La navigazione privata potrebbe non proteggerti tanto quanto pensi

Ma fare clic sull’opzione di navigazione “Privato” potrebbe non proteggerti tanto quanto pensi, affermano alcuni esperti di privacy.

Queste opzioni hanno nomi diversi: navigazione privata su Safari e Firefox e modalità di navigazione in incognito su Chrome, ma la funzionalità è simile su entrambi. In queste modalità speciali, il browser selezionato non tiene traccia dei siti visitati, delle pagine memorizzate nella cache o delle informazioni salvate come numeri di carta di credito e indirizzi. Impedisce inoltre che le informazioni delle sessioni vengano archiviate nel cloud.

Sebbene l’utilizzo di queste opzioni aggiunga un certo livello di protezione online, gli esperti di privacy affermano che non riesce a bloccare completamente il tracciamento di un utente, limitando potenzialmente la protezione che potrebbe offrire alle donne in questo nuovo panorama legale.

ha affermato Albert Fox Kahn, fondatore e CEO del Surveillance Technology Monitoring Project e ricercatore presso la New York University Law School.

Cosa fa la modalità browser privato?

Secondo gli esperti, le modalità di navigazione privata sono più adatte a proteggere la tua attività web da altre persone che utilizzano lo stesso dispositivo, ma non fanno altro che offrire questo scudo locale.

“Può essere utile, ad esempio, per i bambini transgender e gay che sono preoccupati di tenere traccia dei propri genitori e per le persone che potrebbero trovarsi in una situazione in cui non possono separare in modo sicuro i propri computer da altre persone che hanno accesso alla cronologia del proprio browser, ” dice Fox-Kahn.

La modalità privata può anche aiutare a ridurre il tracciamento tra i siti web. Su Chrome, ad esempio, agli utenti viene detto: “Vedi i siti Web come un nuovo utente e non saprai chi sei, finché non hai effettuato l’accesso”.

“Le persone scelgono di navigare sul Web in privato per molte ragioni”, ha affermato Parisa Tabriz, vicepresidente del browser Chrome. “Alcune persone vogliono proteggere la propria privacy su dispositivi condivisi o presi in prestito o escludere determinate attività dalla cronologia di navigazione. La modalità di navigazione in incognito aiuta con questi casi d’uso”.

Di solito, quando qualcuno naviga online, le aziende utilizzano dispositivi di tracciamento noti come cookie per tenere il passo con l’attività digitale da un sito all’altro per annunci più mirati. A seconda del browser e delle opzioni dell’utente, la modalità di navigazione privata può ridurre la condivisione delle informazioni tra i siti. Ma con alcuni browser, gli utenti dovrebbero sapere come selezionare queste opzioni aggiuntive, oltre alla semplice scelta della modalità privata.

READ  Questa settimana in Bungie - 21/07/2022 > Novità

Safari, ad esempio, ha una funzione predefinita di Smart Tracking Prevention, che limita il tracciamento tra siti consentendo ai siti di continuare a funzionare normalmente. Opzioni “Impedisci tracciamento incrociato” e “Blocca tutti i cookie” Passaggi aggiuntivi per proteggere gli utenti, ma queste funzionalità sono separate dalla modalità privata. Nel frattempo, Chrome consiglia agli utenti di scegliere di bloccare i cookie di terze parti, anche in modalità di navigazione in incognito. Firefox ha aggiunto nuove funzionalità predefinite lo scorso anno, tra cui la “protezione completa dei cookie”, per impedire che gli utenti vengano tracciati online, nonché il “blocco intelligente” per consentire l’accesso di terze parti tramite siti come Facebook o Twitter mentre si lavora ancora per impedire il tracciamento.

Anche le modalità private sono limitate nella loro efficacia quando si tratta di indirizzi IP, che sono associati al dispositivo e possono essere utilizzati per determinare la geolocalizzazione dell’utente.

“Indipendentemente dal fatto che tu sia in modalità privacy o meno, il destinatario dovrebbe sempre conoscere il tuo indirizzo IP perché quando il tuo browser invia una richiesta di dati, il server che riceve la richiesta deve sapere dove inviare quei dati”, ha affermato Andrew Rivers, assistente professore presso il College of Information University of Washington, l’ISP può anche registrare l’attività online di un utente indipendentemente dall’impostazione della privacy del browser.

Alcuni browser offrono una protezione aggiuntiva per gestirlo. Safari ha un’impostazione “Nascondi indirizzo IP” separata dalla modalità di navigazione privata che, quando abilitata, invia le informazioni del browser dell’utente a due diverse entità, una che ottiene l’indirizzo IP ma non il sito Web visitato e l’altra che ottiene il sito Web ma non l’indirizzo IP. In questo modo, nessuno dei due possiede tutte le informazioni private dell’utente. Altri browser hanno anche opzioni per mascherare gli indirizzi IP, come le estensioni VPN o “disabilita le funzionalità Geo IP” che impediscono ai browser di condividere la posizione di un utente con i siti web.

READ  GoldenEye 007 rilancia su console moderne 'nel limbo'

Quali modalità del browser privato non proteggono?

La navigazione online è memorizzata in due posizioni: sul tuo computer locale e sui siti visitati. Quando un utente diventa privato su Facebook, ad esempio, non ci sarà alcuna cronologia di quella visita memorizzata sul suo dispositivo, ma ci sarà una cronologia di quella visita memorizzata nei registri dell’account Facebook e dall’analisi degli annunci di Facebook.

Gli utenti lasciano i record online, con o senza le opzioni di navigazione privata abilitate, creando molta incertezza su come questi dati vengano utilizzati come prova dalle forze dell’ordine nei paesi che criminalizzano gli aborti. Le aziende tecnologiche non hanno detto molto su come gestiranno tali richieste. I gruppi che promuovono i diritti digitali e le libertà riproduttive ora avvertono le persone in questi stati di proteggere le loro impronte digitali quando cercano informazioni e risorse sull’aborto online e condividono suggerimenti su come farlo.

L'HHS pubblica nuove linee guida sulla privacy dei pazienti dopo Roe v. Wade

Inoltre, se qualcuno sta lavorando su un laptop di proprietà di un’azienda o di una scuola, la modalità di navigazione privata non farà molto. “Se hai un computer gestito da qualcun altro, non è davvero possibile avere la privacy contro quella persona”, ha affermato Eric Rescorla, Chief Technology Officer di Mozilla. “Se il tuo imprenditore possiede il tuo computer, può inserire qualsiasi tipo di software di monitoraggio sul tuo computer e può misurare qualsiasi cosa tu faccia. Quindi, no, non ti protegge da questo, ma quasi nulla lo farà”.

Google Chrome avverte inoltre gli utenti che la modalità di navigazione in incognito non può fornire una protezione completa in questi casi. “Quando sei in modalità di navigazione in incognito, la tua attività potrebbe essere ancora visibile ai siti Web che visiti, al tuo datore di lavoro, alla scuola o al tuo ISP. Lo chiariamo quando apri la navigazione in incognito”, ha affermato Tabriz.

Gli utenti devono inoltre tenere presente che la protezione offerta in modalità privata è limitata alla navigazione web, lasciando vulnerabile qualsiasi attività sulle app degli smartphone. Non importa quanto bene funzioni una modalità di navigazione privata per proteggere l’attività dell’utente, non può essere d’aiuto da nessun’altra parte. “Molte delle app che utilizziamo non hanno la modalità di navigazione in incognito integrata”, ha affermato Reifers. “Non sai davvero cosa memorizza questa app.”

READ  Halo Infinite nomina brevemente i cosmetici a tema Juneteenth "Bonobo"

Quali ulteriori passaggi puoi intraprendere per proteggerti online?

Oltre ad abilitare le modalità di navigazione privata e selezionare ulteriori opzioni di privacy offerte dalle aziende nelle loro impostazioni, ci sono alcuni passaggi aggiuntivi che gli utenti possono intraprendere per cercare di massimizzare la privacy digitale,

Una VPN, o Virtual Private Network, nasconde l’indirizzo IP per rendere l’utente più anonimo online, proteggendo efficacemente l’identità e la posizione dell’utente. “Un buon primo passo sarebbe utilizzare insieme la modalità di navigazione privata e una VPN”, ha affermato Riscorla.

Ma l’utilizzo di una VPN potrebbe potenzialmente consentire all’operatore VPN di accedere alla tua attività di navigazione. Fox Cahn avverte che “molti di questi venderanno sicuramente tali informazioni o le renderanno disponibili alla polizia se presenteranno un mandato di arresto”.

Il CEO di Alphabet Pichai potrebbe essere messo in discussione in una causa sulla privacy, sulle regole di governo

Gli utenti di Internet possono anche considerare di rivolgersi a un browser come Tor, che è un’opzione sicura e anonima che utilizza più server intermedi per bloccare qualsiasi server dall’attività di tracciamento completo, secondo gli esperti di privacy.

Soprattutto, gli esperti sottolineano che gli utenti di Internet dovrebbero essere consapevoli del fatto che l’attività online non è essenzialmente privata, indipendentemente dalle impostazioni del browser. E mentre cancellare la cronologia di navigazione e svuotare la cache dei cookie rende più difficile il recupero dei dati per le terze parti, non è ancora impossibile con alcuni strumenti e misure di sicurezza forensi.

Fox Cahn sottolinea che chi cerca la privacy dei dati come chi cerca l’aborto dovrebbe fare il maggior numero possibile di passi, anche acquistando un nuovo dispositivo non rintracciabile o utilizzando servizi come Tor. “È stressante, ma offre molta protezione”, ha detto. “Devi tenere a mente che tutte queste cose che puoi fare è ridurre la quantità di rischio. E nessuna di esse è assolutamente perfetta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.