La ripresa del mercato azionario si riprende, l’inflazione nel Regno Unito raggiunge il massimo degli ultimi 40 anni

LONDRA (Reuters) – Un rally azionario si è esaurito mercoledì poiché le preoccupazioni per le prospettive di crescita economica e l’aumento dell’inflazione hanno smorzato il sentimento, mentre la lettura dell’inflazione del 9% del Regno Unito ha sottolineato quanto potrebbero spingersi i tassi di interesse più alti.

Le azioni asiatiche sono riuscite a registrare guadagni per la quarta sessione consecutiva, ma le azioni in Europa sono state contrastanti e i futures di Wall Street indicano un’apertura debole.

Diversi analisti hanno descritto il forte rialzo di questa settimana come un rimbalzo a breve termine del tipo comune durante un lungo trend ribassista delle azioni. Pochi sono disposti a prevedere la fine del sell-off dopo i primi cinque lividi dell’anno per gli asset rischiosi data così tanta incertezza macroeconomica.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Il sentimento e la fiducia degli investitori rimangono scossi e, di conseguenza, è probabile che vedremo mercati instabili e volatili fino a quando non avremo maggiore chiarezza sulle 3R: tassi, stagnazione e rischi”, ha affermato Mark Heffel, chief investment officer di UBS Global. Gestione patrimoniale.

Entro le 0810 GMT, l’Euro Stoxx 600 è ampio (.stoxx) È in calo dello 0,1%, mentre l’FTSE 100 britannico è in calo (.FTSE) Era anche inferiore dello 0,1%.

Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS.) È aumentato dello 0,6% ed è nella sua serie di vittorie più lunga da febbraio. Indice Nikkei del Giappone (.N225) È aumentato dello 0,94% e i minatori guidavano le azioni australiane (.AXJO) Circa l’1% in più.

Indice azionario mondiale MSCI (.MIWD00000PUS.) Un leggero 0,1% è aumentato di circa il 2% finora questa settimana, ma è comunque in calo del 16% rispetto al picco di gennaio.

READ  Mentre il mondo reagisce con orrore a Bush, i media statali cinesi hanno un tono diverso
Indice azionario mondiale MSCI

Nei mercati valutari, la sterlina britannica è stata la più perdente, scendendo dello 0,9% a $ 1,2387 dopo che l’inflazione dei prezzi al consumo nel Regno Unito ha raggiunto il 9% ad aprile, un massimo di 40 anni e più o meno in linea con le aspettative degli analisti. La sterlina è aumentata bruscamente questa settimana e parte del calo di mercoledì è stato attribuito alla presa di profitto.

L’inflazione britannica è ora la più alta tra le principali economie, ma i prezzi stanno aumentando rapidamente in tutto il mondo, costringendo le banche centrali a lanciare una serie di aumenti dei tassi di interesse anche di fronte al rallentamento della crescita economica.

La lettura dell’inflazione canadese per aprile è prevista anche più tardi mercoledì.

E il dollaro è salito dello 0,3 per cento a 103,61, tornando al livello più alto degli ultimi due decenni, registrato la scorsa settimana, mentre l’euro è sceso di un importo simile a 1,0515 dollari.

shock negativi

I dati positivi hanno aiutato l’umore a breve termine, con la riunione delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti che prevedeva un forte aumento ad aprile e la produzione industriale che ha superato le aspettative. Leggi di più

I dati di mercoledì hanno mostrato che l’economia giapponese si è contratta meno del previsto nel primo trimestre. Leggi di più

Anche Shanghai si sta avvicinando alla fine del suo prolungato blocco e il vicepremier cinese ha rilasciato commenti rassicuranti ai dirigenti tecnologici nell’ultimo segno di allentamento della pressione. Leggi di più

Tuttavia, qualsiasi buona notizia è stata compensata da un promemoria del presidente della Federal Reserve Jerome Powell che tenere sotto controllo l’inflazione richiederà un aumento dei tassi di interesse e forse un po’ di sofferenza. Leggi di più

READ  Shanghai ha eretto una recinzione attorno alle aree colpite dal Corona virus, che ha portato a nuove proteste

Gli investitori hanno prezzato un aumento del tasso di interesse statunitense di 50 punti base a giugno e luglio e vedono il tasso dei Fed fund di riferimento aumentare del 3% all’inizio del prossimo anno.

I rendimenti dei Treasury statunitensi sono rimasti piatti mercoledì e al di sotto dei recenti massimi pluriennali, ma il rendimento dei titoli di stato tedeschi a due anni è salito al livello più alto da dicembre 2011 dopo i commenti più aggressivi della banca centrale. Klaas Knott della Banca centrale europea ha dichiarato martedì che un aumento del tasso di 50 punti base a luglio sarebbe stato possibile se l’inflazione fosse aumentata.

Le materie prime hanno registrato un rally con le azioni questa settimana poiché i mercati hanno trovato ragioni per trattenere le speranze di crescita, anche se la maggior parte dei prezzi è al di sotto dei massimi recenti.

Mercoledì, i future sul greggio Brent sono aumentati dell’1,3% a $ 113,38 al barile e i future sul greggio statunitense sono aumentati dell’1,64% a $ 114,24 al barile.

L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha tagliato le previsioni di crescita per Cina, Stati Uniti e zona euro, sottolineando le prospettive deboli per le principali economie mondiali.

“L’economia globale continua a subire un numero insolitamente elevato di shock negativi”, ha affermato l’economista capo Paul F. Groenewald.

“Due sviluppi hanno cambiato il quadro generale”, ha detto, riferendosi all’invasione russa dell’Ucraina e all’inflazione, che si è rivelata più alta, più ampia e più stabile di quanto inizialmente pensato.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Tom Westbrook a Singapore. Montaggio di Kim Coogle

READ  I consiglieri di Putin "hanno paura di dirgli la verità" sull'errore dell'Ucraina, afferma il presidente russo Vladimir Putin, capo del GCHQ

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.