La leader di Hong Kong Carrie Lam ha dichiarato che non si candiderà per un secondo mandato

L’amministratore delegato di Hong Kong Carrie Lam ascolta le domande dei giornalisti durante una conferenza stampa il 21 marzo 2022 a Hong Kong, in Cina.

Vincenzo Yu | Notizie Getty Images | Getty Images

Ha detto durante una conferenza stampa lunedì, che l’amministratore delegato di Hong Kong Carrie Lam non prenderà un secondo mandato.

Lam ha detto quando le è stato chiesto perché non si sarebbe candidata alle prossime elezioni del CEO.

Ha detto che la sua decisione era “interamente basata” sulle considerazioni della sua famiglia.

“Questo è ciò che ho detto al governo popolare centrale, e hanno espresso la loro comprensione”, ha detto.

“Quindi colgo questa prima opportunità per informare il pubblico attraverso i media che non parteciperò alle imminenti elezioni del CEO”, ha aggiunto.

I media locali, citando fonti anonime, hanno affermato che il segretario di Hong Kong John Lee è pronto a dimettersi per unirsi alla corsa al CEO, ma Lam ha rifiutato di commentare qualsiasi potenziale candidato alle imminenti elezioni.

Il periodo di nomina è iniziato domenica. E il Le elezioni sono previste per l’8 maggio. Le elezioni sono state posticipate in anticipo a causa dell’aumento dei casi di Covid nella città cinese.

Hong Kong è una regione amministrativa speciale in Cina governata dal quadro “un paese, due sistemi”. La città ha diritti elettorali limitati e un sistema legale ed economico per lo più separato.

Gli amministratori delegati vengono eletti ogni cinque anni e il mandato di Lam è stato afflitto da crisi nazionali e globali.

Nel giugno 2019, Hong Kong ha vissuto disordini politici come Decine di migliaia di manifestanti pro-democrazia sono scesi in piazza Su una proposta di legge che avrebbe consentito alle persone della città di essere estradate nella Cina continentale. Le proteste sono durate mesi, a volte diventando violente – e Alcuni hanno chiesto le dimissioni di Lam.

READ  Il procuratore generale dell'Ucraina indaga su 5.800 casi di crimini di guerra russi

Ha anche supervisionato la gestione della città della pandemia di Covid-19, poiché Pechino ha adottato una posizione senza Covid e Hong Kong ha cercato di rimanere un centro finanziario internazionale nonostante le rigide regole di viaggio.

Questa è una storia in evoluzione. . Si prega di controllare di nuovo per gli aggiornamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.