Il procuratore generale dell’Ucraina apre un procedimento penale per alterazione dei confini del Paese dopo l’annuncio di Putin

A seguito della dichiarazione di Vladimir Putin di riconoscimento dell’autoproclamata indipendenza delle repubbliche di Donetsk e Luhansk per cambiare i confini del Paese, il procuratore generale dell’Ucraina ha annunciato l’avvio di un procedimento penale.

Il procuratore generale dell’Ucraina Irina Venedikova è stata costretta ad agire dopo l’annuncio di Vladimir Putin perché entrambe le regioni sono territori dell’Ucraina. In un messaggio su Facebook, ha affermato di aver aperto un procedimento penale basato sull’art. 110, cpv. Codice penale ucraino 2, che vieta qualsiasi chiamata a modificare i confini dell’Ucraina.

“Non ho il diritto di essere emotivo. Non mi è permesso deridere o parlare una lingua diversa da quella pratica o inviare maledizioni a estranei – la legge non me lo consente”, ha scritto su Facebook, secondo The Guardian.

Irina Venedikova ha affermato che i pubblici ministeri ucraini avrebbero indagato seriamente sul caso e che ai funzionari russi sarebbe stato impedito di recarsi in Ucraina.

“Sarà difficile per i membri di questo club chiuso fare shopping all’estero – lo promettiamo”, ha detto.

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Autore: Bokton Bagurar

READ  Ha provocato rabbia il discorso del campione olimpico russo davanti a Vladimir Putin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.