Il presidente uscente dello Sri Lanka sbarca a Singapore dopo essere fuggito dalla rivolta

  • Rajapaksa arriva con un volo saudita dalle Maldive
  • Il califfo ad interim impone il coprifuoco a Colombo
  • I manifestanti restituiscono le residenze del presidente e del primo ministro
  • Il presidente è stato deposto a causa di disordini dovuti al collasso economico

COLOMBO/SINGAPORE (Reuters) – Il presidente uscente dello Sri Lanka Gotabaya Rajapaksa è atterrato a Singapore giovedì dopo essere sfuggito alle proteste di massa per il crollo economico del suo Paese e le truppe hanno pattugliato nella capitale Colombo per imporre il coprifuoco, secondo i dati di monitoraggio dei voli.

Rajapaksa, che mercoledì è fuggito alle Maldive per sfuggire a una rivolta popolare per il ruolo della sua famiglia in una soffocante crisi economica, è volato a Singapore su un volo saudita, secondo una persona che ha familiarità con la situazione.

Un passeggero dell’aereo, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto a Reuters che Rajapaksa è stato accolto da un gruppo di guardie di sicurezza ed è stato visto lasciare l’area Vip dell’aeroporto in un convoglio di veicoli neri.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il ministero degli Esteri di Singapore ha affermato che Rajapaksa è entrato nel Paese in visita privata e non ha chiesto né ottenuto asilo.

Rajapaksa deve ancora dimettersi nonostante abbia promesso di dimettersi entro mercoledì, il che ha suscitato nuova incertezza nello Sri Lanka in crisi.

La sua decisione di mercoledì di nominare il suo alleato primo ministro Ranil Wickremesinghe come presidente ad interim ha suscitato ulteriori proteste, con manifestanti che hanno preso d’assalto il parlamento e hanno chiesto che anche l’ufficio del primo ministro si dimetta. Leggi di più

READ  L'aereo nepalese Tara Air ha perso con 22 persone a bordo

“Vogliamo che Ranil torni a casa”, ha detto giovedì Malik Pereira, un conducente di risciò di 29 anni che ha preso parte alle proteste del Parlamento. “Hanno venduto il Paese, vogliamo che una brava persona prenda il controllo, fino ad allora non ci fermeremo”.

Le proteste contro la crisi economica imperversano da mesi e sono culminate lo scorso fine settimana quando centinaia di migliaia di persone hanno preso il controllo degli edifici governativi a Colombo, accusando la potente famiglia Rajapaksa e i loro alleati di iperinflazione, carenza di beni di prima necessità e corruzione.

Rajapaksa, sua moglie e due guardie del corpo sono fuggiti dal paese su un aereo dell’aviazione mercoledì e si sono diretti alle Maldive.

All’interno della residenza del presidente all’inizio di giovedì, i comuni cittadini dello Sri Lanka hanno vagato per i corridoi, ammirando la vasta collezione d’arte dell’edificio, le auto di lusso e la piscina.

“I combattimenti non sono finiti”, ha detto Terrence Rodrigo, lo studente di 26 anni, che ha detto di essere stato all’interno del complesso da quando i manifestanti ne hanno preso il controllo sabato con la residenza ufficiale del primo ministro.

“Dobbiamo rendere la società migliore di così. Il governo non risolve i problemi delle persone”.

Tuttavia, i soliti luoghi di protesta sono stati calmi e giovedì sera gli organizzatori hanno consegnato al governo le residenze del presidente e del primo ministro.

“Con il presidente fuori dal Paese… non ha alcun valore simbolico mantenere i luoghi che sono stati sequestrati”, ha detto a Reuters Shamira Dadwaj, uno degli organizzatori.

Ma Callum Amaratunga, un altro organizzatore, ha affermato che una repressione potrebbe essere imminente dopo che Wickremesinghe ha descritto alcuni manifestanti come “fascisti” in un discorso la sera precedente.

Il governo ha imposto il coprifuoco a Colombo da mezzogiorno (06:30 GMT) di giovedì fino al primo venerdì mattina nel tentativo di prevenire ulteriori disordini. I media locali hanno mostrato veicoli blindati guidati da soldati che pattugliavano le strade della città.

I militari hanno affermato che le forze armate sono state autorizzate a usare la forza per proteggere le persone e la proprietà pubblica.

1 morto, 84 feriti negli scontri

Una persona è stata uccisa e altre 84 ferite negli scontri tra polizia antisommossa e manifestanti mercoledì vicino al Parlamento e all’ufficio del Primo Ministro, mentre le persone chiedevano la cacciata di Rajapaksa e Wickremesinghe, ha detto la polizia.

L’esercito ha detto che due soldati sono rimasti gravemente feriti quando i manifestanti li hanno attaccati vicino al Parlamento mercoledì sera e hanno sequestrato le loro armi e le loro provviste.

La polizia ha detto che l’uomo morto era un manifestante di 26 anni che si è arreso dopo essere stato colpito a colpi di arma da fuoco vicino all’ufficio del primo ministro.

Un aiutante del presidente del Parlamento Mahinda Yapa Abhiwardena ha detto che Rajapaksa aveva ripetutamente assicurato al presidente del Parlamento che si sarebbe dimesso mercoledì, ma la sua lettera di dimissioni non è arrivata fino a giovedì.

L’ufficio del presidente del parlamento ha dichiarato in una dichiarazione che una sessione del parlamento prevista per venerdì è stata posticipata e che i leader dell’opposizione si incontreranno venerdì per determinare la prossima linea di condotta.

READ  Mariupol: il capo dell'esercito ucraino afferma che le persone rischiano la vita ogni volta che lasciano il rifugio

L’assistente, che ha chiesto di non essere nominato a causa della delicatezza della questione, ha affermato che il portavoce potrebbe chiedere consiglio al procuratore generale sui prossimi passi se le dimissioni di Rajapaksa non fossero arrivate entro la fine di giovedì.

L’ex primo ministro Mahinda Rajapaksa e l’ex ministro delle finanze Basil Rajapaksa, entrambi fratelli del presidente, hanno detto alla Corte Suprema attraverso i loro avvocati che rimarranno nel Paese almeno fino a venerdì.

Stavano rispondendo a una petizione anticorruzione di Transparency International in cerca di azione”.Contro i responsabili dell’attuale crisi economica“.

Martedì i funzionari dell’immigrazione avevano vietato a Basil Rajapaksa di viaggiare fuori dal paese. Leggi di più

Il Parlamento dovrebbe nominare un nuovo presidente a tempo pieno il 20 luglio e una fonte di alto livello del partito al governo ha detto a Reuters che Wickremesinghe è stata la prima scelta del partito anche se non è stata presa alcuna decisione. La scelta dell’opposizione è il loro principale leader, Sajith Premadasa, figlio di un ex presidente.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Lin Chen e Edgar Su a Singapore, Sudarshan Varadhan a Nuova Delhi e Waruna Karunatilak a Colombo. scritto da Krishna in Das; Montaggio di Raju Gopalakrishnan e Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.