La Commissione afferma che l’Ucraina dovrebbe diventare un candidato per l’adesione all’UE

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che l’Ucraina dovrebbe essere accolta con favore come paese candidato.

Kenzo Tripuillard | Afp | Getty Images

La Commissione europea venerdì ha raccomandato all’Ucraina di diventare un candidato per l’adesione all’Unione europea, anche se il paese dilaniato dalla guerra sta attuando una serie di importanti riforme.

Il parere della Commissione, il braccio esecutivo dell’UE, precede le discussioni ad alto livello a Bruxelles, in Belgio, sulla possibile adesione dell’Ucraina.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che l’Ucraina dovrebbe essere accolta come paese candidato, riferendosi a un termine legale che significa che il paese ha ufficialmente avviato il percorso verso la piena adesione.

Indossando una giacca gialla sopra una maglia blu per rappresentare i colori dell’Ucraina, von der Leyen ha detto in una conferenza stampa che la commissione aveva un chiaro messaggio per Kiev. “E questo sì, l’Ucraina se lo merita [the] prospettiva europea. Sì, l’Ucraina dovrebbe essere accolta come paese candidato”.

“Questo perché è stato fatto un buon lavoro, ma resta da fare un lavoro importante”, ha affermato von der Leyen.

Ha aggiunto che l’intero processo era “basato sul merito”.

“È così che va secondo il libro, quindi i progressi dipendono interamente dall’Ucraina. L’Ucraina è ciò che hanno nelle loro mani e ciò che potrebbe essere migliore per plasmare il tuo futuro”, ha detto.

strada lunga e difficile

È il primo passo di una strada lunga e difficile per l’Ucraina. Anche con il sostegno della Commissione, passeranno probabilmente anni prima che agli Stati membri venga data l’opportunità di accettare l’adesione di Kiev, soprattutto perché l’Ucraina dovrà attuare riforme economiche e politiche per conformarsi alle regole europee.

Mentre il paese combatte la Russia, il conflitto non ha fine in vista Alcuni hanno avvertito che potrebbe trasformarsi in una “guerra di logoramento”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accolto favorevolmente la proposta dell’Unione europea di concedere lo status di candidato all’Ucraina e ha affermato che aiuterebbe Kiev a sconfiggere la Russia.

“È il primo passo sulla strada per l’adesione all’UE che sicuramente ci avvicinerà alla vittoria. Grato per questo
[von der Leyen] E ogni membro della Commissione europea prende una decisione storica”, ha detto Zelensky su Twitter.

Zelensky ha affermato che si aspetta che i leader del governo dell’UE approvino la proposta la prossima settimana.

Nel frattempo, la Russia ha risposto affermando che la decisione di concedere all’Ucraina lo status di candidatura all’UE richiedeva “una maggiore attenzione” da parte del Cremlino.

L’Ucraina ha chiesto di entrare nell’Unione Europea a 27 nazioni pochi giorni dopo l’invasione russa del 24 febbraio.

I leader di Germania, Francia, Italia e Romania, che giovedì hanno visitato Kiev in segno di solidarietà, hanno espresso il loro sostegno all’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea. Il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha detto di avere un “messaggio chiaro: l’Ucraina appartiene alla famiglia europea”.

Tuttavia, ci sono una serie di altre questioni da considerare; Non ultimo il fatto che anche molti altri paesi sono desiderosi di aderire.

E la Moldavia e la Georgia?

La Commissione ha inoltre accolto con favore l’ex Repubblica sovietica di Moldova come candidata all’adesione all’UE.

Tuttavia, la Georgia, che confina con la Russia ed è stata parzialmente invasa dal Cremlino nel 2008, è stata incaricata di soddisfare per prime determinate condizioni.

Von der Leyen ha affermato che la Moldova è “su un percorso veramente europeo a favore delle riforme e della lotta alla corruzione”.

“La Georgia deve ora unirsi politicamente per tracciare un percorso chiaro verso le riforme strutturali… un percorso che delinei concretamente le riforme necessarie, unisca la società civile e tragga vantaggio da un ampio sostegno politico”, ha aggiunto.

Alla domanda se ci fosse un lasso di tempo per la Georgia per ottenere lo status di candidatura, von der Leyen ha risposto: “È un enorme passo avanti per la Georgia avere una prospettiva europea. Questo è un enorme risultato – e la porta è spalancata. Spetta a La Georgia ora deve fare i passi necessari. Andando avanti per incontrarsi”.

READ  Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin parla con il suo omologo russo Sergei Shoigu per la prima volta da quando la Russia ha invaso l'Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.