Il reggimento Azov accusa la Russia di aver usato del veleno sull’esercito e sui civili a Mariupol

Il Kiev Independent e Next hanno riferito che il reggimento Azov aveva accusato la Russia di usare una sostanza velenosa contro truppe e civili a Mariupol.

I russi distruggono sistematicamente tutto ciò che come Mariup non hanno mai catturatoFoto: Immagini SOPA / Sipa Press / Profimedia

A Mariupol, le truppe russe hanno usato una fonte sconosciuta di veleno contro l’esercito e i civili ucraini.

Le vittime soffrivano di distress respiratorio e sindrome vestibolare.

Questa è la prima volta che la Russia usa armi chimiche in Ucraina, se viene confermato che la sostanza è stata spruzzata da droni.

Per inciso, l’agenzia di stampa statale russa Rapporti Rea Lunedì, Eduard Pasurin, un rappresentante dei Combattenti del popolo repubblicano di Donetsk (NM), ha affermato che non aveva senso usare sostanze chimiche per attaccare i forti sotterranei Azovstal a Mariupol controllati dall’Ucraina.

Lo ha detto lunedì il leader dei separatisti filo-russi a Donetsk Le sue forze catturarono completamente l’area portuale della città Mariupol, nel sud-est dell’Ucraina, è sotto assedio da più di un mese.

READ  Il presidente Volodymyr Zhelensky ha un nuovo messaggio per gli ucraini: Resistere! Scendi in strada e scaccia il male!

Marina ucraina in città Disse “Oggi sarà l’ultima guerra perché le munizioni sono finite”, ha scritto in un post su Facebook.

“Questa è la morte per alcuni di noi e la prigionia per il resto”, diceva il verbale, spiegando che i marines sono stati “respinti” e “circondati” dall’esercito russo.

Dicono di aver difeso il porto per 47 giorni e di aver fatto “tutto il possibile e l’impossibile” per mantenere il controllo della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.