La giocatrice di pallavolo della Duke Rachel Richardson elogia la BYU AD per le sue azioni dopo un incidente di calunnia razzista che ha coinvolto un fan dei Cougars

La giocatrice di pallavolo della Duke Rachel Richardson ha raccontato come una serie di insulti razziali durante la partita della scorsa settimana alla BYU si è trasformata in una notizia nazionale e ha riflettuto su come ha cambiato la sua vita in un’intervista con Holly Rowe di ESPN andata in onda martedì.

Richardson Ha pubblicato una dichiarazione su Twitter domenica, due giorni dopo che i fan le hanno urlato insulti razziali durante il suo servizio. “Nessun atleta, indipendentemente dalla razza, dovrebbe essere soggetto a condizioni così ostili”, scrisse all’epoca. Sabato, il giorno dopo la partita, la BYU ha bandito un fan da tutti gli impianti sportivi del campus e ha affermato che il dipartimento sportivo ha “un approccio di tolleranza zero a questo comportamento”.

Il fan non era uno studente ma era seduto nella sezione studenti.

Richardson ha detto a Rowe che gli incidenti sono iniziati nel secondo set quando stava servendo. Ha detto che una volta la folla cercava di intimidire i giocatori rivali, ma quella notte era diverso.

“Ho sentito insulti razzisti molto negativi”, ha detto Richardson. “…quindi ho mandato in dentro la palla, sono riuscito a giocare. Poi la volta successiva che sono tornato a servire, l’ho sentito di nuovo molto chiaramente, ma quella è stata la fine del gioco”.

Ha detto di aver detto ai suoi allenatori dell’incidente tra le partite e le due squadre si sono scambiate le estremità del campo. Ha detto di aver visto i suoi allenatori parlare con i funzionari della BYU, che credeva abbiano agito sull’incidente. “Ci è stato detto che qualcuno stava parlando con il dipartimento studentesco e io stavo bene, e quella è stata la fine”, ha detto Richardson. “E abbiamo giocato il nostro terzo set dall’altra parte della rete da loro”.

Nel quarto, ha detto: “L’atmosfera della sezione studentesca è cambiata”. Richardson ha descritto gli insulti e le molestie della folla come “più estremi, più intensi”. L’uomo che alla fine è stato bandito dall’atletica leggera alla Brigham Young University stava registrando le cose sul suo telefono, ha detto: “Ci siamo sentiti molto a disagio con lui in particolare”.

READ  Basket maschile Penn State, aggiunti trasferimenti di Camryn Winter e Andrew Funk

Dopo la partita in cui la BYU ha vinto tre set a uno, Richardson è tornato all’hotel della squadra. La successiva partita dei Blue Devils contro Ryder è stata spostata in un’altra posizione.

Richardson ha reso omaggio al direttore atletico della BYU Tom Holmo, che ha detto è venuto a parlare con lei all’hotel della squadra la mattina successiva.

“Una cosa che posso dire è che è probabilmente una delle persone più autentiche che abbia mai incontrato”, ha detto. “Mi sono sentito molto ascoltato e mi sono sentito visibile durante quella conversazione.

“Ho potuto vedere quanto fosse dispiaciuto ed ero onestamente scioccato per quello che è successo”.

Richardson ha detto che Holmo le ha detto che si sarebbe rivolto alla sezione studenti “per far sentire i giocatori più a loro agio in generale”.

Holmo in seguito ha detto: “Mi sono sentito in dovere di parlare con i nostri fan presenti e parlare dello sfortunato incidente di ieri sera. Cougar Nation, dobbiamo essere migliori e dobbiamo avere il coraggio di prenderci cura l’uno dell’altro e dei nostri ospiti ai nostri eventi sportivi alla BYU”.

La BYU ha apportato modifiche al codice di condotta dei fan, a partire dalla partita di calcio di lunedì. Inoltre, i fan della pallavolo non si siederanno dietro un avversario sulla linea di fondo in avanti.

Richardson è stato in un vortice dall’incidente ed è tornato alla Duke per iniziare la scuola. Ho parlato con Roe dopo una partecipazione finanziaria.

“Penso che Dio ti metta in posti in determinati momenti, vicino a determinate persone per ragioni specifiche”, ha detto Richardson. “E credo che e i miei compagni di squadra, per qualche motivo, è stato il mio nome ad essere esploso e ho il cuore spezzato. [believe] Questo perché Dio aveva uno scopo dietro di lui. Lo scopo era che forse sapeva che avrei potuto incontrare le persone con affetto. E non voglio che la BYU venga individuata o vista come una cattiva istituzione a causa di questa cosa… che non rappresenta l’intera BYU. “

READ  Vincono Oliveira, Esparza e Chandler

Sa che molti guarderanno alla divisione studentesca di basket di Duke Cameron Kreese, nota per essere tra i fan più duri di questo sport. Ma ha detto che le cose sarebbero state diverse in Duke.

“Il momento in cui è successa una cosa del genere a una partita di basket, sai, allenatore [Mike Krzyzewski] Chiudi il gioco, sono andato a prendere il microfono e ho pensato, se lo stai facendo, devi uscire o [we’re] ha detto Richardson.

Holmo ha detto a Rowe che la Brigham Young University sta conducendo un’educazione interna su razza e uguaglianza nel dipartimento atletico e sta lavorando a piani per espandersi a studenti e fan. Ha anche affermato che d’ora in poi la scuola consentirà agli allenatori e agli studenti-atleti di interrompere il gioco e di non andare avanti fino a quando i problemi non saranno riesaminati e non saranno presi provvedimenti.

Richardson ha dichiarato nella sua dichiarazione su Twitter che non voleva interrompere il gioco perché “si è rifiutata di consentire a questi bigotti razzisti di sentirsi compiaciuti nel pensare che i loro commenti” mi hanno raggiunto “. Quindi, ho premuto e completato il gioco”.

Dice a Roe che è contenta di aver preso questa decisione.

“Penso che l’incontro della rabbia con la rabbia, penso, sia solo l’inizio di un ciclo di rabbia”, ha detto Richardson. “Come giovane donna di colore in America, so che non ho il privilegio di rispondere tutto il tempo, altrimenti dipinge questa faccia oh, sei solo un’altra donna nera arrabbiata e sai, i miei omologhi neri, anche loro non avere quel privilegio, altrimenti è solo, oh, è proprio come un uomo di colore arrabbiato e aggressivo”.

READ  Roquan Smith ordina uno scambio da Chicago Bears

Ha detto che i suoi genitori le hanno insegnato a “essere consapevole di come capisci” e ad essere rispettosa.

“Alla luce di, oh, questa è solo un’altra persona di colore. Tipo, no, dovrebbero guardarmi come una persona, come qualcuno che sono costretti a rispettarmi”, ha detto Richardson. “Ed era esattamente quello che volevo in quella partita. Potevo voltarmi e dire cose cattive. Avrei potuto fare qualsiasi cosa. Avrei potuto essere scortese con il direttore sportivo quando è stato così gentile da venire a parlarmi di persona. “

“Avrei potuto essere scortese quando ho parlato con l’allenatore della BYU, ma no, questo non ti porta da nessuna parte. Potrei puntare il dito e dire tipo, [want] La pallavolo della BYU sarà chiusa. Voglio togliere loro questa vittoria. No, perché questo non porterà nessuno da nessuna parte. Questo non farà nulla. Ciò comporterebbe la regressione di tutto questo a una sola posizione”.

Richardson ha aggiunto: “… è stata solo una brutta situazione che è stata gestita male. Tuttavia le persone si sono scusate. Possiamo andare avanti. Ora iniziamo a fare passi proattivi. Ora iniziamo a fare passi nella giusta direzione. Possiamo andare avanti da quello Come sai, l’ho detto all’allenatore e al direttore atletico, sai, ti perdono e non è stata colpa tua quello che è successo. Era il tuo pubblico. Quindi non hai fatto nulla per offendermi”.

Richardson ha detto di aver sentito parlare di giocatori di pallavolo, altri atleti e studenti della Brigham Young University.

“Non voglio nemmeno che si mettano in imbarazzo per questo”, ha detto. “Ad esempio, è un vero peccato che sia successo lì, ma il fatto che siano abbastanza a loro agio da contattarmi e farmi sapere che mi supportano ancora, dimostra solo quanto sono brave le persone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.