Il rapporto sull’occupazione di giugno mostra una crescita solida: ultime notizie





L’economia ha aggiunto 372.000 posti di lavoro a giugno, una spinta al mercato del lavoro più calda del previsto che potrebbe alleviare i timori di una recessione imminente, ma questo complica anche il lavoro della Fed mentre cerca di raffreddare l’inflazione.

Il Dipartimento del Lavoro ha riferito venerdì che il tasso di disoccupazione era del 3,6%, lo stesso mese prima.

I datori di lavoro hanno continuato a competere per i lavoratori negli ultimi mesi, con richieste iniziali di disoccupazione che sono aumentate solo marginalmente dal livello più basso di marzo.

Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che la rapida crescita continuerà indefinitamente, poiché i prezzi più elevati influiscono sulla spesa dei consumatori. La forza lavoro rimane vincolata dall’invecchiamento demografico, dai bassi livelli di immigrazione e dalle barriere all’occupazione che tengono molte persone in disparte.

“Non avremmo sostenuto la crescita dell’occupazione che stavamo vedendo: doveva fermarsi”, ha affermato Julian Richers, vicepresidente della ricerca sull’economia globale presso Morgan Stanley. Ci vorrà del tempo, tuttavia, ha detto, per esaurire la volontà dell’America di agire.

“C’è ancora molta domanda repressa di lavoratori”, ha detto il dottor Richers. “È logico che mentre l’economia rallenta, anche l’occupazione dovrebbe rallentare, una volta che abbiamo lavorato con l’arretrato della domanda di lavoro”.

Questo accumulo è evidente in 11,3 milioni di posti di lavoro Quali datori di lavoro hanno aperto a maggio, un numero che è ancora vicino a livelli record e lascia quasi due posti di lavoro disponibili per tutti coloro che cercano lavoro. In questa equazione, è probabile che qualsiasi lavoratore licenziato mentre alcuni settori sono sotto pressione trovi rapidamente nuovi lavori, almeno per un po’ di tempo.

READ  Dopo che il CEO di Tesla Elon Musk ha rivendicato una "indagine incessante", la SEC torna sui suoi passi

Ma una serie di venti contrari crea un limite di tempo sul mercato del lavoro del venditore. I leader aziendali riferiscono che mentre la domanda interna rimane forte e alcuni problemi della catena di approvvigionamento si sono attenuati, gli ordini arretrati non crescono più e i conti di risparmio si stanno riducendo. Quando possibile, i datori di lavoro automatizzano le attività invece di assumere nuovi dipendenti.

“I datori di lavoro stanno diventando meno preoccupati di riempire quei posti vacanti mentre osservano il rallentamento dell’economia”, ha affermato Bill Adams, capo economista di Comerica Bank. “Mi aspetto che le aziende procedano lentamente nel riempire i posti vacanti prima di aprire effettivamente posti vacanti”.

Ci sono prime indicazioni che alcuni datori di lavoro stiano iniziando a licenziare i lavoratori, o perché la domanda si sta allentando o perché i tassi di interesse stanno aumentando, privandoli di capitale.

La società di collocamento esterno Challenger, Gray & Christmas ha riferito giovedì che il numero di licenziamenti annunciati a giugno è aumentato del 57% rispetto al mese precedente, al totale più alto da febbraio 2021. I tagli si sono concentrati nell’industria automobilistica, che sta lottando con forniture limitate e aumento dei prezzi della benzina.

Anche Lauren Hering, CEO di Impact Group Recruitment and Outsourcing, ha registrato un leggero aumento degli affari.

“Riteniamo che potremmo essere a un punto di svolta, poiché il numero di dipendenti interessati è aumentato nel corso dell’anno”, ha affermato. Ma per ora, sono stato in grado di trovare rapidamente nuovi lavori per la maggior parte dei lavoratori licenziati.

“La gente sente ancora che l’erba è più verde e posso ancora attraversare la strada e ottenere un bonus distintivo presso la XYZ Company”, ha detto la signora Hering.

READ  La tua sede Starbucks Go-to Bay Area potrebbe essere chiusa a tempo indeterminato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.