La Siria afferma che Israele attacca l’aeroporto di Damasco, uccidendo cinque soldati

I bambini israeliani giocano accanto alla bandiera israeliana vicino al confine tra Israele e Siria nelle alture del Golan occupate da Israele, il 23 luglio 2018. REUTERS/Ronen Zevulun/file Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il ministero della Difesa israeliano ha dichiarato, nelle prime ore di sabato mattina, che Israele ha lanciato un raid aereo contro l’aeroporto internazionale di Damasco e altri siti a sud della capitale, uccidendo cinque soldati e provocando danni materiali.

Una dichiarazione del ministero afferma che le difese aeree siriane hanno intercettato l’attacco e sono state in grado di abbattere la maggior parte dei missili.

Non ci sono state conferme immediate sul fatto che il raid abbia influito sulle operazioni aeroportuali.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’esercito israeliano ha detto di non commentare i rapporti esteri.

Fonti dell’intelligence diplomatica e regionale hanno detto a Reuters che Israele ha intensificato i suoi attacchi agli aeroporti siriani per interrompere il crescente uso da parte dell’Iran delle linee di rifornimento aereo per consegnare armi ai suoi alleati in Siria e Libano, incluso Hezbollah.

Teheran ha adottato il trasporto aereo come mezzo più affidabile per trasportare equipaggiamento militare alle sue forze e ai combattenti alleati in Siria, dopo che le operazioni di trasporto terrestre sono state interrotte.

Centinaia di migliaia di persone sono morte e milioni di sfollati da quando le proteste contro il presidente Bashar al-Assad nel 2011 si sono trasformate in una guerra civile che ha attirato potenze straniere e ha lasciato la Siria divisa in zone di controllo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

READ  Il ministro finlandese per l'Europa ha affermato che è "molto probabile" entrare a far parte della NATO

(coperto da Kinda Makiya, Enas Al-Ashry e Naira Abdullah). Scritto da Moataz Mohamed. Montaggio di Chris Reese, Grant McCall e William Mallard

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.