistici contro città in tutta l’Ucraina.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Scritto da Mark Trevelyan; Montaggio di Catherine Evans

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.