La Corea del Nord segnala il primo focolaio di COVID, ordina il blocco nell'”emergenza più grave”

  • La Corea del Nord dichiara “l’emergenza nazionale più pericolosa”
  • La possibilità di una “crisi senza precedenti” per Kim Jong-un – esperto
  • Il paese isolato ha rifiutato le offerte di vaccino
  • Si ritiene che nessun civile nordcoreano sia stato vaccinato

SEOUL (Reuters) – La Corea del Nord ha segnalato il primo focolaio del virus COVID-19 giovedì, definendola “l’emergenza nazionale più pericolosa” e ordinando un lockdown a livello nazionale, e i media statali hanno affermato che nella capitale è stata rilevata una versione diversa di Omicron, Pyongyang.

La Corea del Nord non aveva mai confermato un’infezione da coronavirus prima di giovedì, anche se funzionari sudcoreani e statunitensi hanno affermato che potrebbero esserci stati casi precedenti nel paese isolato, dati i suoi scambi e viaggi con la Cina prima che chiudesse i suoi confini per prevenire il virus all’inizio del 2020.

L’agenzia di stampa centrale coreana ufficiale dello stato ha dichiarato: “L’emergenza più grave si è verificata nello stato: è apparsa una frattura sul nostro fronte per prevenire le epidemie di emergenza, che è stata finora fermamente difesa”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La prima accettazione pubblica dell’infezione da Coronavirus evidenzia il potenziale di una grave crisi in un Paese che non dispone di risorse mediche, ha rifiutato l’assistenza internazionale con le vaccinazioni e ha mantenuto chiusi i suoi confini.

A marzo, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), non sono stati segnalati solo casi di COVID, ma non ci sono registrazioni ufficiali di vaccinazioni di nordcoreani.

Il KCNA ha affermato che i campioni prelevati l’8 maggio da persone a Pyongyang che avevano la febbre hanno mostrato un sottotipo di virus Omicron, noto anche come BA.2. Non ha menzionato il numero di casi e non ha menzionato la fonte.

READ  Macron prevede di annunciare il ritiro della Francia dal Mali | Notizie militari

Giovedì scorso, la TV di stato cinese ha riferito che la Corea del Nord ha imposto un ordine di restare a casa da martedì citando “sospetti sintomi influenzali” tra alcune persone.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha tenuto una riunione del potente Politburo del Partito dei Lavoratori al potere, ordinando un “blocco rigoroso” a livello nazionale e la mobilitazione delle riserve di forniture mediche di emergenza.

“Il lavoro di prevenzione delle epidemie dello stato dovrebbe essere trasferito al sistema di prevenzione delle epidemie in situazioni di emergenza estrema”, ha affermato l’agenzia.

La televisione di stato ha mostrato Kim che indossava una maschera mentre arrivava per la riunione, prima di rimuoverla inizialmente. Tutti i partecipanti indossavano maschere.

Nei filmati precedenti di tali incontri, tutti tranne lui avevano indossato una maschera. Non c’era indicazione di maschere nelle foto dell’ultima grande parata militare.

Nessun vaccino, risorse scarse

Per più di due anni, Kim ha imposto rigide restrizioni per arginare il COVID, incluso un divieto di viaggio tra le province. Nel luglio 2020 ha dichiarato lo stato di emergenza e imposto un blocco di tre settimane alla città di Kaesong, vicino al confine intercoreano, dopo che un uomo che ha disertato a sud nel 2017 è tornato in città mostrando i sintomi del coronavirus.

Secondo l’ultima OMS datiAlla fine di marzo, 64.207 dei 25 milioni di residenti della Corea del Nord erano stati testati e tutti erano risultati negativi.

READ  Nel mezzo della crisi ucraina, le obbligazioni cinesi e russe fanno presagire gli Stati Uniti e l'Europa

La Corea del Nord ha rifiutato le forniture di vaccini dal programma di condivisione COVAX e il vaccino Sinovac Biotech dalla Cina, il che potrebbe lasciare la stragrande maggioranza delle persone in un paese relativamente piccolo a un rischio maggiore di infezione. Leggi di più

L’ufficio del nuovo presidente sudcoreano, Yoon Seok-yeol, che ha prestato giuramento martedì, ha affermato che non collegherà gli aiuti umanitari alle differenze politiche con la Corea del Nord.

Kwon Young-se, il candidato di Yoon per il ministro dell’unificazione responsabile delle relazioni intercoreane, ha detto alla sua udienza di conferma che avrebbe preparato l’assistenza umanitaria per la Corea del Nord, comprese le cure per il COVID, le iniezioni e altre forniture mediche.

Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha affermato di essere pronto a compiere “sforzi a tutto campo” per aiutare la Corea del Nord a combattere l’epidemia.

Il confine con la Cina è stato riaperto al commercio all’inizio di quest’anno, ma la Cina ha affermato che il passaggio principale tra la città di Dandong e la città nordcoreana di Sinuiju è stato chiuso ad aprile a causa del caso di coronavirus da parte cinese. Leggi di più

La notizia dell’epidemia è arrivata dopo che i funzionari statunitensi e sudcoreani hanno avvertito che la Corea del Nord potrebbe condurre il suo primo test nucleare dal 2017 già questo mese, dopo aver violato una moratoria del 2017 sui test missilistici a lungo raggio. Leggi di più

Kim ha detto al Politburo che le misure di emergenza mirano a frenare il virus ed eliminare la fonte della sua trasmissione. L’agenzia ha affermato che il Politburo ha criticato “lassismo, irresponsabilità e incompetenza” da parte dei funzionari dell’antivirus.

READ  La Russia afferma che ridurrà in modo significativo la sua offensiva militare su Kiev e Chernihiv

Lim Yeol-chul, professore di studi nordcoreani presso la Kyungnam University in Corea del Sud, ha affermato che il mancato contenimento dell’infezione potrebbe essere una “crisi senza precedenti” per Kim.

“Dato lo stato di vaccinazione inferiore, la capacità di test e le infrastrutture sanitarie pubbliche rispetto alla Cina, nonché la mancanza di unità di terapia intensiva, c’è un potenziale per dozzine di vittime”, ha affermato.

La banca centrale della Corea del Sud ha dichiarato lo scorso luglio che l’economia della Corea del Nord ha subito la sua più grande contrazione in 23 anni nel 2020, colpita dai controlli alle frontiere, dalle sanzioni delle Nazioni Unite e dal maltempo. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Su Hyang Choi e Juri Roh a Seoul, Ryan Wu e Yu Lun Tian a Pechino; Reporting e scrittura aggiuntiva di Hyonhee Shin; Montaggio di Jack Kim, Jerry Doyle, Robert Percell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.