La Russia ha vietato a diversi funzionari europei di entrare nel Paese. Reazione dell’UE

La Russia ha annunciato venerdì di aver impedito a diversi funzionari europei di entrare nel paese, in risposta alle restrizioni di Bruxelles su Mosca, senza nominare gli obiettivi o i loro nomi, riferisce Reuters.

“La parte russa … ha deciso di ampliare l’elenco dei rappresentanti degli Stati membri e delle istituzioni dell’UE a cui è stato vietato l’ingresso in Russia”, si legge nel comunicato del ministero degli Esteri sul suo sito web ufficiale.

Il rapporto afferma che la Russia ha aggiunto all’elenco dei capi di organizzazioni militari private europee, membri dei servizi di sicurezza, membri del Parlamento europeo e altri funzionari “personalmente responsabili della promozione delle politiche anti-russe”.

Secondo il DPA, l’embargo sembra essere correlato alle sanzioni dell’UE alla Russia per l’annessione della Crimea nel 2014.

L’UE “deplora” il divieto di ingresso nel Paese da parte di diversi funzionari dell’UE

L’Unione Europea (UE) venerdì si è “rammaricata” per la decisione della Russia di imporre sanzioni a diversi funzionari europei, citando un nuovo capitolo nell’acuta crisi diplomatica che circonda l’Ucraina.

“L’UE si rammarica della decisione delle autorità russe”, ha affermato un portavoce dell’UE in una nota.

“Questa decisione manca di equità legale e trasparenza”, ha affermato.

Autore: Liviu Kojan

READ  Il direttore della fotografia di Vladimir Putin si dimette dopo aver registrato la dichiarazione di guerra contro l'Ucraina / motivo sorprendente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.