La Cina afferma che Xi Jinping ha inferto un duro colpo al Covid interno mentre cerca di alleviare i problemi di sicurezza dei vaccini | Corona virus

I funzionari hanno affermato che i vaccini cinesi contro il Covid-19 sono sicuri e sono stati somministrati ai leader statali e al Partito Comunista al potere, mentre Pechino intensifica gli sforzi per dissipare le preoccupazioni dell’opinione pubblica sulla sicurezza che potrebbero ostacolare la campagna di vaccinazione.

“Tutti i leader statali e di partito in Cina sono stati vaccinati contro il Covid-19 con iniezioni fatte in casa”, ha detto sabato Zeng Yixin, vice capo della Commissione sanitaria nazionale.

In Cina, i “leader di stato e di partito” sono una classe definita di alti funzionari a livello nazionale e dei loro vice a livello nazionale che includerebbe il presidente, Xi Jinping, e il primo ministro, Li Keqiang.

Il commento di Zeng, che non ha specificato quando i funzionari hanno preso il colpo e quante dosi hanno ricevuto, è arrivato circa due anni dopo che il paese ha lanciato la sua campagna di vaccinazione contro il COVID. La Cina è in ritardo rispetto a molti altri paesi nell’informare la sua popolazione sullo stato di vaccinazione dei suoi leader.

Esperti e funzionari hanno avvertito che i tassi di vaccinazione più bassi per gli anziani rischiano di mettere a dura prova le risorse sanitarie se il virus si diffonde ampiamente e rendono la Cina meno disposta a uscire dalla sua diffusione. Rigorosa politica “Covid Zero Dynamic”. Il che richiede una rigorosa quarantena per i viaggiatori internazionali e varie restrizioni alla circolazione delle persone e delle imprese locali nelle aree locali con assembramenti.

La Commissione sanitaria nazionale ha annunciato domenica che la Cina ha segnalato 982 casi di nuovo coronavirus il 23 luglio, rispetto agli 817 nuovi casi del giorno prima. La maggior parte dei casi si è verificata nella provincia nordoccidentale del Gansu e nella provincia meridionale del Guangxi.

Il paese ha raggiunto un tasso di vaccinazione dell’89,7% e ha somministrato a circa il 56% dei suoi 1,41 miliardi di persone una dose di richiamo, ma solo il 61% degli ultraottantenni ha terminato la vaccinazione primaria.

Tuttavia, motivi più aggressivi da parte dei funzionari in prima linea, inclusa la limitazione dell’accesso agli spazi pubblici per i non protetti, hanno scatenato reazioni negative online e sono stati presto annullati.

Una delle principali preoccupazioni tra i non vaccinatori è la sicurezza dei colpi utilizzati in Cina, con storie di gravi malattie dopo la vaccinazione che hanno suscitato paura online e critiche sulla mancanza di trasparenza del governo cinese e dei produttori di vaccini.

“I vaccini Covid non causano leucemia o diabete, non influenzano lo sviluppo genetico, causano metastasi tumorali o potenziamento dipendente dagli anticorpi, e questa è una disinformazione irresponsabile su Internet”, ha affermato Wang Fusheng, esperto di malattie infettive presso l’ospedale affiliato all’ospedale. con l’esercito cinese.

Il tasso di ricoveri ospedalieri per pazienti con diabete e leucemia è stato lo stesso nel 2018-22, ha detto Wang in una conferenza stampa.

Per le persone di età superiore ai 60 anni, una vaccinazione primaria completa con vaccini cinesi riduce dell’89% il rischio di malattie gravi, mentre una dose di richiamo riduce il rischio al 95%, rispetto ai non vaccinati, secondo Feng Zijian, funzionario del Centro. Associazione cinese di medicina preventiva.

I plettri cinesi più comunemente usati sono stati realizzati da Sinovac e Sinopharm. Il paese non ha ancora approvato i prodotti Covid di fabbricazione straniera.

READ  I missili russi hanno colpito l'Ucraina, dice Kiev

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.