La Germania si prepara all'”incubo” russo sul taglio permanente del gas Germania

La Germania si sta preparando per un possibile arresto permanente del flusso di gas russo a partire da lunedì, quando inizieranno i lavori di manutenzione del gasdotto Nord Stream 1 che fornisce carburante alla più grande economia europea attraverso il Mar Baltico.

I lavori sul gasdotto di 759 miglia (1.220 chilometri) sono un evento annuale e richiedono la chiusura dei rubinetti del gas per 10-14 giorni. Ma mai prima d’ora, nella storia decennale del gasdotto, la Germania si è seriamente interrogata se il flusso riprenderà.

Robert Habeck, ministro dell’Economia tedesco, non ha esitato ad affrontare le preoccupazioni del governo. Sabato ha parlato dello “scenario da incubo” che potrebbe verificarsi.

“Tutto è possibile, tutto può succedere”, ha detto Habeck a Deutschlandfunk. “Il gas può fluire di nuovo, forse più di prima. Potrebbe anche succedere che non entri nulla.”

“Dobbiamo prepararci onestamente per lo scenario peggiore e fare tutto il possibile per cercare di affrontare la situazione”.

I piani di emergenza vengono rapidamente sviluppati in tutta la Germania, dove ci sono reali preoccupazioni per Mosca Potrebbe cogliere l’occasione Aumentare l’armamento di gas come leva contro l’Occidente nella sua guerra con l’Ucraina e fermare definitivamente i rifornimenti.

Il gas russo è vitale per il funzionamento dell’economia tedesca e per mantenere la maggior parte delle case riscaldate. I flussi attraverso il gasdotto erano ridotto negli ultimi mesi È circa il 40% dei livelli normali. La Russia ha accusato le sanzioni per il flusso ridotto, sostenendo che ne hanno impedito l’accesso ai pezzi di ricambio.

Sabato, dopo aver consultato la Germania e l’Agenzia internazionale per l’energia, il Canada ha dichiarato che lo farà Rilascio di un’esenzione temporanea Sanzioni la Russia per aver consentito la restituzione da Montreal delle turbine russe riparate necessarie per i lavori di manutenzione.

Il Cremlino ha detto venerdì che aumenterà le forniture di gas Europa Una volta che le turbine saranno restituite alla Russia. L’Ucraina si è opposta, sostenendo che aiuta la continua dipendenza del continente dal gas russo.

Ma il ministro canadese delle risorse naturali, Jonathan Wilkinson, ha affermato che l’autorizzazione è “limitata nel tempo” e aiuterebbe “la capacità dell’Europa di accedere a un’energia affidabile e conveniente mentre continua ad allontanarsi dal petrolio e dal gas russi”.

Dallo scoppio della guerra a febbraio, la Germania ci ha lavorato Riduci la dipendenza sul gas russo, anche attraverso la creazione di porti di gas naturale liquefatto.

Venerdì, la legge di emergenza ha completato il suo passaggio in entrambe le camere del Parlamento per consentire la riattivazione delle centrali a carbone, nonostante la loro intensità di carbonio.

Ma il processo di ritiro generale è stato complesso e lento.

L’obiettivo a breve termine è Prova a ricostituire le scorte Negli impianti di stoccaggio del gas in Germania fino all’inverno. L’ultima lettura, pubblicata venerdì dalla Federal Network Agency, ha mostrato che la capacità degli impianti di stoccaggio è del 63%. Obiettivo 90% entro il 1 novembre.

L’obiettivo a lungo termine è ridurre la dipendenza dal gas aumentando la produzione di energia rinnovabile, in parte ridefinendo i settori come vitali per la sicurezza nazionale.

Iscriviti alla prima edizione, la nostra newsletter giornaliera gratuita, ogni mattina nei giorni feriali alle 7:00 GMT

L’industria e le famiglie tedesche consumano circa i due terzi della fornitura di gas del paese.

Sono già in atto piani per dare priorità a chi può accedere al gas in caso di interruzione. Ospedali e servizi di emergenza sono in cima alla lista, mentre le famiglie sono più in alto rispetto alla maggior parte delle aziende del settore.

Ma più a livello locale, mentre le autorità sono alle prese con l’aumento dei costi energetici e la sfida di come affrontare se le famiglie vengono lasciate al freddo quest’inverno, sono stati elaborati piani di emergenza che includono tutto, dalla chiusura delle piscine allo spegnimento dei lampioni e dei semafori. , e alloggiare i cittadini in dormitori industriali. Non molto tempo fa, i container temporanei per i pazienti affetti da coronavirus erano descritti come “stanze calde” o “isole calde”.

Nel frattempo, la domanda di tutto ciò che è riscaldato senza gas ha raggiunto un livello senza precedenti, compresi i riscaldatori elettrici e a olio, i pannelli a infrarossi e la convezione, oltre ai fornelli da campeggio di base.

Gli installatori di forni a legna e pompe di calore accennano a lunghe liste di attesa e segnalano carenze croniche di componenti, nonché carenza di personale qualificato.

READ  Putin dice che la Russia ha appena iniziato in Ucraina e che i colloqui di pace diventeranno più difficili con il tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.