La prima cosa a farci visita da un altro sistema stellare potrebbe essere un’astronave

Foto dell'articolo intitolato Il primo oggetto a farci visita da un altro sistema stellare potrebbe essere un'astronave

Conosci gli scienziati: danno la spiegazione più interessante possibile al pubblico e poi si comportano come nerd e pubblicano giornali anni dopo dicendo qualcosa di più banale. Quindi, l’ingresso del primo corpo nel nostro sistema solare da un luogo diverso. Gli scienziati chiamati “Oumuamua” stanno ancora discutendo su quale sia l’oggetto misterioso e, sorprendentemente, la spiegazione più interessante possibile – un’astronave – gioca ancora un ruolo importante.

Oumuamua, o “messaggero” in lingua aborigena hawaiana, è stato visto per la prima volta attraverso lenti dell’isola ad alta potenza basate osservatorio ion 2017. Era chiaro dalla sua velocità e dalla sua traiettoria che Oumuamua proveniva dall’esterno del sistema solare e sputò di nuovo poco dopo aver ruotato attorno al sole.

Questo ha dato agli scienziati una quantità di tempo molto limitata per studiare ‘Oumuamua. I ricercatori sono stati immediatamente entusiasti di essere i primi a notare qualcosa dall’esterno del sistema solare che fa un’inversione a U attraverso la nostra regione. All’inizio ha intorpidito una cometa, che in seguito è stata classificata come un tipo di asteroide a causa dell’assenza di coma, l’alone di polvere, gas e vapore che ricopre il nucleo della cometa.

Ma neanche questo mi sembra del tutto corretto. Per cinque anni gli astronomi hanno cercato di definire meglio Oumuamua in base alla quantità limitata di informazioni disponibili, ma hanno smesso di dichiarare con certezza che è questo o quello. Potrebbe essere di più? Un mestiere di design intelligente di qualche tipo?

Un nuovo studio pubblicato da ricercatori cinesi in Astronomia e astrofisica Mercoledì riduce la possibilità che Oumuamua sia una nave a causa della luminosità dei suoi periodi luminosi che non sono abbastanza luminosi da indicare una spinta di fotoni di luce.

Non sono uno scienziato, ma sembra una ragione ridicola per ignorare la teoria dei veicoli spaziali. Ad esempio, mentre siamo sulla Terra, pensiamo che le vele ottiche – vele che catturano i fotoni per azionare un’astronave in modo simile a un veliero – siano l’ultima tecnologia di fantascienza utilizzata solo di recente nell’esplorazione spaziale sulla Terra, alieni in grado di viaggiare tra i sistemi Asterisk è forse qualcosa di più avanzato. Inoltre, ‘Oumuamua sembra utilizzare il nostro sole in modo efficiente per espellere i razzi dal nostro sistema solare con la stessa efficacia del loro lancio. Non potrebbe far parte della sua strategia push? Per saltare da una stella all’altra, usando la sua gravità per sparare punti lontani nella nostra galassia?

Il fisico di Harvard Avi Loeb è d’accordo. Loeb ha detto Bestia quotidiana Quella teoria dell’astronave è ancora valida. Anche i ricercatori cinesi nell’articolo originale hanno minimizzato la strana angolazione riconoscendo che potrebbe ancora essere un mestiere di qualche tipo:

Quindi, mentre Oumuamua attraversava il sistema solare, avrebbe dovuto essere davvero luminoso in alcuni punti – e quasi invisibile in altri. E durante ‘Oumuamua lei lo ha fatto Sta diventando più luminoso e più scuro del nostro nel suo strano viaggio, non era luminoso Bastaha detto Shanfei. “Se fosse una vela ottica, il contrasto della luminosità dovrebbe essere molto maggiore.”

Ma Loeb ha detto che un’altra spiegazione per la relativa oscurità di Oumuamua è la forma della possibile vela. Gli scienziati cinesi ipotizzano che se Oumuamua fosse un veicolo a vela leggera, avrebbe una vela piatta. Una vela piatta rifletterà più luce nel momento più luminoso di, diciamo, una vela concava.

La vela “non deve essere piatta”, ha spiegato Loeb. Ha notato che sta lavorando con la Breakthrough Initiative, una startup scientifica fondata dal miliardario russo-israeliano Yuri Borisovich, sotto forma di ombrello come parte del progetto della navicella spaziale Starshot.

L’intero dibattito sulla possibile forma della vela potrebbe essere controverso. “Oumuamua potrebbe essere un veicolo spaziale ‘in altre forme'”, ha ammesso Shangvi. In altre parole, potrebbe non avere affatto una vela e potrebbe invece fare affidamento su un altro tipo di sistema di propulsione.

Non pensavo che altri scienziati avrebbero dovuto insistere sul fatto che i loro colleghi usassero più immaginazione, ma penso che sia così. Tutto quello che sto dicendo è che potrebbe non essere un veicolo spaziale, ma non sarebbe più bello se lo fosse? Siate realistici, gente.

READ  Gli astronomi potrebbero aver scoperto un calore "oscuro".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.