In esclusiva, Google paga oltre 300 editori dell’UE per le notizie, altre ne arriveranno

BRUXELLES, 11 maggio (Reuters) – Alfabeto (GOOGL.O) La società ha detto a Reuters che l’unità Google ha firmato accordi per pagare più di 300 editori in Germania, Francia e altri quattro paesi dell’Unione Europea per le loro notizie e lancerà uno strumento che renderà più facile la registrazione anche per gli altri.

La mossa è stata annunciata pubblicamente mercoledì dopo l’adozione delle regole sul copyright dell’Unione Europea tre anni fa che richiedono a Google e ad altre piattaforme online di pagare musicisti, artisti, autori, editori di notizie e giornalisti per l’utilizzo del loro lavoro.

Gli editori di notizie, tra i più accaniti critici di Google, hanno da tempo esortato i governi a garantire che le piattaforme online paghino ricompense eque per i loro contenuti. L’anno scorso l’Australia ha reso obbligatori tali pagamenti mentre il Canada ha introdotto una legislazione simile il mese scorso. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Ad oggi, abbiamo accordi che coprono più di 300 testate giornalistiche nazionali, locali e specializzate in Germania, Ungheria, Francia, Austria, Paesi Bassi e Irlanda, con molte discussioni in corso”, ha affermato Solina Kunal, Direttore delle News and Publishing Partnerships in un post visto da Reuters e che dovrebbe essere pubblicato in un secondo momento, mercoledì. Il blog non ha detto quanto vengono pagati gli editori.

Due terzi di questo gruppo sono editori tedeschi tra cui Der Spiegel, Die Zeit e Frankfurter Allgemeine Zeitung.

“Stiamo ora annunciando il lancio di un nuovo strumento da presentare a migliaia di altri editori di notizie, a partire da Germania e Ungheria, e distribuirlo ad altri paesi dell’UE nei prossimi mesi”, ha affermato Kunal nel post sul blog.

READ  Il crollo dell'IPO delle azioni 'tech' immobiliari e SPAC: House Flippers Opendoor e Redfin Come Unglued, dopo Zillow

Lo strumento fornisce agli editori un contratto di anteprima delle notizie esteso che consente a Google di visualizzare estratti e miniature a pagamento.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo riferisce Fu Yun Che. Montaggio di Lisa Schumaker

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.