Il telescopio James Webb può scattare foto dettagliate dei pianeti e delle lune del nostro sistema solare

Negli ultimi giorni, la NASA ha rilasciato immagini straordinarie di nebulosee ammassi di galassie e persino Una visione “più profonda” dell’universo Catturato dal telescopio spaziale James Webb. Ora, l’agenzia ha rilasciato le immagini di qualcosa di molto più vicino a casa come il nuovo telescopio preferito di tutti — scusa, Hubble! – preso in consegna. Quando il team di James Webb stava calibrando la macchina, i membri Scatta foto di Giove Per vedere se può essere utilizzato per osservare i corpi celesti vicini come lune e asteroidi, nonché altri elementi come anelli di pianeti e satelliti. Si scopre che la risposta è sì.

Un’immagine catturata dal filtro a lunghezza d’onda corta del NIRCam (NIRCam) del Near Infrared Camera Telescope Instrument (sopra) mostra chiaramente le bande distinte del gigante gassoso e della sua luna Europa. Anche il grande punto rosso è abbastanza visibile, anche se sembra essere bianco a causa del modo in cui l’immagine è stata elaborata. Quando è stato utilizzato il filtro da 2,12 micron dello strumento NIRCam, l’immagine risultante mostrava le lune gioviane Europa, Tebe, Metis e persino l’ombra di Europa vicino alla Grande Macchia Rossa. E quando il team ha utilizzato un filtro NIRCam da 3,23 micron, l’immagine risultante ha catturato alcuni degli anelli di Giove, come puoi vedere di seguito:

la NASA, l’Agenzia spaziale europea, l’Agenzia spaziale canadese e b. Holler e J. Stansbury (STScI)

Brian Holler, uno degli scienziati che ha aiutato a pianificare queste osservazioni, ha detto:

Combinate con le immagini in campo profondo rilasciate l’altro giorno, queste immagini mostrano a Giove una piena comprensione di ciò che Webb può osservare, dalle galassie osservabili deboli e lontane ai pianeti nel nostro cortile cosmico che puoi vedere ad occhio nudo dal tuo vero cortile privato. tuo”.

Vale la pena notare che James Webb ha catturato queste immagini in movimento attraverso il suo campo visivo in tre osservazioni separate, dimostrando che è stato in grado di trovare e seguire le stelle nelle vicinanze di un corpo celeste luminoso come Giove. Ciò significa che può essere utilizzato per studiare le lune nel nostro sistema solare e potrebbe darci le prime immagini di pennacchi di materiale noto per essere emessi da satelliti naturali come Europa e la luna di Saturno Encelado.

Il team ha anche monitorato gli asteroidi nella cintura degli asteroidi per scoprire le cose più veloci da vedere. Hanno scoperto che potrebbe ancora ottenere dati aggregati da oggetti che si muovono fino a 67 millisecondi al secondo attraverso il loro campo visivo. La NASA afferma che questo è l’equivalente di tracciare il movimento di una tartaruga da un miglio di distanza. Come ha affermato Stephanie Milam, il vice scienziato del progetto di James Webb, queste foto mostrano che “tutto è andato alla grande”. Possiamo aspettarci non solo immagini più dettagliate dello spazio in futuro, ma anche informazioni che potrebbero fare più luce su come si sono formate le prime galassie.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati con cura dalla nostra redazione, indipendentemente dalla casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione.

READ  Gli astronauti della NASA fanno passeggiate spaziali per fornire aggiornamenti energetici alla stazione spaziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.