La scoperta nel cortile di casa dei paleontologi rivela prove dei primi esseri umani in Nord America

Segni di macellazione possono essere visti sulle costole del mammut. La costola superiore mostra una frattura dovuta all’impatto della forza contundente, la costola media mostra una ferita da perforazione e la costola inferiore mostra segni di scheggiatura. (Timothy Rowe et al., Università del Texas ad Austin)

Tempo di lettura stimato: 4-5 minuti

AUSTIN, Texas – La sorprendente scoperta di fossili di mammut nel cortile di un paleontologo ha portato a una scoperta ancora più inaspettata.

I resti di una femmina di mammut di 37.000 anni e del suo vitello mostrano segni distintivi di macellazione, fornendo nuove prove che gli esseri umani potrebbero essere arrivati ​​in Nord America molto prima di quanto si pensasse.

Il paleontologo Timothy Roe ha appreso per la prima volta dei fossili nel 2013 quando un vicino ha notato qualcosa emergere da una collina su alcune delle proprietà di Roe nel New Mexico.

Dopo un esame più attento, Roo ha trovato una zanna, un teschio gigante in frantumi e altre ossa che sembravano essere state deliberatamente rotte. Si credeva che fosse il luogo in cui venivano macellati due mammut.

“Quello che abbiamo è incredibile”, ha detto Rowe in una nota. “Non è un sito attraente con un bellissimo scheletro su un lato. Tutto è rotto. Ma questa è la storia.”

Rowe, professore all’Università del Texas presso la Jackson School of Earth Sciences di Austin, è un esperto di paleontologia dei vertebrati e di solito non studia i mammut o i primi esseri umani. Ma non può fare a meno di lavorare alla ricerca a causa della posizione del ritrovamento.

Nel 2015 e nel 2016 sono stati effettuati due scavi di sei settimane nel sito, ma l’analisi in laboratorio ha richiesto molto più tempo ed è ancora in corso, ha affermato Rowe. È l’autore principale di un nuovo studio che fornisce un’analisi del sito e delle sue implicazioni, che è stato pubblicato sulla rivista Frontiere in Ecologia ed Evoluzione nel mese di luglio.


Quello che abbiamo è fantastico. Non è un luogo attraente con un grazioso scheletro su un lato. Tutto è impostato. Ma questa è la storia.

– Timothy Rowe, paleontologo


“Devo ancora affrontare completamente la coincidenza cosmica di questo sito che appare nel mio cortile”, ha scritto Rowe in una e-mail.

Analisi del sito

Diversi reperti nel sito dipingono un quadro di ciò che è accaduto lì migliaia di anni fa, inclusi strumenti in osso, prove di fuoco, ossa con fratture e altri segni di macellazione di animali da parte dell’uomo.

Lunghe ossa di mammut modellate in lame usa e getta venivano usate per distruggere le carcasse degli animali prima che il fuoco aiutasse a sciogliere il grasso.

Secondo lo studio, nelle ossa si possono vedere fratture dovute a forza contundente. Non c’erano strumenti di pietra nel sito, ma i ricercatori hanno trovato coltelli per pelare fatti di ossa con bordi usurati.

Un’analisi chimica del sedimento attorno alle ossa di mammut ha mostrato che l’incendio è stato sostenuto e controllato e non causato da un incendio o da un fulmine. C’erano anche prove di ossa rotte e resti cremati di piccoli animali, inclusi uccelli, pesci, roditori e lucertole.

Primo piano di un mucchio di ossa durante lo scavo.  Questa miscela casuale di costole, ossa craniche rotte, molari, frammenti ossei e ghiaia è un mucchio di lettiera di un mammut macellato.  Era conservato sotto il cranio e le zanne di un mammut adulto.
Primo piano di un mucchio di ossa durante lo scavo. Questa miscela casuale di costole, ossa craniche rotte, molari, frammenti ossei e ghiaia è un mucchio di lettiera di un mammut macellato. Era conservato sotto il cranio e le zanne di un mammut adulto. (Foto: Timothy Rowe, Università del Texas ad Austin)

Il team di ricerca ha utilizzato la tomografia computerizzata per analizzare le ossa del sito, trovando ferite da puntura che avrebbero potuto essere utilizzate per drenare il grasso dalle costole e dalle vertebre. Roe ha detto che gli umani che hanno massacrato i mammut erano meticolosi.

“Ho scavato dinosauri riesumati, ma il modello di disintegrazione delle ossa e rottura a causa del massacro umano era diverso da qualsiasi cosa io abbia mai visto”, ha detto Rowe.

Il dettaglio più sorprendente del sito è che si trova nel New Mexico – e prove precedenti suggeriscono che gli esseri umani non esistessero nemmeno decine di migliaia di anni dopo.

Tracciare i primi passi umani

Il collagene prelevato dalle ossa di mammut ha aiutato i ricercatori a determinare che gli animali furono macellati nel sito tra 36.250 e 38.900 anni fa. Questa fascia di età rende il sito del New Mexico uno dei siti più antichi costruiti dagli antichi umani in Nord America, hanno detto i ricercatori.

Gli scienziati hanno discusso per anni quando i primi esseri umani arrivarono in Nord America.

Un recente studio sui resti di un cucciolo di mammut macellato mostra che gli esseri umani vissero in Nord America decine di migliaia di anni prima di quanto si credesse tradizionalmente.
Un recente studio sui resti di un cucciolo di mammut macellato mostra che gli esseri umani vissero in Nord America decine di migliaia di anni prima di quanto si credesse tradizionalmente. (Foto: Servizio del Parco Nazionale)

La cultura Clovis di 16.000 anni è famosa per gli strumenti di pietra che hanno lasciato. Ma c’è una quantità crescente di prove che suggeriscono che i siti antichi del Nord America ospitassero popolazioni pre-Clovis con un lignaggio genetico diverso. I siti antichi contengono un diverso tipo di prova, come impronte conservate, strumenti in osso o ossa di animali con segni di taglio più vecchi di 16.000 anni.

“Gli esseri umani sono stati nelle Americhe per più del doppio del tempo che gli archeologi hanno fatto per molti anni”, ha detto Rowe. “Questo sito indica che gli esseri umani hanno raggiunto la distribuzione globale molto prima di quanto si pensasse in precedenza”.


Questo sito indica che gli esseri umani hanno raggiunto la distribuzione globale molto prima di quanto si pensasse in precedenza.

– Timothy Rowe, paleontologo


La posizione del sito, che si trova all’interno occidentale del Nord America, indica che i primi umani arrivarono 37.000 anni fa, secondo lo studio. È possibile che questi primi esseri umani viaggiassero sulla terraferma o lungo le strade costiere.

Rowe ha detto che voleva prelevare campioni dal sito per cercare i segni dell’antico DNA in seguito.

Mike Collins, professore in pensione presso la Texas State University di Pubblicazione. “Costituisce un percorso da cui gli altri possono imparare e seguire”.

Collins non è stato coinvolto nello studio. Ha condotto la ricerca nel sito archeologico di Gault, che contiene manufatti sia di Clovis che pre-Clovis, vicino ad Austin, in Texas.

“Penso che il significato più profondo del raggiungimento precoce da parte dell’uomo della distribuzione globale sia una nuova importante questione da esplorare”, ha detto Rowe. “Le nostre nuove tecniche hanno fornito prove accurate della presenza umana nella documentazione archeologica e sospetto che ci siano altri siti di età simili o addirittura più antiche che non sono stati riconosciuti”.

Ultime storie di scienza

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  La NASA sta facendo gli ultimi preparativi per far schiantare un veicolo spaziale e trasformarlo in un asteroide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.