Kenny Beckett merita di essere il titolare della sua prima settimana a Pittsburgh; Cambio di campo eccentrico a Detroit

L’allenatore dell’anno di Detroit Dan Campbell ha adottato un approccio diverso al ritiro all’inizio di questa settimana. Lunedì, i Lions hanno condotto Allenamento guidato dal giocatore Con i team leader che guidano i loro compagni di squadra attraverso una serie di esercitazioni individuali e periodi di squadra. Non c’erano assistenti allenatori in campo, poiché Campbell stava guardando da bordo campo.

Sebbene il programma di formazione e gli script siano stati forniti dallo staff tecnico, i team leader erano responsabili della supervisione delle esercitazioni e assicurarsi che tutti si comportassero secondo gli standard.

“Beh, stamattina ci è stato detto che i ragazzi andranno là fuori e faranno il loro allenamento”, Taylor Decker detto lunedì tramite MLive.com. “Questi sono gli scenari di squadra che vogliamo portare a termine e voi ragazzi andrete lì e dirigerete lo spettacolo”. Penso che sia fantastico farlo. Perché francamente, il giorno della partita, ci siamo, dobbiamo comunicare e dobbiamo essere responsabili gli uni verso gli altri”.

Questo tipo di accordo unico promuove l’impegno, la responsabilità e la fiducia tra giocatori e allenatori necessari per esibirsi ad alto livello. Inoltre, costringe i giocatori a perfezionare le proprie capacità di leadership e comunicazione. Dato il modo in cui la società odierna comunica spesso tramite messaggi di testo o vari canali di social media, gli allenatori dovrebbero dedicare più tempo a insegnare ai propri giocatori come parlarsi tra le righe. Inoltre, le sessioni guidate dai giocatori hanno incoraggiato i team leader a essere molto chiari e diretti con le loro istruzioni e aspettative.

“Ci ha appena detto che era tipo, ‘Questa è la pratica – questi sono i periodi per cui vogliamo allenarci e gli allenatori non ci saranno.'” disse Decker. “Lascia stare così. Bene. Come ho detto, veniamo qui e lavoriamo tutti i giorni. Non importa se gli allenatori sono qui o no. Sappiamo cosa fare e come farlo. Ovviamente abbiamo bisogno di allenatori. Ma non dovremmo. Abbiamo bisogno di loro qui così possiamo avere un buon lavoro. Perché siamo professionisti. E non ho bisogno di un fan che mi guidi per andare. Molto bello. Non ho mai visto niente del genere, quindi è stato divertente uscire qui”.

READ  L'allenatore di Tampa Bay Lightning John Cooper dubita del sistema di revisione video di NHL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.