La Francia vieta il gergo tecnologico di gioco nel tentativo di preservare la purezza della lingua | Francia

Lunedì i funzionari francesi hanno continuato la loro secolare battaglia per preservare la purezza della lingua e rivedere le regole per l’uso della lingua inglese dei videogiochi.

Mentre alcune espressioni trovano traduzioni ovvie – “pro-gamer” diventa “joueur professionnel” – altre suonano più tese, con “streamer” che viene trasformato in “joueur-animateur en direct”.

Il ministero della Cultura, che è coinvolto nel processo, ha detto all’AFP che il settore dei videogiochi è pieno di schemi che possono fungere da “barriera alla comprensione” per i non giocatori.

La Francia emette regolarmente terribili avvertimenti del declino della sua lingua attraverso la Manica o, più recentemente, dall’Atlantico.

L’Accademia di Francia, secolare osservatore linguistico, a febbraio ha avvertito di “un deterioramento che non dovrebbe essere visto come inevitabile”. Ha evidenziato termini tra cui il marchio dell’operatore ferroviario della SNCF “Ouigo” (pronunciato “andiamo”) insieme a importazioni dirette come “big data” e “drive-in”.

Tuttavia, lunedì sono state pubblicate modifiche sulla Gazzetta Ufficiale, rendendole vincolanti per i dipendenti del governo.

Tra i tanti termini che sarebbero stati resi disponibili per le alternative ufficiali francesi c’erano “cloud gaming”, che è diventato “jeu video en nuage”, e “eSports”, che ora si tradurrà in “jeu video de competition”.

Il ministero ha affermato che gli esperti hanno cercato siti Web e riviste di videogiochi per vedere se i termini francesi esistessero effettivamente. L’idea generale era quella di consentire ai residenti di comunicare più facilmente, ha affermato il ministero.

READ  Lo smartphone Sony Xperia 1 IV è dotato del "primo vero obiettivo con zoom ottico al mondo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.