Il procuratore generale del Texas Ken Paxton ha avviato un’indagine sui robot di Twitter

Il procuratore generale del Texas Ken Paxton parla durante una conferenza stampa dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ascoltato le argomentazioni orali nel tentativo del presidente Joe Biden di ribaltare una politica di immigrazione dell’era Trump che ha costretto gli immigrati a rimanere in Messico in attesa delle audizioni statunitensi sulle loro richieste di asilo, a Washington , Stati Uniti, 26 aprile 2022.

Elisabetta Frantz | Reuters

Il procuratore generale del Texas Ken Paxton Egli ha detto Lunedì il suo ufficio ha aperto un’indagine Twitter sul numero di account bot sulla sua piattaforma.

“Il procuratore generale Paxton ha emesso una richiesta di indagine civile (CID) per indagare se le segnalazioni di Twitter di utenti reali rispetto a utenti falsi siano” false, fuorvianti o ingannevoli “ai sensi del Texas Deceptive Business Practices Act”, ha affermato il suo ufficio in un giornale. dichiarazione.

paxton esigente Dettagli su 23 voci, tra cui dati estesi sugli utenti attivi giornalieri e mensili e sui destinatari monetizzati del social network. Richiede inoltre “documentazione sufficiente per mostrare il numero di account Twitter non originali al mese dal 2017 ad oggi, suddivisi per categoria di account non originali (ad esempio account falso, account spammer, account bot), se disponibile”.

Paxton, che è stato sostenuto dal primo Il presidente Donald TrumpEra lo stesso Accusato Con l’accusa di frode sui titoli sette anni fa, ma Non ancora provato.

La sua indagine è iniziata su Twitter lo stesso giorno in cui Tesla e CEO di SpaceX Elon MuskAttraverso il suo avvocato, ha minacciato di farlo tornare indietro acquistare Twitter per circa 44 miliardi di dollari oltre a ciò che dice essere preoccupazioni per account falsi, spam e bot.

READ  AT&T sta chiudendo la sua rete 3G. Ecco come può influire su di te

In una lettera inviata lunedì a Twitter, gli avvocati di Musk hanno affermato che aveva il diritto di accedere ai dati di Twitter che potrebbero aiutarlo a determinare quanti bot ci sono sulla piattaforma. La lettera diceva anche che Twitter stava “resistendo e contrastando” il diritto di Musk di ottenere queste informazioni, il che equivale a una “chiara violazione materiale” dei termini del loro accordo di fusione.

Marco VagleL’annuncio di Paxton è un po’ insolito perché tali questioni non sono normalmente gestite a livello statale, ha affermato un esperto di diritto dei titoli che in precedenza era stato direttore regionale per l’ufficio di San Francisco della Securities and Exchange Commission.

“I paesi non sono necessariamente attrezzati per svolgere questo tipo di indagine complessa”, ha affermato Fagel. “Una cosa è se hai a che fare con una società locale, ma se stai parlando di una società nazionale, che è quotata in borsa in un altro stato, quello è il distretto della SEC”.

Elon Musk, durante un evento presso la sede di SpaceX a Hawthorne, California, USA, giovedì 10 ottobre 2019.

Bloomberg/Getty Images

L’anno scorso, Musk ha trasferito la sede del suo produttore di auto elettriche ad Austin, in Texas, da Palo Alto, in California, e questo è stato seguito dall’apertura di un enorme edificio Tesla Pianta fuori Austin quest’anno. come mossa Struttura ricettiva In Texas nel 2020.

SpaceX, la compagnia di missili riutilizzabili di Musk, gestisce una struttura di produzione e lancio di missioni a Brownsville, in Texas, e vuole espandere l’operazione in attesa dell’approvazione della Federal Aviation Administration.

Oltre a portare affari di alto profilo in Texas, Musk è emerso recentemente come un eroe per molti conservatori a causa delle sue critiche a Twitter, che ha espulso un certo numero di importanti conservatori dalla sua piattaforma, incluso Trump. Musk ha detto il mese scorso Ho intenzione di votare per i repubblicani alle prossime elezioni.

READ  Tour dei fulmini di Kramer: allontanati dal nucleo civico

Musk si è spesso rivolto a Twitter, dove ha 96,8 milioni di follower, per criticare Presidente Joe Biden e altri democratici.

Un portavoce di Twitter con sede a San Francisco ha rifiutato di commentare l’indagine di Paxton.

Alcuni contributori di Twitter non vogliono lasciare che Musk se la cavi nonostante il suo apparente stato di rimorso per l’acquirente. Lo stanno facendo causa in California per garantire la transazione al prezzo concordato di $ 54,20 per azione.

Guadare: Post di Twitter sotto pressione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.