La Thailandia flirta con i matrimoni indiani

Un alto funzionario del turismo ha affermato che la Thailandia spera di aumentare le sue entrate turistiche puntando su gruppi ad alta spesa come matrimoni indiani e viaggi di nozze.

Il vice governatore della Thailandia, Siripakorn Chiausamut, ha dichiarato a Reuters in un’intervista questa settimana che la Thailandia, famosa per le sue spiagge di sabbia bianca e la vita notturna, spera di beneficiare della “domanda repressa” dell’industria dei matrimoni indiana multimiliardaria.

“I dati degli ultimi due anni hanno mostrato che molte coppie indiane si sono sposate, ma non sono riuscite a trovare posti per la luna di miele… o hanno ritardato il matrimonio perché volevano riceverle all’estero, inclusa la Thailandia”, ha detto martedì.

Le entrate del turismo estero da gennaio ad agosto 2022 sono state pari a 186 miliardi di baht (5 miliardi di dollari USA) da 4,2 milioni di visitatori e sono previsti 10 milioni di turisti per l’intero anno.

Il paese del sud-est asiatico fa molto affidamento sul turismo come motore della crescita economica. Il numero di arrivi dall’estero è sceso a soli 428.000 a causa della pandemia di COVID-19, rispetto al record di quasi 40 milioni nel 2019, quando il turismo rappresentava il 12% del PIL.

Ora che ha abbandonato la maggior parte delle restrizioni legate alla pandemia, il governo punta a entrate per 11 miliardi di dollari nella seconda metà del 2022.

I matrimoni indiani in Thailandia possono durare fino a una settimana e includere di tutto, dalla pianificazione di eventi al catering, all’arredamento e al trasporto.

Ha detto che circa il 60% dei matrimoni indiani in Thailandia proveniva da residenti in India, mentre il resto proveniva da famiglie indiane all’estero, quindi i rappresentanti del turismo thailandese a Mumbai e Nuova Delhi stanno lavorando per espandere le loro partnership con i wedding planner.

READ  La Corea del Nord annuncia per la prima volta un caso di COVID-19

Siripakron si aspetta che i turisti spendano almeno 48.000 baht per viaggio quest’anno e nel 2023 spera che la cifra salga a 50.000 baht per viaggio, aiutati da altri settori ad alta spesa come il turismo medico e la selezione di dirigenti che lavorano da remoto in Thailandia.

Ha affermato che il governo estenderà anche alcuni visti turistici da 15 a 30 giorni a partire da ottobre poiché il comportamento dei viaggiatori cambierà per favorire soggiorni più lunghi a causa di voli costosi e minore disponibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.