L’agente dei servizi segreti è tornato negli Stati Uniti da Israele dopo un presunto “scontro fisico”

Gerusalemme – L’agenzia ha riferito che un membro dei servizi di intelligence statunitensi è stato rimpatriato negli Stati Uniti da Israele lunedì dopo essersi presumibilmente impegnato in uno “scontro fisico” a Gerusalemme ed è stato brevemente trattenuto dalla polizia israeliana.

Mercoledì, un portavoce dei servizi segreti ha dichiarato in una dichiarazione a CBS News che l’agenzia è stata informata dell’incontro alla fine di lunedì e che l’agente che stava lavorando in Israele “è stato brevemente arrestato e interrogato dalla polizia israeliana, che lo ha rilasciato senza accusa. .”

Quattro persone a cui è stato detto dell’alterco avevano maggiori dettagli sulla notte del cliente.

Un agente dei servizi segreti era fuori servizio con altri agenti lunedì sera in un bar di Gerusalemme. Una donna al bar ha interagito con l’agente e ne è nata una discussione. Secondo le tre fonti, il cliente ha spinto la donna durante l’alterco.

Le fonti hanno affermato che la donna coinvolta era illesa, ma hanno chiamato la polizia israeliana per denunciare l’agente.

La polizia israeliana ha arrestato l’agente e ha informato l’ambasciata americana in Israele, che ha contattato il quartier generale dei servizi di intelligence statunitensi, secondo le tre fonti.

L’agente coinvolto era un membro del Counterattack Team, un’unità tattica di armi pesanti dei servizi segreti che assiste la Divisione di protezione presidenziale, secondo una fonte a conoscenza della questione.

Questa squadra di contrattacco viene solitamente schierata prima di viaggi presidenziali di alto profilo.

I servizi segreti hanno anche affermato che “il dipendente è tornato negli Stati Uniti”. “In conformità con il protocollo dell’agenzia, il suo accesso ai sistemi e alle strutture dei servizi segreti è stato sospeso in attesa di ulteriori indagini”.

READ  Mariupol: il capo dell'esercito ucraino afferma che le persone rischiano la vita ogni volta che lasciano il rifugio

Due persone che sono state informate dell’incidente hanno detto che era coinvolto l’alcol. Un’altra persona che ha familiarità con l’indagine interna della CBS ha detto che i servizi segreti stanno indagando se l’agente fosse ubriaco. Questa fonte ha anche affermato che l’agente dovrebbe spiegare cosa è successo ai servizi di intelligence mercoledì.

L’incidente è avvenuto mentre il presidente Biden doveva arrivare a Tel Aviv nell’ambito di un viaggio di quattro giorni in Medio Oriente, la sua prima visita nella regione come presidente. Oltre a una tappa in Israele, Biden visiterà la Cisgiordania e l’Arabia Saudita.

Alla domanda su dettagli più specifici sulla spinta dell’agente da parte della donna a Gerusalemme, il portavoce dei servizi segreti Anthony Gullelmi ha detto a CBS News che il dipartimento non è stato in grado di commentare o confermare alcun dettaglio, “dato che la nostra indagine è appena iniziata”.

“Manteniamo tutti i dipendenti ai più elevati standard professionali e si vedono i risultati della nostra forte cultura della responsabilità”, ha affermato Gullelmi, aggiungendo che tutti gli agenti sono tenuti a sottoporsi a “formazione annuale sull’integrità” e ad avere informazioni sugli “standard professionali” e a comportarsi prima . In partenza per eventuali incarichi all’estero.

Né è la prima volta che un agente dei servizi segreti viene rimandato negli Stati Uniti prima di un viaggio presidenziale all’estero. A maggio, due agenti dei servizi segreti sono stati rimandati a casa da Seoul, in Corea del Sud, e messi in congedo amministrativo dopo un incidente fuori servizio in cui uno dei membri ha avuto una “discussione” fisica con un tassista locale.

La polizia locale ha indagato sull’incidente e nessuno è stato arrestato o accusato. I membri dei servizi segreti partirono per gli Stati Uniti meno di un’ora e mezza prima che Biden arrivasse in Corea del Sud come parte di un tour di cinque giorni attraverso l’Asia.

READ  Muore in carcere l'ex gangster nicaraguense che ha aiutato a liberare Daniel Ortega | Nicaragua

Jordan Farhi ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.