In Polonia, dove il carbone è il re, i proprietari di case fanno la fila per giorni per comprare carburante

VARSAVIA/Bogdanka (Reuters) – Nella soffocante tarda estate polacca, decine di auto e camion hanno fatto la fila alla miniera di carbone di Lublinski Vigil Bogdanka, dove le famiglie temendo la mancanza dell’inverno aspettano giorni e notti per fare la fila per fare scorta di combustibile per riscaldamento. Ricorda l’era comunista.

Artur, 57 anni, un pensionato svedese, martedì ha scalato circa 30 km dalla miniera nella Polonia orientale sperando di acquistare diverse tonnellate di carbone per sé e la sua famiglia.

“I bagni sono stati allestiti oggi, ma non c’è acqua corrente”, ha detto dopo aver dormito tre notti nella sua piccola berlina rossa in una fila strisciante di camion, trattori, rimorchi e auto private.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Questo va oltre l’immaginazione, le persone dormono nelle loro macchine. Ricordo i tempi del comunismo ma non mi è mai venuto in mente che potessimo tornare a qualcosa di peggio”.

La casa di Artur è una dei 3,8 milioni in Polonia che dipendono dal carbone per il riscaldamento e ora si trovano ad affrontare carenze e aumenti dei prezzi, dopo che la Polonia e l’Unione Europea hanno imposto un divieto al carbone russo dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca a febbraio.

La Polonia ha vietato gli acquisti con effetto immediato ad aprile, mentre il blocco ne ha ordinato la graduale eliminazione entro agosto.

Mentre la Polonia produce più di 50 milioni di tonnellate dalle sue miniere ogni anno, il carbone importato, principalmente dalla Russia, è un alimento base per le famiglie a causa dei prezzi competitivi e del fatto che il carbone russo viene venduto in blocchi più adatti all’uso domestico.

READ  I futures di Wall Street ed Euro salgono sulle speranze del vertice Biden-Putin

La crescente domanda ha spinto Bogdanka e altre miniere controllate dallo stato a razionare le vendite o offrire carburante ai singoli acquirenti tramite piattaforme online, in quantità limitate. Artur, che non voleva fornire il suo nome completo, ha detto di aver raccolto i documenti dalla sua famiglia allargata nella speranza di ottenere tutte le indennità di carburante in una volta.

Dorota Choma, portavoce della miniera di Bogdanka, ha detto a Reuters che la miniera prevede di vendere carburante a circa 250 famiglie venerdì e continuerà le vendite nel fine settimana per ridurre i tempi di attesa.

Choma ha affermato che le restrizioni sono in atto per prevenire l’accaparramento e il profitto, o addirittura la vendita di siti in lista d’attesa.

Come tutte le miniere di carbone polacche, Bogdanka di solito vende la maggior parte del carbone che produce alle centrali elettriche. L’anno scorso ha venduto meno dell’1% della sua produzione a clienti privati, quindi non ha la logistica di vendere carburante direttamente agli acquirenti al dettaglio.

Lukasz Hobach, capo della Camera di commercio del carbone polacca, ha affermato che il calo delle importazioni russe è iniziato a gennaio, quando Mosca ha iniziato a utilizzare le ferrovie per il trasporto militare.

“Ma il motivo principale della carenza è il divieto, entrato in vigore immediatamente. Capovolgere il mercato”, ha detto a Reuters.

Un portavoce di Weglokoks, un commerciante di carbone di proprietà statale incaricato dal governo di aumentare le importazioni da altri paesi, ha rifiutato di commentare, mentre il ministero del Clima non è stato contattato per un commento. Funzionari del governo hanno ripetutamente affermato che la Polonia avrà abbastanza carburante per soddisfare la domanda.

READ  L'Europa sta bruciando mentre il caldo si sposta verso est mentre le temperature aumentano negli Stati Uniti e in Cina

Negli ultimi anni, la Polonia è stata una voce critica della politica climatica dell’Unione europea e un convinto sostenitore del carbone, che genera fino all’80% della sua elettricità. Ma la produzione di carbone è costantemente diminuita poiché il costo dell’estrazione è aumentato a livelli più profondi.

Il consumo di carbone si è per lo più stabilizzato, il che ha portato a un graduale aumento delle importazioni. Nel 2021 la Polonia ha importato 12 milioni di tonnellate di carbone, di cui 8 milioni di tonnellate provenivano dalla Russia e sono utilizzate da abitazioni e piccole centrali termiche.

A luglio, la Polonia ha ordinato a due società controllate dallo stato di importare diversi milioni di tonnellate di carburante da altre fonti, tra cui Indonesia, Colombia e Africa, e ha fornito sussidi ai proprietari di case che pagavano il doppio o il triplo dei prezzi del carbone dallo scorso inverno.

“Fino al 60% di coloro che utilizzano il carbone per il riscaldamento possono essere colpiti dalla povertà energetica”, ha affermato Horbach.

Di ritorno a Bogdanka, Piotr Maciejewski, 61 anni, un agricoltore locale che si è unito alla lista d’attesa martedì, ha detto di essere preparato per la lunga attesa.

“Il mio trattore è rimasto in linea e io vado a casa a dormire un po’”, ha detto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Copertura) Di Marek Strzelecki e Koba Stezeki, Montaggio di Russell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.