Importanti colloqui USA-Russia. Washington è pronta a discutere il controllo dei missili e le esercitazioni militari nell’Europa orientale

Fonti citate quotidianamente hanno affermato che i negoziatori statunitensi hanno in programma di tenere colloqui con le loro controparti russe a Ginevra lunedì per discutere l’ubicazione dei missili e l’entità delle esercitazioni militari in Europa. Washington Post.

La Reuters ha citato un alto funzionario statunitense che ha affermato che gli Stati Uniti ei loro alleati erano pronti a negoziare con la Russia sulla possibilità di limitare il dispiegamento di militari e missili nella regione da ciascuna parte.

Tuttavia, la Reuters ha citato la fonte Gli Stati Uniti non vogliono discutere del dispiegamento di truppe statunitensi o del dispiegamento di truppe statunitensi nei paesi della NATO..

La Casa Bianca vuole mettere alla prova il Cremlino

Fonti affermano che la Casa Bianca vuole verificare se Mosca ha serie intenzioni di porre fine alla crisi ucraina attraverso la diplomazia o se stabilirà condizioni impossibili come tattica per ritardare o come scusa per una nuova invasione. Washington Post. Negli ultimi mesi, i funzionari statunitensi non sono stati in grado di chiarire se il presidente russo Vladimir Putin crede che sia giunto il momento di rioccupare l’Ucraina o se sia il momento di ritirare con la forza l’orbita strategica della Russia. Gli Stati Uniti ei loro alleati minacciando l’Ucraina.

L’agenzia spagnola EFE, citando anonimamente un alto funzionario statunitense, ha affermato di poter contattare alcuni. “Accordi” con la Russia In due ambiti: il dispiegamento di missili in Europa e le manovre militari, riferisce Agerpres.

“Siamo pronti a parlarne perché crediamo di poter fare progressi, ma con una nota: consultarci sempre con i nostri alleati e solo se si tratta di comprensione reciproca”, ha affermato la fonte americana. La dichiarazione del funzionario – secondo Efe – durante un colloquio telefonico con diversi giornalisti, tra cui un giornalista dell’agenzia di stampa spagnola. “Entrambe le parti devono prendere quasi lo stesso impegno”, ha detto l’alto funzionario statunitense.

Settimana diplomaticamente seria

Mentre i colloqui bilaterali Russia-USA a Ginevra continuano lunedì con Mosca che porta truppe ed equipaggiamenti al confine ucraino, Washington e i suoi alleati stanno minacciando un’azione militare se non risponderanno alle preoccupazioni sulla sicurezza del Cremlino.

La delegazione statunitense ai colloqui sarà guidata dal viceministro degli Esteri Wendy Sherman e Mosca sarà rappresentata dal vicesegretario di Stato Sergei Rybkov.

READ  Dopo l'attacco alla presidente Mia Sand, Chisinau ha chiamato l'ambasciatore russo: "Lingua inaccettabile"

I colloqui di Ginevra saranno seguiti mercoledì da una riunione speciale del Consiglio NATO-Russia a Bruxelles e giovedì da una sessione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa a Vienna.

Dopo che Vladimir Putin ha inviato decine di migliaia di soldati al confine con l’Ucraina e ha espresso il timore che si stesse preparando per un’invasione dell’Ucraina, tutti questi colloqui miravano a scongiurare la crisi.

Quali concessioni possono fare i russi agli americani

Reuters riferisce che non è chiaro se gli Stati Uniti e i loro alleati europei faranno progressi nei colloqui con Mosca. Putin vuole porre fine all’espansione della NATO a est e vuole garanzie di sicurezza, Richieste che gli Stati Uniti considerano inaccettabili.

La Russia afferma di essere minacciata da un lancio di missili statunitensi in Ucraina, anche se Reuters riferisce che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha assicurato al suo omologo russo Vladimir Putin che non vuole farlo. “Pertanto, se la Russia vuole assumere lo stesso impegno, questa è un’area in cui possiamo raggiungere un accordo”, ha affermato Reuters.

Fonti Reuters affermano che gli Stati Uniti sono pronti a discutere l’imposizione di restrizioni alle manovre militari nella regione da entrambe le parti. “Siamo pronti a esplorare la possibilità di limitazioni reciproche nelle dimensioni e nell’ambito di tali esercizi. Bombardamento strategico ed esercitazioni a terra vicino al territorio di altre parti”, Il funzionario degli Stati Uniti ha aggiunto.

Secondo la stessa fonte, Washington è aperta a un ampio dibattito Dispiegamento di missili nella regioneL’amministrazione del presidente Donald Trump si è ritirata dall’accordo sulle forze nucleari ad interim (INF) nel 2019, accusando Mosca di aver violato l’accordo del 1987.

Il funzionario ha anche sottolineato che c’è un’area su cui concentrarsi L’America non è pronta a arrendersi: Possibile compromesso dell’Ucraina con la Nato: “La Russia non può determinare chi sia alleato degli altri Paesi”.

Perché i colloqui di Ginevra sono così importanti

“Il nostro obiettivo è avere un dialogo aperto, onesto e serio al tavolo con i russi sulla sicurezza europea. Vogliamo essere inclusivi. Non vogliamo attraversare il confine”, ha affermato Michael Carpenter, Ambasciatore degli Stati Uniti presso l’OSCE, in un colloquio. Washington Post.

Gli ampi colloqui della NATO e dell’OSCE sono una priorità per la Casa Bianca, che ha più volte promesso ai partner tra cui alleati europei e Ucraina di non negoziare “su di loro senza di loro”. Ma i colloqui bilaterali a Ginevra possono essere l’indicatore più importante e attentamente monitorato della possibilità di raggiungere un accordo diplomatico per evitare una nuova guerra in Europa. Washington Post.

“Come pensano i russi, hanno solo un terreno comune, bilaterale. Il resto, secondo loro, è decorazione”, ha detto un funzionario del governo degli Stati Uniti specializzato nelle relazioni con la Russia.

READ  Guerra in Ucraina, giorno 84. Il battaglione del senatore russo Azov chiede la pena di morte per i militanti

A Ginevra, i funzionari statunitensi valuteranno se il Cremlino presterà attenzione alle sue richieste alla fine dell’anno scorso – una garanzia legale che la NATO non si espanderà a est per includere l’Ucraina – o, al contrario, aree in cui possono negoziare con altri se sono preoccupati.

“Se i russi verranno lunedì e vogliono solo parlare dell’espansione della NATO, ci fermeremo. Penso che l’amministrazione sia pronta a reagire, questo è fuori discussione”, ha affermato Andrea Kendall-Taylor, esperto del New US Defense Center . “Ma se i russi vogliono parlare di controllo delle armi convenzionali, può aver luogo un dibattito e si ritiene che potrebbe esserci una soluzione diplomatica alla crisi”, ha affermato. Washington Post.

La Russia alza le azioni. Quali garanzie vuole la NATO?

Il mese scorso, il ministero degli Esteri russo ha pubblicato bozze di accordi che delineano ciò che la Russia vuole dagli Stati Uniti e dalla NATO. Alcune parole sono così inaffidabili che molti legislatori occidentali respingono l’approccio russo come banale. La Russia ha chiesto che gli Stati Uniti e i loro alleati militari nell’Europa occidentale siano d’accordo I paesi dell’ex Patto di Varsavia, che ora fanno parte della NATO, non dovrebbero piazzare armi o forze armate.

Sono state espresse preoccupazioni sul fatto che Putin possa voler creare un pretesto per una nuova invasione dell’Ucraina una volta che i piani saranno inevitabilmente respinti. Non è chiaro ai negoziatori statunitensi cosa i russi siano disposti ad accettare al di fuori di queste richieste.

Tuttavia, alcuni esperti ritengono che i russi siano ancora interessati alla conversazione vera e propria e vorrebbero vedere se Washington è disposta a discutere qualsiasi altro impegno vincolante, come l’imposizione di restrizioni al dispiegamento di missili statunitensi in alcune parti d’Europa.

READ  L'Ucraina afferma che la Russia si sta preparando per attacchi missilistici con vittime civili in Transnistria / truppe russe in allerta

“I russi stanno aspettando di vedere cosa possiamo offrire e dove possono restituirlo, e poi decideranno se sono seri”, ha detto un funzionario del governo. Washington Post.

Dicono che gli americani negozieranno sulla base di una “politica reciproca” e che l’accordo non sarà raggiunto fino a quando i russi non risponderanno alle preoccupazioni degli Stati Uniti.

Cosa dicono gli alleati. Due flussi di feedback

Il quotidiano americano scrive che gli alleati americani sono divisi sul modo migliore per affrontare la Russia. I paesi del Regno Unito e dell’Est – gli stati baltici e la Polonia – vogliono che gli Stati Uniti prendano una posizione dura su Ginevra e offrano poche o nessuna concessione sin dall’inizio.

“La sfida per i russi è che se offrono qualcosa, vorranno di più. Anche qualcosa di relativamente moderato, come la posizione dei missili, rischia di cambiare il corso dei colloqui”, ha affermato un funzionario europeo.

Altre grandi potenze europee, come Francia, Germania e Italia, temono che il continuo rifiuto delle proposte del Cremlino possa essere una scusa per invadere la Russia e vogliono che gli Stati Uniti diano la priorità all’allentamento della situazione in Ucraina.

Un alto funzionario dell’amministrazione degli Stati Uniti avrebbe detto Washington Post Ha detto che i colloqui di Ginevra sono stati oggetto di esame e che gli Stati Uniti non avrebbero preso una posizione ferma. “Tutto ciò che viene discusso dovrà tornare a Washington e essere discusso con gli alleati nel corso della settimana”, ha affermato il funzionario.

Al Consiglio NATO-Russia si prevede la convocazione di un incontro su larga scala per consentire ai rappresentanti di Mosca e di 30 alleati di esprimere le loro posizioni.

In seguito all’invasione della Georgia nel 2008, il Cremlino ha chiesto allo stesso modo un nuovo patto di difesa europeo giuridicamente vincolante, che ha portato a discussioni in seno all’OSCE, noto anche come processo di Corfù, seguito da un vertice ad Astana nel 2010. Ma gli sforzi diplomatici non hanno portato a un accordo.

“Quello che stiamo facendo in silenzio dietro le quinte ora è discutere con tutti gli attori, compresi i russi, alleati e non, la migliore forma di dialogo serio, significativo e orientato alla sicurezza”, ha affermato l’ambasciatore statunitense Carpenter.

Autore: Luana Pavaluca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.