La Corea del Nord segnala un altro focolaio di malattie infettive nel mezzo della battaglia contro il COVID

SEOUL (Reuters) – La Corea del Nord ha segnalato giovedì lo scoppio di un’epidemia gastrointestinale sconosciuta, che potrebbe aumentare le pressioni sul sistema sanitario nel Paese isolato che sta combattendo un’ondata senza precedenti di COVID-19.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha inviato mercoledì i medicinali alla città portuale occidentale di Haeju per aiutare i pazienti affetti da una “epidemia intestinale acuta” il prima possibile, secondo i media statali nordcoreani.

Non ha detto quante persone sono state infettate o quale fosse la malattia, ma si riferisce all’apparato digerente.

“(Kim) ha sottolineato la necessità di contenere l’epidemia il prima possibile adottando misure coerenti per mettere in quarantena i casi sospetti per limitarne completamente la diffusione e confermando i casi attraverso esami epidemiologici e test scientifici”, ha affermato l’agenzia.

L’epidemia segnalata arriva mentre la Corea del Nord è alle prese con il suo primo focolaio di infezione da COVID-19. Il mese scorso è stato dichiarato lo stato di emergenza tra i timori di una carenza di vaccini e forniture mediche.

La Corea del Nord ha riferito che altre 26.010 persone hanno manifestato sintomi di febbre giovedì, poiché il numero totale di pazienti con febbre registrati in tutto il paese dalla fine di aprile ha raggiunto 4,56 milioni. Il bilancio delle vittime legate all’epidemia è stato di 73.

Pyongyang ha riportato quotidianamente il numero di pazienti con febbre, non di pazienti COVID, e sembra essere a corto di kit di test. Gli esperti sospettano anche che i numeri diffusi dai media controllati dal governo siano sottostimati.

La Corea del Nord ha affermato che l’ondata di COVID ha mostrato segni di attenuazione, ma l’Organizzazione mondiale della sanità ha contestato le affermazioni di Pyongyang all’inizio di questo mese, affermando di ritenere che la situazione stesse peggiorando.

READ  Gli Stati Uniti rifiutano la Cina definendo lo Stretto di Taiwan una via navigabile internazionale

(Segnalazione di Su Hyang Choi; Montaggio di Lincoln Fest).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.