Il principe Carlo davanti a un milione di sterline dalla famiglia di Osama bin Laden: reportage

il nuovoOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Secondo quanto riferito, il principe Carlo ha accettato 1 milione di sterline dalla famiglia di Osama bin Laden nel 2013.

Lo ha riferito il Sunday Times, un quotidiano con sede nel Regno Unito Carlo, 73 anni Personalmente ha preso i soldi da Bakr bin Laden e dal fratello Shafiq. Bakr è il capo della famiglia saudita ed entrambi gli uomini sono fratellastri della mente di al-Qaeda.

Secondo quanto riferito, l’accordo è avvenuto il 30 ottobre 2013, poco più di dodici anni dopo l’attacco di bin Laden all’America l’11 settembre 2001. L’outlet ha riferito che Charles ha accettato il denaro anche se Clarence House e il Prince of Wales Charitable Trust avevano consigliato diversamente (PWCF ).

Il principe Carlo, principe di Galles, avrebbe accettato 1 milione di sterline dalla famiglia di Osama bin Laden.
(Getty Images)

L’outlet ha riferito che il denaro è stato depositato nel fondo e le fonti hanno chiesto a Charles di restituire il denaro, ma si è rifiutato di farlo.

Il principe Carlo nega le irregolarità nella causa politica del Qatar

I rappresentanti di Charles non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento di Fox News.

Una fonte ha detto al Sunday Times: “Il fatto che un membro del più alto livello dell’establishment britannico abbia scelto di negoziare accordi con un nome e una famiglia non solo solleva campanelli d’allarme, ma sta anche causando un grande terrore in tutto il mondo”. “Perché stai facendo questo? Qual è una buona ragione per farlo?”

La fonte ha aggiunto: “Non ritenevo che nessun membro della famiglia reale britannica dovesse essere coinvolto in questo tipo di impresa”.

Il sito indicava che né Bakr né Shafiq bin Laden sono stati collegati ad atti terroristici. Sono parenti di Osama dal padre, Muhammad bin Awad bin Laden. Il giornale ha riferito che è diventato più ricco dei membri della famiglia non reale dopo la creazione del gruppo Bin Laden. Morì in un incidente aereo nel 1967.

Il capo di stato della regina Elisabetta, il principe Carlo, non ha fretta di diventare re per questo motivo, afferma il direttore reale

A giugno, Charles ha dovuto affrontare accuse separate di aver accettato una grossa somma di denaro da un membro del governo del Qatar.

L’ufficio di Charles ha negato qualsiasi illecito erede al trono britannico Borse piene di contanti hanno accettato donazioni di beneficenza da un politico del Qatar.

Carlo è il figlio maggiore della regina Elisabetta ed erede al trono britannico.

Carlo è il figlio maggiore della regina Elisabetta ed erede al trono britannico.
(Hannah McKay)

Il Sunday Times ha riportato il mese scorso che Charles ha ricevuto un totale di 3 milioni di euro, o 3,2 milioni di dollari, dallo sceicco Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani, l’ex primo ministro del Qatar. L’outlet ha affermato che il denaro è stato consegnato al principe britannico durante incontri privati ​​tra il 2011 e il 2015, in un’occasione in una valigetta e un’altra in borse della spesa dal grande magazzino Fortnum & Mason di Londra.

Clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter di intrattenimento

Il giornale ha anche riferito che il denaro è stato depositato sui conti del Prince of Wales Charitable Trust, che fornisce sovvenzioni ad altri gruppi senza scopo di lucro che sostengono le cause e gli interessi del re. Non ha affermato che fosse stato fatto qualcosa di illegale.

READ  I milionari in Russia se ne vanno a frotte

L’ufficio di Carlo, Clarence House, ha dichiarato in una dichiarazione che le donazioni “sono immediatamente andate a uno degli enti di beneficenza del principe che ha implementato la disposizione appropriata e ci ha assicurato che tutte le procedure corrette sono state seguite”.

Il primo ministro del Qatar, lo sceicco Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani, ha fatto una cospicua donazione in contanti al Prince of Wales Charitable Fund.

Il primo ministro del Qatar, lo sceicco Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani, ha fatto una cospicua donazione in contanti al Prince of Wales Charitable Fund.
(Foto di Andreas Renz/WireImage)

Ha anche detto al suo fondo di beneficenza di attuazione di aver verificato “che il donatore era una controparte legittima e documentata … I nostri revisori hanno firmato la donazione dopo un’indagine specifica durante l’audit. Non si è verificato alcun fallimento nella governance”.

L’ufficio comunicazioni del governo del Qatar non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento dell’Associated Press. Hamad non ha commentato pubblicamente.

Stephanie Nolasco di Fox News ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.