Il presidente ha detto che l’Ucraina vuole la pace ma non cederà il suo territorio alla Russia

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parla durante la conferenza annuale sulla sicurezza di Monaco, a Monaco, in Germania, il 19 febbraio 2022. REUTERS/Andreas Gebert

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

KIEV (Reuters) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di indebolire gli sforzi di pace e ha escluso qualsiasi concessione regionale in un discorso alla nazione nelle prime ore di martedì.

Zelensky ha parlato dopo la decisione della Russia di riconoscere formalmente due regioni dell’Ucraina orientale sostenute da Mosca come indipendenti e di inviare truppe nella regione, facendo precipitare una crisi che l’Occidente teme possa scatenare una grande guerra. Per saperne di più

Dopo aver presieduto una riunione del Consiglio di sicurezza, Zelensky ha accusato la Russia di aver violato il territorio sovrano dell’Ucraina e ha affermato che ciò potrebbe significare che Mosca avrebbe interrotto i colloqui di pace di Minsk volti a porre fine al conflitto separatista nell’Ucraina orientale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Zelensky ha detto che l’Ucraina voleva risolvere la crisi attraverso la diplomazia, ma il suo paese era pronto a scavare a lungo termine.

“Siamo impegnati nel percorso pacifico e diplomatico e lo seguiremo solo”, ha detto Zelensky. “Ma siamo nella nostra stessa terra, non abbiamo paura di niente e di nessuno, non dobbiamo nulla a nessuno e non daremo nulla a nessuno”.

Ha chiesto un vertice di emergenza dei leader di Ucraina, Russia, Germania e Francia, esortando gli alleati dell’Ucraina ad agire contro la Russia.

Un testimone della Reuters ha visto colonne insolitamente grandi di equipaggiamento militare muoversi attraverso la città separatista di Donetsk dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto al ministero della Difesa russo di inviare truppe nelle due regioni per “mantenere la pace”.

READ  La Commissione afferma che l'Ucraina dovrebbe diventare un candidato per l'adesione all'UE

Le azioni della Russia hanno attirato la condanna degli Stati Uniti e dell’Europa e la promessa di nuove sanzioni, sebbene non fosse immediatamente chiaro se l’Occidente avrebbe visto l’azione militare russa come l’inizio di un’invasione a tutto campo. La regione era già in pratica sotto il controllo dei separatisti sostenuti da Russia e Mosca.

L’amministrazione Zelensky ha espresso frustrazione per la riluttanza dell’Occidente a imporre sanzioni preventive dopo che la Russia ha ammassato più di 100.000 soldati vicino al confine ucraino nelle ultime settimane.

“Ci aspettiamo misure di supporto chiare ed efficaci dai nostri partner”, ha affermato Zelensky. “È molto importante scoprire chi è il nostro vero amico e partner, che continuerà a intimidire la Federazione Russa con le parole”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Pavel Politiuk, Maria Tsvetkova, Matthias Williams; Montaggio del Lincoln Fest.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.