La partita USA-Venezuela all’AmeriCop è stata rinviata dopo la pioggia in palestra

RECIFE, BRASILE – La NBA doveva vincere l’AmeriCup di domenica ed era sulla buona strada per farlo.

Cioè, finché non piove.

La partita degli americani contro il Venezuela è stata posticipata all’intervallo con gli Stati Uniti in vantaggio per 48-21. La pioggia battente ha causato molteplici perdite all’interno del Geraldo Magalhães Sports Gymnasium, portando i funzionari a determinare che la partita non poteva essere ripresa in sicurezza.

La International Basketball Federation ha detto che la partita riprenderà martedì pomeriggio, il che significa che gli americani dovranno giocare per tre giorni consecutivi mentre cercheranno di qualificarsi per i quarti di finale.

Sia il Venezuela che gli Stati Uniti giocheranno le ultime partite della fase a gironi in programma lunedì.

L’International Basketball Federation (FIBA) ha consentito che le partite del Gruppo B si giocassero più tardi domenica nella stessa arena programmata. La Repubblica Dominicana (1-1) ha battuto le Isole Vergini (0-2) e l’Argentina (2-0) ha battuto Porto Rico (1-1).

La partita del Venezuela è cruciale per gli Stati Uniti, che sono entrati domenica 0-1 nella partita del Gruppo C dopo essere caduti in Messico nell’esordio di venerdì. Gli americani avranno bisogno di almeno una vittoria nelle tre partite del girone, e forse due, per raggiungere i quarti di finale che inizieranno a fine settimana.

È possibile che il Messico (2-0) si sia assicurato il suo posto nei quarti di finale domenica prima davanti a Panama (0-2).

Gli americani hanno rinunciato al primo canestro della partita e poi sono andati nel girone 18-2 e hanno continuato. Gli Stati Uniti hanno tirato il 56% nel primo tempo, contro il 33% del Venezuela, e hanno avuto un vantaggio di 24-0 in punti da un range di 3 punti.

READ  La MLBPA invia le carte di autorizzazione sindacale nel primo passo verso la formazione di piccoli sindacati

Craig Sword aveva 12 punti nel primo tempo per gli Stati Uniti e 11 dei 12 americani avevano segnato quando il gioco è stato interrotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.