La nuova immagine del sole è diversa da tutto ciò che abbiamo visto prima

Parte dell'immagine del mosaico scattata dall'Agenzia spaziale europea

Frammento dell’immagine del mosaico ripresa dal Solar Orbiter dell’Agenzia Spaziale Europea. Foto da una terra, Al volume è stato aggiunto in alto a destra.
foto: Team ESA e NASA/Solar Orbiter/EUI; Elaborazione dati: E. Kraaikamp (ROB)

Riempita con 83 milioni di pixel, l’immagine del mosaico offre una vista senza precedenti del sole e della sua turbolenta atmosfera esterna.

Il Solar Orbiter ha impiegato circa quattro ore per acquisire tutte le 25 immagini che lo compongono mosaicoche mostra il sole Su 7 marzo 2022. A quel tempo, la sonda si trovava a 46 milioni di miglia (75 milioni di km) dal Sole, il che la collocava a circa metà strada tra terra e stellasecondo l’Agenzia spaziale europea comunicato stampa. Lanciato nel febbraio 2020, il Solar Orbiter esegue una serie di orbite solari eccentriche mentre si avvicina sempre più alla nostra stella ospite.

I 25 fotogrammi, catturati dallo strumento Ultraviolet Imager (EUI) della sonda, forniscono una vista del Sole senza precedenti. EUI ha catturato l’immagine a una lunghezza d’onda di 17 nm, La regione ultravioletta estrema dello spettro elettromagnetico. L’Agenzia spaziale europea afferma che è l’immagine più alta mai scattata del disco del pieno sole e della corona solare, o atmosfera superiore.

L'immagine del mosaico mostra l'intero disco del Sole.

L’immagine del mosaico mostra l’intero disco del Sole.
foto: Team ESA e NASA/Solar Orbiter/EUI; Elaborazione dati: E. Kraaikamp (ROB)

Alta precisione, in effetti. L’incredibile immagine del mosaico è costituita da una griglia di 9148 x 91112 pixel, che secondo l’Agenzia spaziale europea è 10 Tempi migliori di una TV 4K. Ciò equivale a 83 milioni di pixel. L’ESA ha presentato un fascicolo disegno interattivo Ti consente di spostarti attraverso la scena e puoi ingrandire e rimpicciolire per catturare alcuni dei dettagli più fini. È possibile trovare un’immagine ad alta risoluzione, che sto già utilizzando come sfondo del desktop qui.

Sia in alto a destra che in basso a sinistra si potevano vedere spaventosi fili scuri. Questi filamenti possono generare potenti esplosioni, poiché enormi quantità di gas coronale cadono nello spazio. Queste esplosioni, se dirette verso Terra, a volte creando tempeste solari in prossimità della nostra atmosfera.

Anche un altro strumento tropicale a energia solare, lo Spectral Environment Coronal Imaging (SPICE), fornisce dati utili. SPICE guarda più in profondità nel sole, in uno strato inferiore noto come cromosfera, e lo fa scansionando diverse lunghezze d’onda dell’intensa radiazione ultravioletta prodotta da atomi diversi.

Viste del sole viste dal Coronal Environment Spectrograph (SPICE) del Solar Orbiter.
GIF: Agenzia spaziale europea e NASA/Solar Orbiter/Spice Team; Elaborazione dati: J. Soffietti (IAS)

In Spice appena uscito gifle regioni viola corrispondono all’idrogeno gassoso a temperature fino a 18.000 ° F (10.000 ° C), verde all’ossigeno a 576.000 ° F (320.000 ° C) e giallo al neon a 1,13 milioni di gradi Fahrenheit (630.000 gradi Celsius).

Un grande vantaggio di SPICE è che consente agli scienziati di mettere in relazione le eruzioni superficiali con questi strati più profondi E per indagare sulla curiosa osservazione che la superficie del Sole è di circa 9.000 ° F (5.000 ° C) più fredda dell’oceano. La corona, che può raggiungere 1,8 milioni di gradi Fahrenheit (un milione di gradi Celsius).

Emozionante, il Solar Orbiter Ora mancano giorni alla realizzazione Il primo passaggio vicino al soleche avverrà il 26 marzo 2022. Tutti e 10 Molti degli strumenti della sonda saranno attivi in ​​quel momento, poiché gli scienziati dell’Agenzia spaziale europea (ESA) cercheranno di estrarre quanti più dati possibili dal sorvolo. L’orbita solare è ora in un’orbita che la avvicina al sole rispetto a Mercurio. La sonda si avvicinerà gradualmente Negli anni successivi, man mano che la sua direzione si alzò gradualmente, il che ci avrebbe permesso di intravedere le regioni polari del Sole.

READ  "Ombre" in scala di due buchi neri supermassicci nel processo di collisione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.