Investitori di criptovalute indiani in modalità panico mentre Bitcoin Exchange disattiva i depositi

Secondo quanto riferito, due importanti scambi di criptovalute in India hanno interrotto i depositi tramite un metodo di pagamento popolare, causando preoccupazione in un paese in cui la certezza normativa è ancora carente nonostante l’enorme popolarità di Bitcoin.

Fonti di notizie hanno rivelato che l’exchange di criptovalute indiano WazirX e CoinSwitch Kuber hanno disabilitato i depositi in rupie utilizzando l’interfaccia di pagamento unita (UPI) allo scopo di acquistare criptovaluta.

UPI è un sistema di pagamento in tempo reale ampiamente utilizzato in India e regolamentato dalla Banca Centrale. Il valore totale delle transazioni UPI ha superato $ 1 trilione nell’ultimo anno fiscale.

Suggerisci lettura | L’astronauta lancia il primo NFT e raccoglie $ 500.000 per aiutare l’Ucraina a combattere la Russia

In risposta agli utenti preoccupati, i due scambi hanno dichiarato che possono continuare a prelevare fondi tramite l’interfaccia.

Coinswitch Kuber ha notato in un tweet:

“Il deposito UPI è attualmente disabilitato per tutti gli utenti, ma ci sforziamo di recuperarlo il più rapidamente possibile. Si prega di essere pazienti”.

Preoccupazioni per la stabilità finanziaria

L’India, il secondo paese più popoloso del mondo, ha passato anni a sviluppare una legislazione che regola le criptovalute, con una misura approvata dalla banca centrale a causa delle preoccupazioni sui rischi per la stabilità finanziaria, ma la recente decisione di tassare il reddito delle criptovalute segnala l’approvazione delle autorità.

I dati di CoinGecko mostrano che i tre maggiori scambi di criptovalute indiani hanno completato quasi $ 140 milioni di scambi nelle ultime 24 ore.

L’azione di giovedì segue una dichiarazione di una riga della scorsa settimana della National Payments Corporation indiana, operatore del sistema UPI sostenuto dallo stato che facilita i bonifici bancari, in cui affermava di non essere a conoscenza del suo utilizzo da parte di alcun exchange di criptovalute.

READ  La principale società di Tinder Match Group ha citato in giudizio Google, sostenendo un comportamento anticoncorrenziale dell'app store

BTC total market cap at $785.16 billion on the daily chart | Source: TradingView.com

Investitori in criptovalute indiani in aumento

In India, la valuta digitale è molto popolare. Gli investimenti in criptovalute indiani sono esplosi nell’ultimo anno, diventando un mercato multimiliardario. Circa 15-20 milioni di persone possiedono criptovaluta.

Tuttavia, c’è una mancanza di chiarezza legislativa nel paese: la banca centrale indiana ha proposto in precedenza di vietare la criptovaluta, nonostante il fatto che i legislatori abbiano imposto una tassa del 30% sui profitti delle risorse digitali a febbraio.

Alcune fonti hanno affermato che il volume degli scambi è diminuito drasticamente sulla scia del nuovo regolamento, con il volume degli scambi su WazirX, la più grande borsa valori dell’India, in calo del 71%.

Suggerisci lettura | Mastercard Files 15 Applicazioni del marchio Metaverse e NFT: un movimento “inestimabile”?

Depresso

Gli investitori hanno espresso la loro frustrazione su Twitter, poiché lo scambio non ha accettato gateway di pagamento per la maggior parte delle principali banche, tra cui ICICI Bank e HDFC Bank.

“Senza fornire alcuna informazione, ho disabilitato il deposito INR. Almeno, informaci della durata della chiusura”, l’utente di Twitter Avijit Depnath ha esortato lo scambio tramite il social network.

CoinDCX, un altro grande scambio di criptovalute con oltre 10 milioni di clienti, allo stesso modo accettava solo bonifici bancari ma richiedeva un deposito minimo di 3.000.

CoinSwitch, che afferma di avere più di 15 milioni di utenti, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento di Reuters. Inoltre, anche l’NPCI non ha risposto.

Featured image from Daily Express, chart from TradingView.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.