La polizia brasiliana ha picchiato a morte un uomo nel bagagliaio di un’auto, mostra il video

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Il video Inizia con tre agenti di polizia stradale che sospendono un uomo su una strada sterrata nel nord-est del Brasile.

Dopo una ferita, le gambe dell’uomo vengono picchiate mentre due agenti lo mettono all’angolo all’interno di una berlina della polizia. Si può vedere del fumo bianco che sale dall’auto.

Una voce da dietro la telecamera dice: “Guarda il ragazzo laggiù, mio ​​Dio”. “Lo stanno uccidendo dentro la macchina.”

Ginvaldo de Jesus Santos, 38 anni, è morto quando la polizia lo ha portato in ospedale mercoledì, secondo i suoi parenti. Era indifeso e soffriva di schizofrenia quando la polizia stradale federale lo ha ucciso con gas letali sul ciglio della strada, secondo suo nipote, che ha detto che era sul posto.

Alla polizia di Rio è stato ordinato di limitare le incursioni negli slum durante la pandemia. Stanno ancora uccidendo centinaia di persone.

Anche in un luogo che è stato a lungo utilizzato per uccidere la polizia, il video, diventato virale sui social media, ha suscitato terrore e rabbia in tutto il Brasile.

“Ha detto alla polizia tutto il tempo che aveva un problema cardiaco, che aveva problemi mentali”, ha detto suo nipote, Wallison de Jesus, al Washington Post. Hanno continuato a torturare e hanno detto a tutti di stare alla larga.

Giovedì la polizia federale brasiliana ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che stava indagando sulla morte di Santos nella città di Umbauba, nello stato nord-orientale di Sergipe. In una dichiarazione separata, la Polizia Stradale Federale ha dichiarato che avrebbe collaborato con le autorità investigative e aveva già sospeso gli agenti coinvolti nell’incidente.

READ  La rabbia aumenta tra i residenti di Shanghai bloccati mentre la città segnala più morti per COVID

Il video ha scatenato proteste nella città natale di Santos e ha chiesto giustizia in tutto il Brasile, dove la polizia è nota per le incursioni feroci, incoraggiate dal presidente brasiliano di estrema destra Jair Bolsonaro come parte della sua agenda populista di lotta alla criminalità.

Martedì, il giorno prima della morte di Santos, Almeno 21 persone sono morte Durante un’operazione di polizia a Rio de Janeiro. È stata una delle incursioni più mortali degli ultimi anni, ma è stata l’ultima di una lunga lista di operazioni del genere.

Santos era nero, secondo i notiziari brasiliani, e la sua morte ha anche suscitato indignazione per la storia di discriminazione e uso sproporzionato della forza da parte della polizia contro i neri.

“Non c’è via d’uscita per il Brasile che non sia costruita per garantire la vita della popolazione nera”, ha affermato Douglas Belchior, membro di un gruppo di attivisti chiamato Delegazione del Movimento Nero brasiliano.

Lucas Rosario, portavoce della Segreteria di Pubblica Sicurezza di Sergipe, che sovrintende alla polizia di stato, ha rifiutato di commentare l’autenticità del video. Ha detto che i membri della famiglia Santos hanno presentato il video come prova quando hanno presentato una denuncia alla polizia mercoledì.

“Le immagini sono semplicemente scioccanti”, ha affermato Samira Bueno, direttore esecutivo del Forum brasiliano non governativo per la sicurezza pubblica. “È uno psicopatico, ed è la tua storia di te che usi un’auto come camera a gas per immobilizzare chiunque.”

I soldati in Brasile hanno sparato dozzine di colpi contro la sua famiglia, uccidendo il marito. Qualcuno sarà ritenuto responsabile?

READ  Russia e Cina attenuano il testo del G20 sulle tensioni geopolitiche

L’Istituto di medicina legale di Sergipe, le cui autopsie sono state eseguite all’esterno, ha dichiarato giovedì che Santos è morto per soffocamento ma non è stato in grado di determinare la “causa diretta” della morte.

Il nipote di Santos ha detto al The Post di aver visto la polizia lanciare una bomboletta di gas lacrimogeno nell’auto.

Rosario ha detto che la fonte del gas visto sgorgare dall’auto era sotto inchiesta.

Testimoni oculari e poliziotti hanno fornito resoconti contraddittori.

Gli agenti hanno detto che Santos “ha attivamente resistito” alla polizia quando si sono avvicinati, Secondo un comunicato diffuso mercoledìE che “si è ammalato” mentre veniva portato in questura.

De Jesus, suo nipote, ha detto che la polizia ha fermato suo zio, che era in sella a una moto, e gli ha chiesto di alzarsi la maglietta. Santos ha iniziato a sentirsi nervoso dopo che la polizia ha trovato i pacchetti delle sue medicine. Suo nipote ha detto di aver denunciato le condizioni di salute mentale di suo zio agli agenti di polizia e di aver richiesto questo farmaco.

Con l’escalation delle sparatorie della polizia a Rio, i bambini vengono coinvolti nel fuoco incrociato

“Poi è iniziata la sessione di tortura”, ha detto de Jesus.

Suo nipote ha detto che la polizia ha afferrato Santos per le braccia, gli ha preso a calci le gambe e lo ha buttato a terra. Dopo averlo colpito a terra, ha detto de Jesus, gli agenti gli hanno legato le gambe e lo hanno gettato in macchina con un lacrimogeno.

La moglie di Santos, Maria Fabiana dos Santos, G1 ha detto Che suo marito soffriva di schizofrenia da due decenni ma non era mai stato violento.

READ  Solomon conferma i colloqui di sicurezza con la Cina; Australia e Nuova Zelanda interessate

“Ho vissuto con lui per 17 anni”, ha detto. “Non ha mai aggredito nessuno, non ha mai fatto niente di male, ha sempre fatto la cosa giusta. E in un momento come questo lo hanno preso e hanno fatto quello che hanno fatto”.

Ronaldo Cardoso da Silva, insegnante e assistente sociale locale, ha detto al Washington Post di essere amico di Santos. Cardoso da Silva ha affermato di essere sopravvissuto alle prestazioni della previdenza sociale e a lavori individuali occasionali, guidando occasionalmente un risciò e lasciando viaggiare gratuitamente i passeggeri a corto di contanti.

Circa 6.000 brasiliani sono morti dopo essere stati deliberatamente colpiti da agenti di polizia mentre erano in servizio nel 2020. Secondo i dati Dall’Osservatorio sull’uso della forza mortale in America Latina, un consorzio di ricercatori e accademici della regione.

Bolsonaro ha invitato i criminali a “morire per le strade come scarafaggi” e ha affermato che la polizia che uccide i criminali “dovrebbe ricevere lode, non perseguita”.

José Luis Raton, professore di studi criminali presso l’Università Federale di Pernambuco in Brasile, ha affermato che l’aumento delle incursioni violente negli ultimi anni contro i “socialmente vulnerabili” è stato alimentato dalle autorità… che incoraggiano e rafforzano la polizia violenta, disordinata e incontrollata azione in nome della “lotta alla criminalità”. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.