La prossima settimana per le azioni: arriva il rapporto sugli utili più significativo di Netflix

Il gigante della trasmissione riferirà i suoi guadagni del secondo trimestre martedì e si preannuncia come uno dei momenti più significativi nei 25 anni di storia dell’azienda.

Qualunque cosa accada martedì potrebbe rimodellare il futuro dell’azienda e dell’intera industria radiotelevisiva. Come con Netflix, lo streaming va.

“Ci sarebbe un inferno da pagare se riportassero una cifra molto superiore alla perdita di $ 2 milioni”, ha detto alla CNN Business Andrew Hare, vicepresidente della ricerca presso Magid.

Hare ha notato che il mercato delle trasmissioni in diretta è maturo ed è saturo. Quindi gli investitori chiederanno: “Cosa c’è dopo e da dove verrà la crescita?”

Netflix ripone le sue speranze su un potenziale salvatore: la pubblicità.

La società ha annunciato mercoledì che collaborerà con Microsoft su un nuovo piano di abbonamento più economico e supportato dalla pubblicità. Sebbene il CEO di Netflix Reed Hastings sia allergico all’idea da anni, l’annuncio è ora una parte importante dei piani di Netflix per aumentare le entrate in futuro. Si dice che il nuovo livello arriverà prima della fine del 2022, ma Netflix ammette che la sua attività pubblicitaria in erba è agli inizi.

L’azienda si sta anche concentrando sulla repressione della condivisione delle password e sulla creazione di contenuti accattivanti per aiutare a invertire la tendenza.

Ma tutto questo avrebbe importanza se i numeri di martedì fossero così scarsi che Wall Street ha completamente voltato le spalle a Netflix?

“Una volta che Netflix viene sottovalutato dal mercato, tutte le scommesse vengono annullate”, ha detto Hare.

Tuttavia, il dispositivo di streaming ha alcune cose che funzionano a suo favore.

Tanto per cominciare, Netflix rimane il leader nello streaming con 221,6 milioni di abbonati in tutto il mondo. Sta anche riportando numeri in un mercato che introducono fattori al di fuori del controllo di Netflix, come l’aumento dell’inflazione. Quindi ha quelle scuse su cui può fare affidamento per attutire il colpo con gli investitori.

READ  Airbnb, Roblox, Wynn Resorts e altro ancora

“Gli investitori daranno loro il tempo di correggere la situazione, ma hanno bisogno di ascoltare piani più solidi sul percorso verso una crescita immediata”, ha affermato Hare. “Si tratta di comunicare come far crescere il business per assicurarsi che continuino a vincere dal vivo… Nessuno ha l’audacia di perdere affari a causa di milioni di abbonati ogni trimestre”.

Gli amministratori delegati di Wall Street lottano con la parola “R”.

Le grandi banche hanno dato il via alla stagione degli utili la scorsa settimana, mettendo i dirigenti di fronte a investitori e membri dei media per essere interrogati.

La relazione era in qualche modo prevedibile: i dirigenti della banca vogliono discutere di cose come il margine di interesse netto e l’accumulo di riserve di credito. Tutti gli altri avevano una cosa in mente: la stagnazione.

Non si può negare che l’economia è la storia e gli investitori credono che i giganti bancari siano coautori. Vogliono sapere cosa succede dopo.

Quindi ecco a cosa ci siamo concentrati finora sullo stato dell’economia in futuro.

Jamie Dimon, CEO di JPMorgan:

È molto probabile che le tensioni geopolitiche, l’elevata inflazione, il calo della fiducia dei consumatori, l’incertezza su come aumenteranno i tassi, l’inasprimento quantitativo senza precedenti e il suo impatto sulla liquidità globale, insieme alla guerra in Ucraina e al suo impatto negativo sui prezzi globali dell’energia e dei generi alimentari, avranno conseguenze negative sull’economia globale a volte lungo la strada.

James Gorman, CEO di Morgan Stanley:

Potremmo entrare in una qualche forma di recessione – e io, come molti altri, ho cercato di trattenerlo, ma stiamo onestamente supponendo a questo punto, ma penso che sia molto improbabile che ci sarà una recessione profonda e drammatica almeno in gli Stati Uniti. Penso che l’Asia sia un po’ indietro. Dipende da come è COVID, e in alcuni paesi sta spuntando un po’. Ed è chiaro che l’Europa sta combattendo più duramente ora a causa della guerra in Ucraina, a causa della pressione sui prezzi del gas, del gas e così via.

READ  Dow futures: rimbalzo del mercato, ma per quanto tempo? Apple e Amazon Hit Tech

Jim Herbert, CEO e fondatore di First Republic Bank:

La Fed deve recuperare il ritardo. Sono in ritardo e lo fanno – probabilmente lo faranno molto rapidamente. Quindi penso che probabilmente vedrai arrivare una recessione di qualche tipo, che stabilizzerà molti degli eccessi. Non credo che questo ci minacci eccessivamente… Penso che potremmo essere nella seconda o terza metà di ciò che sarà necessario per tenere sotto controllo l’inflazione. Questa sarà la mia opinione personale.

Il presidente e amministratore delegato di BNY Mellon Robin Vince:

Avete visto tutti quei grafici. L’S&P 500 ha registrato la peggiore performance del primo semestre in più di 50 anni e il Tesoro a 10 anni ha avuto il peggior inizio d’anno dall’inizio dell’indice nei primi anni ’70. Con 150 punti base di rialzi dei tassi, questo è il ciclo di inasprimento più rapido in sei mesi dall’era Volcker alla fine degli anni ’70. Sotto questi titoli, ciò che vediamo sulle nostre piattaforme è che gli investitori stanno chiaramente riequilibrando ed eliminando il rischio. Stiamo assistendo a una riallocazione degli asset da crescita a valore, saldi di cassa superiori alle attese e liquidità di mercato relativamente scarsa, che rendono difficile per gli investitori trasferire il rischio.

Charles Scharf, CEO di Wells Fargo:

Stai davvero esaminando una serie di scenari a cui devi pensare e includere nel tuo modello. E per un certo numero di trimestri consecutivi, abbiamo già avuto molto peso per il nostro scenario di trend ribassista. E alcuni di questi scenari sono molto pericolosi, giusto? E quindi hai peso per quello che alcuni chiamerebbero un crollo grave, un crollo più grave, quindi puoi creare molte etichette per loro. Ma ci sono una serie di scenari che hanno una diversa gravità degli aspetti negativi.

READ  Esclusiva MSCI afferma che la rimozione della Russia dagli indici "Natural Next Step"

Jane Fraser, CEO di Citigroup:

Sebbene il sentimento sia cambiato, i pochi dati che vedo mi dicono che gli Stati Uniti sono sull’orlo di una recessione. La spesa dei consumatori rimane ben al di sopra dei livelli pre-Covid, con i risparmi delle famiglie che forniscono un ammortizzatore per le pressioni future. Come ti dirà qualsiasi imprenditore, il mercato del lavoro è ancora molto stretto.

Sono appena tornato dall’Europa, dove la storia è diversa. Ci aspettiamo un inverno molto difficile, a causa delle interruzioni dell’alimentazione. C’è anche una crescente preoccupazione per gli effetti di secondo livello sulla produzione industriale e come ciò influenzerà l’attività economica in tutto il continente. Naturalmente, l’atmosfera è offuscata dalla convinzione che la guerra in Ucraina non finirà presto.

prossimo

Lunedi: Bank of America e Goldman Sachs riportano gli utili del secondo trimestre

Martedì: permessi di costruzione nel mese di giugno; Rapporti sugli utili di Netflix

Mercoledì: Vendite di case esistenti nel mese di giugno; Rapporti sugli utili di Tesla

Giovedì: Indice di produzione della Fed di Filadelfia

Venerdì: S&P Global Flash US Composite PMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.