Il QB Tua Tagovailoa dei Miami Dolphins resiste alle critiche per la forza del braccio

Miami – quarterback dei delfini Toa Tagoviloa Il capo allenatore Mike McDaniel sta iniziando ad abbassare la guardia, ha detto ai giornalisti dopo il secondo giorno di campo obbligatorio della squadra giovedì.

Tagoviloa ha completato un paio di passaggi profondi in un ampio futuro Terek Hill – per 45 e 55 iarde – e ha spiegato come si sentiva in merito ai dubbi sulla sua forza percepita del braccio.

“Sì, se avessi visto il terzultimo gioco che abbiamo avuto – non so se avrei potuto buttare giù la palla, ma secondo i miei calcoli penso che sarebbe stato un touchdown per Tyreek”, ha detto dopo “Se no, abbiamo segnato. Due giocate dopo quella per Tyreek. Quindi sapete, comunque vogliate scrivere qualcosa di tutto ciò sui social media o qualunque sia il punto vendita con cui voi ragazzi interagite”.

Una delle principali critiche mosse contro Tagoviloa da quando è entrato in campionato nel 2020 è la sua capacità percepita di spingere la palla verso il basso. Dalla sua stagione da rookie, si è classificato al 30° posto tra i passanti qualificati in yard aeree medie per tentativo a 7,13 yard.

Tuttavia, Tagoviloa guidò la NFL nella percentuale di completamento dei passaggi di almeno 25 yard e ne completò il 50%, ma tentò solo 18 passaggi, il secondo più basso della lega.

in Intervista alla rivista Muscle & Fitness Questa settimana, ha affermato che la sua mancanza di passaggi in campo era più il risultato di giocare chiamate che di abilità naturali.

READ  US Open 2022: Rory McIlroy potrebbe intraprendere uno sport, ma vuole quello importante per se stesso

“Ho visto alcuni miglioramenti nel riuscire a portare di nuovo la palla in campo”, ha detto. “Onestamente penso che sia solo un allenamento. Non sono stato davvero in grado di spingere la palla in campo l’anno scorso perché non avevamo un gioco specifico per spingere la palla in campo. L’anno scorso ci sono state molte giocate chiamate per una persona, o quella è La persona è aperta o il gioco potrebbe essere morto.

“Ora è un po’ diverso. Il mio secondo anno è stato diverso dal mio anno da junior e quest’anno sarà diverso dall’anno scorso in termini di come faccio le cose. Mi sento decisamente più fiducioso nella mia capacità di spingere la palla in campo Sarà emozionante.

Nella stessa intervista, Tagoviloa ha affermato di aver trascorso la maggior parte del suo tempo a sviluppare le sue basi e migliorare la forza e la mobilità del braccio.

L’ex scelta pubblica n. 5 ha detto di sapere cosa dicono le persone sulla forza del suo braccio, soprattutto perché il dipartimento delle comunicazioni di Dolphins gli dice di prepararlo per ciò che i media locali potrebbero chiedergli.

In passato si era rifiutato di commentare in modo approfondito come si sentiva di fronte a quelle critiche; Giovedì non era così.

“Sai, per me è solo un po’ remoto”, ha detto Tagoviloa. “Voglio dire, siamo fuori per esercitarci. Tutti – guerrieri di Twitter, sai, guerrieri della tastiera, come vuoi chiamarli – non sono qui per esercitarsi con noi, per lavorare sodo.

“Non so se voi ragazzi vi siete iscritti per l’ultima volta a Tyreek. Non so voi ragazzi, ma sembravano soldi”.

READ  Aggiornamenti live Olimpiadi invernali 2022: ultime notizie e risultati da Pechino

Tagoviloa ha detto che questo è il più aperto con i media da quando è arrivato a Miami e il suo livello di comfort deriva dagli sforzi di McDaniel negli ultimi mesi per convincerlo ad aprirsi.

Che sia nel corridoio, nella sala conferenze o nella sala pesi, Tagovailoa ha detto che McDaniel ama entrare per una chiacchierata, anche se è breve. Ha anche detto che “non è mai stato con un allenatore” come McDaniel che è “molto positivo”.

“Penso che i suoi compagni di squadra abbiano davvero notato una differenza in lui; si sta aprendo”, ha detto McDaniel. “In un certo senso è venuto da solo a questo proposito. Era incredibilmente adattabile. Ha abbassato la guardia. E siamo stati in grado di mantenere alta la sua fiducia, cosa che sicuramente dovrebbe essere ora, correggendolo e migliorando questo gioco, il che è l’obiettivo finale. Per tutti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.