La Cina prova a tirare le vele per rimuovere la spazzatura spaziale

Questa vela spaziale simile ad un aquilone aiuterà a smantellare un componente di un razzo entro due anni.

Questa vela spaziale simile ad un aquilone aiuterà a smantellare un componente di un razzo entro due anni.
immagine: Accademia di tecnologia dei voli spaziali di Shanghai

eingegneri in Cina Hanno dispiegato con successo una vela ultrasottile attaccata a un segmento di razzo per accelerare la sua partenza dall’orbita terrestre bassa e ridurre la quantità di rifiuto spaziale Fluttuando sopra il nostro pianeta senza meta.

La vela da 269 piedi quadrati (25 metri quadrati) è stata rilasciata dopo il lancio da un razzo 2D Long March il 24 giugno. Sebbene la missione non sia stata annunciata in anticipo, la Shanghai Academy of Spacecraft Technology (SAST) annunciare Pochi giorni dopo, la vela di trascinamento è stata schierata con successo per aiutare a deorbitare il componente del razzo, che Non accadrà per altri due anni o giù di lì.

Quando sollevato, a forma di aquilone piuma Aumenta Resistenza dell’aria che funziona contro oggetto associato, Da qui l’accelerazione decadimento orbitale. componente missilistica Incontrerà quindi il suo destino molto prima, poiché scivola fuori dall’orbita e brucia nell’atmosfera terrestre mentre scende. È una possibilità un po-soluzione di costo per Il problema sempre crescente dei detriti spaziali.

Il rimorchiatore recentemente rilasciato è fatto di un materiale ultrasottile, circa un decimo del diametro di un capello umano. Il componente a cui è attualmente collegato, il convertitore di carico utile dello stadio superiore del razzo, pesa circa 661 libbre (300 chilogrammi) e orbita attorno alla Terra a un’altitudine di circa 305 miglia (491 chilometri), secondo SAST. Il razzo dovrebbe scendere a quote più basse con maggiore attrito dovuto alla vela e tornare nell’atmosfera terrestre in circa due anni.

La Cina è stata un po’ sconsiderata Recentemente Quando si eliminano i missili dalle battaglie. Ad aprile, i detriti probabilmente causati da un missile cinese si sono disintegrati al suo ritorno Caduto in un villaggio occidentale dell’India. Allo stesso modo nel maggio 2021, a Il missile cinese Long March 5B è atterrato nell’Oceano Indiano Dopo aver eseguito il rientro incontrollato L’atmosfera terrestre. Un anno prima, a maggio 2020, è apparso un altro razzo Long March 5B causa Pezzi di detriti sono caduti su due villaggi della Costa d’Avorio, danneggiando le case delle persone.

La vela di trascinamento aiuterà a rimuovere il missile dall’orbita terrestre prima di quanto farebbe da solo, ma non è chiaro se la Cina determinerà dove cadranno le parti del missile per evitare aree popolate.

Si spera che la nuova tecnologia aiuti a liberare lo spazio indesiderato. La rete di monitoraggio spaziale globale del Dipartimento della Difesa sta attualmente monitorando più di 27.000 pezzi di detriti orbitali e molti pezzi più piccoli nell’ambiente vicino alla Terra. secondo alla NASA. Idealmente, man mano che i paesi continuano ad espandere i loro programmi spaziali, troveranno anche un modo per far uscire la loro navicella spaziale dall’orbita non solo più rapidamente, ma anche in modo meno dannoso.

Di più: Le foto più belle scattate dalla navicella spaziale New Horizons della NASA.

READ  I fisici del MIT sfruttano l'"inversione temporale" quantistica per rilevare le onde gravitazionali e la materia oscura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.