Kevin Spacey ordina 30 milioni di dollari da pagare ai produttori di House of Cards

Giovedì un giudice ha ordinato a Kevin Spacey di pagare più di 30 milioni di dollari ai produttori di “House of Cards” per le perdite causate dal licenziamento dell’attore nel 2017 per le accuse di molestie sessuali da parte dei membri della troupe.

Una petizione presentata a novembre affermava che MRC, lo studio dietro la serie Netflix, aveva licenziato Spacey dal suo ruolo principale dopo lunghi mesi. indagando in Afferma di aver diretto un “modello di comportamento sessuale” predatorio “verso i giovani membri dell’equipaggio. Sono seguite altre accuse”. generalmente condiviso All’attore Anthony Rapp nell’ottobre 2017. Spacey è stato cancellato dall’ultima stagione di “House of Cards”, che si è conclusa nel 2018.

Secondo gli atti del tribunale, nell’ottobre 2020 un arbitro speciale ha ritenuto che la condotta di Spacey violasse i contratti di rappresentanza e di esecuzione. Gli è stato ordinato di pagare più di $ 30 milioni di danni e altre tasse al Medical Research Council e altri. Spacey ha impugnato la decisione ma alla fine non ha avuto successo, con un altro collegio di arbitri che ha confermato il premio originale di $ 30 milioni nel novembre 2021.

Nella sentenza di giovedì, il giudice della Corte Superiore di Los Angeles Mel Reed Rekana ha dato peso legale al lodo arbitrale e ha affermato che Spacey ei suoi avvocati non sono riusciti a “dimostrare che questo è un caso convergente”.

“Siamo soddisfatti della sentenza del tribunale”, ha affermato in una nota Michael Coombe, avvocato del Medical Research Center. I rappresentanti di Spacey non hanno risposto a una richiesta di commento del Washington Post sulla decisione.

READ  Bad Bunny interpreterà El Muerto della Marvel nel nuovo film della Sony Pictures

Spacey ha affrontato dozzine di accuse di aggressione sessuale dal 2017, alcune delle quali hanno portato ad azioni legali. A maggio, la Procura britannica ha autorizzato la violenza sessuale accuse contro a causa di incidenti che si dice siano avvenuti tra il 2005 e il 2013, quando ha ricoperto la carica di direttore artistico dell’Old Vic Theatre di Londra. ha negato le accuseSi è dichiarato non colpevole di tutti e cinque i conteggi a luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.