Jens Stoltenberg: la Russia deve ritirare le truppe da Ucraina, Georgia e Moldova

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg mercoledì sera ha invitato la Russia a ritirare le sue truppe da Ucraina, Georgia e Moldova. Ha avanzato piani per un’alleanza per ristabilire le relazioni tra NATO e Russia.

“Esortiamo la Russia ad agire immediatamente. La NATO ha sviluppato oggi proposte scritte per la Russia. Lo abbiamo fatto in parallelo con gli Stati Uniti.

Ha delineato tre aree chiave in cui la NATO ritiene che ci sia un “posto per il progresso”.

“Relazioni NATO-Russia. La Russia ha interrotto le relazioni diplomatiche con la NATO.

Sicurezza europea, compresa la situazione in Ucraina. Siamo pronti a impegnarci in un vero dialogo e ad ascoltare le preoccupazioni della Russia su come mantenere e rafforzare i principi fondamentali della sicurezza europea che tutti abbiamo affermato dopo l’accordo di Helsinki. Ciò include il diritto di ciascun paese di scegliere le proprie condizioni di sicurezza.

La Russia deve astenersi da atti di forza, aggressioni e atti maligni contro gli Alleati e le altre nazioni.

La Russia deve ritirare le sue forze da Ucraina, Georgia e Moldova, dove sono di stanza senza il consenso dei rispettivi paesi, e tutte le parti devono impegnarsi attivamente negli sforzi per risolvere i conflitti, inclusa la forma Normandia.

Terzo, riduzione del rischio, trasparenza e controllo degli armamenti.

La storia ha dimostrato che impegnarsi in questi problemi può fornire una protezione reale per tutti. Quindi abbiamo bisogno di passi pratici per fare davvero la differenza.

(…)

I partiti della coalizione sono pronti a incontrarsi il prima possibile.

In tutti i nostri sforzi, continuiamo a lavorare a stretto contatto con l’Ucraina e altri partner della NATO, tra cui Finlandia, Svezia, Georgia e Unione Europea.

READ  L'ostacolo occidentale: quale assistenza militare dovrebbe essere fornita all'Ucraina per ritirarsi dalla guerra?

La NATO è un’alleanza difensiva e non stiamo cercando uno scontro. Ma non possiamo scendere a compromessi su politiche basate sulla sicurezza della nostra alleanza e sulla sicurezza dell’Europa e del Nord America.

Siamo pienamente impegnati nel nostro accordo fondativo e nel nostro impegno congiunto ai sensi della Sezione 5.

Adotteremo tutte le misure necessarie per proteggere e difendere tutti gli alleati”, ha affermato il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

La dichiarazione del leader della NATO chiedeva il ritiro delle sue forze armate dalla Romania e dalla Bulgaria a seguito delle richieste della Russia e il ritorno ai confini precedenti al 1997.

Lo ha annunciato mercoledì il segretario di Stato americano Anthony Blingen Gli Stati Uniti hanno fornito risposte scritte Le richieste della Russia di garanzie di sicurezza nell’ambito dei colloqui per evitare l’espansione militare russa contro l’Ucraina e hanno sottolineato che non ci sarebbe alcun cambiamento nella politica della porta aperta di Washington sulla NATO.

A dicembre, Mosca ha avanzato una serie di richieste al quadro difensivo europeo di Washington, chiedendo la fine dell’espansione della NATO a est, in particolare l’alleanza dell’Ucraina con l’ex blocco sovietico, e l’abbandono delle manovre. Dispiegamento di truppe NATO negli Stati alleati dopo il 1997.

I colloqui del 10 gennaio tra Mosca e Washington su queste richieste non hanno portato a un compromesso, mentre i funzionari occidentali hanno affermato che non avrebbero potuto accettare le richieste di Mosca e hanno minacciato severe sanzioni se avessero attaccato l’Ucraina.

Leggi anche fonti CNN: Stati Uniti e diverse nazioni della NATO discutono dell’invio di migliaia di truppe in Romania, Bulgaria e Ungheria

Autore: Alessandro Costia

READ  Un paziente che ha subito un intervento chirurgico rivoluzionario di trapianto di cuore suina ha accoltellato un uomo 7 volte durante la sua adolescenza, paralizzandolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.