L’autoproclamato leader di Donetsk promette una ‘cooperazione bilaterale’ con la Corea del Nord | Ucraina

Il suo autoproclamato leader ha detto in una lettera a Kim Jong Unsecondo i media statali.

Dennis Pushlin ha promesso nel messaggio di congratulazioni di Kim il 15 agosto, il Korea Liberation Day, l’agenzia di stampa ufficiale della Corea del Nord. KCN Ciò è avvenuto due giorni dopo che Kim ha riportato un messaggio simile dal presidente russo Vladimir Putin.

Il rapporto citava il messaggio di Pushlin che diceva: “Anche il popolo della regione del Donbas sta combattendo per ripristinare la propria libertà e la giustizia della storia oggi, proprio come fece il popolo coreano 77 anni fa”.

L’agenzia ha aggiunto: “La lettera esprimeva la sua convinzione che una cooperazione bilaterale ugualmente vantaggiosa e coerente con gli interessi dei popoli dei due paesi sarà realizzata tra la Repubblica popolare di Donetsk e la Repubblica popolare democratica di Corea”. Corea del nord.

Pushlin aveva precedentemente affermato di sperare in una “proficua cooperazione” e in un aumento degli scambi con la Corea del Nord.

Il mese scorso, l’ambasciatore russo a Pyongyang, Alexander Matsegora, ha affermato che i lavoratori nordcoreani potrebbero essere inviati lì. Aiutare a ricostruire le infrastrutture distrutte dalla guerra Nelle repubbliche popolari unilateralmente proclamate di Donetsk e Luhansk.

Matsegora ha affermato che probabilmente ci saranno “molte opportunità” per la cooperazione economica tra il Nord e le repubbliche dichiarate unilateralmente della regione ucraina del Donbas, nonostante le sanzioni delle Nazioni Unite.

Lo ha detto al quotidiano russo Izvestia in un’intervista, secondo un sito web con sede a Seoul NK notizieche “costruttori coreani altamente qualificati e laboriosi, in grado di lavorare nelle condizioni più difficili, possono aiutarci a ripristinare le nostre strutture sociali, infrastrutturali e industriali”.

La Corea del Nord ha tradizionalmente acquisito una valuta estera tanto necessaria Mandare i propri cittadini a lavorare all’estero. In base alle sanzioni delle Nazioni Unite, avrebbero dovuto essere rimpatriati entro la fine del 2019, ma un gran numero di lavoratori nordcoreani avrebbe continuato a lavorare in Russia e Cina, oltre che in Laos e Vietnam, dopo la scadenza.

All’inizio di questa settimana, Putin lo ha detto al sovrano nordcoreano Russia La Corea del Nord amplierà i legami bilaterali completi e costruttivi con sforzi congiunti, secondo un messaggio diffuso lunedì dall’agenzia di stampa centrale coreana.

La lettera affermava che relazioni più strette sarebbero nell’interesse dei due paesi e aiuterebbero a rafforzare la sicurezza e la stabilità nella penisola coreana e nel nord-est asiatico.

Durante un discorso alla Conferenza internazionale sulla sicurezza a Mosca, Putin ha affermato che la Russia fornirà ai suoi alleati e partner “armi avanzate e equipaggiamento militare” e lavorerà per creare “nuovi meccanismi per la sicurezza internazionale”.

Secondo quanto riferito, Kim ha inviato una lettera di risposta a Putin in cui affermava che l’amicizia tra Russia e Corea del Nord si era cristallizzata durante la seconda guerra mondiale con la sua vittoria sul Giappone. Nella lettera, Kim ha affermato che la loro “cooperazione strategica e tattica, supporto e solidarietà” da allora hanno raggiunto un nuovo livello nei loro sforzi congiunti per contrastare le minacce e le provocazioni delle forze militari ostili. L’agenzia di stampa centrale coreana non ha identificato le forze ostili, ma di solito usa il termine per riferirsi agli Stati Uniti e ai suoi alleati.

Kim ha previsto che la cooperazione tra Russia e Corea del Nord sarebbe cresciuta sulla base di un accordo firmato nel 2019 quando ha incontrato Putin.

A luglio, la Corea del Nord ha riconosciuto le Repubbliche popolari di Donetsk (DPR) e le Repubbliche popolari di Luhansk (LPR) nella regione del Donbass, nell’Ucraina orientale, come stati indipendenti.

La mossa ha reso la Corea del Nord solo il terzo Paese, dopo Russia e Siria, a riconoscere le due entità separatiste.

In una dichiarazione a sostegno delle autoproclamate repubbliche, il ministero degli Esteri nordcoreano ha affermato che l’Ucraina “non ha il diritto di sollevare una questione o contestare il nostro legittimo esercizio della sovranità dopo aver commesso un atto che manca profondamente di equità e giustizia tra le nazioni aderendo attivamente al Stati Uniti ingiusti e legittimi.” illegale in passato”.

In risposta, l’Ucraina ha immediatamente interrotto i rapporti con Pyongyang per la mossa.

Reuters ha contribuito a questo rapporto.

READ  Dopo il ritiro di Snake Island, un attacco missilistico russo uccide 21 persone vicino a Odessa, in Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.